Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Ternana, quando ad anno nuovo la panchina sobbalzava

Cambi di allenatore, esoneri, esordi, ecco quante volte nella storia rossoverde la prima gara del nuovo anno solare segnava novità.

Anno nuovo panchina nuova. Oppure, esonero nuovo. Nei destini di tanti allenatori della Ternana, la prima partita dell’anno astronomico nuovo, spesso coincisa con la ripresa post natalizia del campionato, ha comportato novità alla guida tecnica della squadra. Vediamo, dunque, quali e quante volte la prima partita del nuovo anno solare ha segnato il destino della panchina rossoverde, partendo dal primo caso legato a Tommaso Stefanini nel 1961 e arrivando all‘ultimo con Luigi De Canio (foto in evidenza) esonerato nel 2019.

INIZIO CON ‘SILURO’. Anno nuovo con addio per cinque allenatori della Ternana, prendendo in esame tutti i campionati in cui il torneo si accavallava tra un anno solare e l’altro. Nel 1961, a farne le spese fu Tommaso Stefanini, che dovette lasciare la panchina per il ritorno di Oreste Cioni. Nel 1970, in serie B, un Ternana-Piacenza 0-1 segnò l’addio di Umberto Pinardi. Dopo l’interregno del tecnico delle giovanili  Dante Fortini durato una partita sola, arrivò sulla panchina Serafino Montanari. Esonero quasi a Capodanno, il 2 gennaio 1994, per Claudio Tobia, tornato ad allenare le Fere nei dilettanti dopo la cancellazione dal professionismo, ma al quale fu fatale la sconfitta interna per 1-0 con il Teramo. Lo rilevò Paolo Ammoniaci. Nella storia più recente, un Pisa-Ternana 1-0 alla ripresa di gennaio dopo la sosta invernale portò Benito Carbone a dimettersi, con conseguente ingaggio di Carmine Gautieri. L’ultimo addio è quello di Luigi De Canio, esonerato nel gennaio 2019 dopo una sconfitta interna con il Fano in serie C. Al suo posto la “meteora” Alessandro Calori, che non completerà nemmeno un mese di guida tecnica.

CON RIPENSAMENTO. C’è anche un esonero ritirato, nella storia delle prime partite dell’anno solare della Ternana. Successe nel 2011, in Lega Pro, Prima divisione, quando un pareggio per 1-1 a Cosenza mandò su tutte le furie l’allora presidente (per poco) Angelo Deodati che esonerò l’allenatore, Fernando Orsi. In quel caso, però, la squadra fece quadrato intorno al mister e convinse l’allora numero uno rossoverde a rivedere le sue decisioni e a revocare quell’esonero. Orsi, tuttavia, sarebbe stato comunque allontanato un mese dopo, per l’arrivo di Bruno Giordano.

ANNO NUOVO, MISTER NUOVO. La prima gara di gennaio, però, è coincisa più volte anche con degli esordi in panchina, con esoneri già avvenuti prima di Natale, o durante le Feste. E’ successo tre volte, nella storia della Ternana calcio. La prima nel 1995, con l’esordio di Massimo Silva chiamato al posto di Leonardo Acori, in un Sangiovannese-Ternana 1-1 di serie D. Nel 2002, in serie B, con Claudio Tobia esonerato dopo la gara prenatalizia persa con la Reggina, ecco l’esordio alla prima gara di gennaio (Ternana-Bari 1-1) di Bruno Bolchi. L‘ultimo esordio ad anno nuovo di un allenatore sulla panchina della Ternana, in Carpi-Ternana 1-2 del gennaio 2014, è stato quello di Attilio Tesser, ingaggiato il 2 gennaio dello stesso anno per rilevare Domenico Toscano dopo l’esonero avvenuto il 31 dicembre 2013.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Sarebbe meglio richiamare Cristiano Lucarelli"

Ternana, continua la crisi. Giusto proseguire con Andreazzoli?

Ultimo commento: "Hahahaha ma che cavolo dici .....mi tenevo Lucarelli 1000 volte grande allenatore del catenaccio"

L’esito del sondaggio: la Ternana dovrebbe richiamare Lucarelli

Ultimo commento: "Se dobbiamo paragonare Lucarelli al catenacciaro Andreazzoli tutta la vita Lucarelli...."

Mercato nullo: a che campionato può aspirare la Ternana? Dite la vostra (SONDAGGIO)

Ultimo commento: "Ma quale serie A dovesse accadere chi ti dà i soldi per iscrizione e tutto il resto, la serie A costa,se riesci ad arrivarci devi sperare in un suo..."

Vota il miglior calciatore rossoverde del 2022 nel nostro SONDAGGIO

Ultimo commento: "Bravissimo e molto tattico. Complimenti al suo mister."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Amarcord