Resta in contatto

Amarcord

Cosenza-Ternana e quel pareggio amaro prima della tragedia

Nella disgraziata stagione 1992-93 in serie B, la Ternana oltre a chiudere col fallimento e la retrocessione è involontaria protagonista di uno degli episodi più tristi del calcio

Cosenza-Ternana è legata ad una delle pagine più tristi del calcio calabrese. I rossoverdi neopromossi in B ne furono involontari co-protagonisti e in quella stagione 1992-93, che per la Ternana fu disgraziata, visto che culminò con la retrocessione ed il fallimento, sono consegnati anche alla storia per l’ultimo gol nella breve ma intensa carriera di un giocatore sfortunatissimo: Massimiliano Catena.

E’il 27 settembre del 1992, si gioca la quarta giornata di andata.  Alla Ternana, ultima con un punto, sta riuscendo l’ìmpresa: battere il fortissimo Cosenza di Fausto Silipo in casa. Una rete di Francesco Fiori alla mezzora ha  regalato i rossoverdi il vantaggio ma i calabresi, meglio organizzati, spingono per tutto il match sino a trovare il gol a 10′ dalla fine. Lo segna, appunto Catena.

A 23 anni il talento scuola Torino è alla terza stagione in Calabria. In quella partita, Catena mette a segno uno dei gol più belli della storia del Cosenza, con un bolide dai 30 metri: Mauro Rosin, portiere della Ternana, si distende, ma non ci arriva. Catena festeggia il pari, lo dedica al papà Monaldo che sta lottando con una terribile malattia. Poi parte per Roma, proprio per stare vicino ai genitori.

Il tecnico Silipo, vista la situazione familiare, gli concede un giorno in più di permesso ma lui vuole presentarsi in tempo alla ripresa e così quel giovedì 1 ottobre si mette in macchina da Roma, destinazione Taranto, dove la squadra è in ritiro. Catena non raggiungerà mai i suoi compagni: morirà sulla Salerno-Reggio Calabria,  in un terribile incidente stradale in prossimità dello svincolo autostradale di Tarsia-Nord, in località Spezzano Albanese. Alla sua memoria verrà intitolata la Curva Nord dello Stadio San Vito-Marulla.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

“Lele” Ratti, il recordman di presenze in rossoverde

Ultimo commento: "28 reti no di sicuro ,non segnò mai."

Top 11 rossoverde: Grava, partito dalle Fere e arrivato alla fascia che fu di Maradona

Ultimo commento: "Un calciatore che ha' fatto della determinazione ed abnegazione il suo percorso formativo e calcistico , dando spesso tutto di se sudando la maglia..."

Top 11 della Ternana: Borgobello, vicecapocannoniere della storia rossoverde

Ultimo commento: "A Siena fu bellissima. Grava espulso e Mareggini che faceva le uscite di testa.... Grande Borgo, uno che in campo non mollava mai"

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Me lo ricordo. Un grande!"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Claudio Tobia a Catanzaro lo ricordiamo con affetto per essere stato il Mister della promozione in B 1986 / 1987"
Advertisement

Altro da Amarcord