Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

L’alfabeto rossoverde: il 2022 della Ternana in 21 lettere

Come tradizione, vi raccontiamo l’anno rossoverde in 21 lettere. Ventuno storie, altrettanti fotogrammi di dodici mesi ricchi di emozioni sportive molto diverse e per questo comunque bellissime

A come Allenatori.  Andreazzoli ha preso il posto di Lucarelli e diventa il sesto tecnico dell’era Unicusano. L’esordio dell’esperto massese non è stato dei migliori, ma Lucarelli era giunto al capolinea della sua esperienza perchè dopo la gara col Genoa la situazione è andata in picchiata.  Forse non era soltanto colpa sua, ma come sempre in questi casi, è il tecnico a pagare. La sosta dirà se le pedine potranno andare di nuovo tutte al loro posto.

B come Bandecchi. Inevitabilmente, sono ancora le sortite mediatiche e le decisioni effettive del patron a segnare l’anno solare. La sfuriata contro i tifosi ha fatto il giro d’Europa, così come la sua discesa in politica non ha lasciato indifferenti. In ogni caso, non si può dire che oltre ai soldi, non ci metta la faccia.

C come Clinica. Il 2022 è stato l’anno che ha cancellato il progetto pensato della clinica a supporto della costruzione dello stadio, ma dopo che la Regione ha finalmente resa nota la disponibilità dei posti in convenzione, non è detto che la questione non si possa riaprire nel 2023. Nonostante le smentite, è probabile che il futuro della Ternana possa passare anche da questo progetto. Ma prima c’è da finire un campionato, magari in gloria.

D come Donnarumma. Il dottor Jekyll e Mr Hyde della Ternana. Tanto decisivo lo scorso campionato, con 14 centri, quanto anonimo in questo, con appena una rete. Prima le voci di una possibile partenza, col procuratore che ha esternato il malessere per lo scarso impiego, poi un infortunio che l’ha fermato. In mezzo, oggettivamente, una serie di brutte partite. La speranza è che ora con Andreazzoli, che lo conosce bene e lo ha trattenuto, le cose cambino.

E come E-Sports. Può sembrare il contrario, ma in realtà il  prossimo debutto della Ternana nel mondo degli e-sports, è una cosa seria: quello dei videogiochi sportivi con i club di calcio è un mercato di grandi prospettive ed in enorme espansione. Si attendono sviluppi.

F come Falletti. Anche lui, come Donnarumma, è il Giano Bifronte dell’anno solare. Lo scorso campionato, pur giocando poco, è stato spesso decisivo, quest’anno dopo l’infortunio si è spenta la luce e fatica a riaccendersi. Le magie del ‘folletto’ sono mancate tantissimo in questo girone di andata.

G come Giocatori. Sono 39 quelli impiegati nell’anno solare, un numero nella media considerate le tre sessioni di mercato affrontate. Ma soprattutto in questo campionato, emerge il gap con le big del campionato, quindi forse più che di quantità è questione di salto di qualità mancante.

H come Hype: Anche grazie all’istrionico presidente Bandecchi, la Ternana è sempre sulla cresta dell’onda mediatica. L’ultima sortita, quella in favore della calciatrice esclusa dalla rosa in quanto in maternità, ha acceso una luce positiva sul club. La candidatura a sindaco dello stesso Bandecchi ha fatto altrettanto rumore.

I come Iannarilli: Messo in discussione ogni estate, alla fine Iannarilli è una delle pochissime certezze di questa squadra. Ha saputo conquistarsi la fiducia sul campo a suon di prestazioni e non sarà facile per nessun altro portiere togliergli il posto.

L come Lettera d’intenti: L’ormai celebre documento fatto firmare da Bandecchi a Lucarelli ad inizio stagione è stato consegnato alla storia e riletto dopo l’esonero fa capire quanto il rapporto si fosse deteriorato, visto che molti di quei punti sono stati e continuano ad essere disattesi. Forse già ad agosto l’avventura di Lucarelli era partita col timer, probabilmente non hanno coinciso i tempi.

M come Mille tifosi: Quelli che hanno colorato anche di rossoverde la trasferta di Frosinone, la più numerosa del girone di andata come presenze rossoverdi. Il tifo c’è sempre, che si giochi a Bolzano oppure a Palermo. Chi tifa ha diritto a protestare e contestare (non a tirare le cose in faccia, qualunque esse siano). Servirebbe da una parte la consapevolezza che senza il tifo non si va da nessuna parte  e dall’altra il fatto che non sempre le cose vanno come si vorrebbero e che comunque la società si assume la responsabilità delle sue decisioni.

N come Nessuno: Il settore giovanile della Ternana continua a dare risultati mediocri, soprattutto la Primavera dove Ferruccio Mariani fa i miracoli con la rosa modesta che gli è stata messa a disposizione. Se l’obiettivo è quello di lavorare per portare qualche ragazzo in prima squadra, per adesso siamo parecchio lontani. Anche perchè nessuno fra coloro che negli ultimi due anni hanno giocato in Primavera ha trovato squadra in un club professionistico. L’intervista rilasciata a Calciofere dal dg Palladinetti lascia più che perplessi.

O come Ottimismo: Bandecchi e Andreazzoli continuano ad infonderlo e fanno bene, perchè in fondo c’è tutto un girone di ritorno da giocare. E’ ancora presto per tirare le somme della stagione.

P come Palumbo: Re degli assist lo scorso campionato in serie B, quest’anno ha iniziato sulla stessa falsariga, per poi accusare un momento di flessione. La sensazione è che non si più sereno come prima.

Q come: Quattro: Sia Lucarelli che Andreazzoli hanno deciso di puntare sulla difesa a quattro, per provare  a garantire stabilità al reparto, anche se ovviamente in allenamento vengono provate anche le varianti a tre. Qualcosa però si è rotto perchè la squadra, dal Genoa in avanti, è tornata ad imbarcare reti.

R come Rosa. La Ternana Women è il vero gioiello del 2022: una squadra che ha sfiorato la vittoria della Coppa Italia di serie C, perdendo una finale giocata sotto il sole cocente d’estate e poi completamente rinnovata anche nella dirigenza, al suo primo anno di serie B, ha chiuso l’anno solare terza ad un punto dalla vetta. Rossoverde, dunque, ma anche un pò rosa.

S come Serie A: Il sogno di tutti, in primis della società che ha investito e sta investendo tanto. Bandecchi stesso è tornato ad evocarla su Instagram.

T come Ternanello: La grottesca vicenda del ricorso che ha bloccato il centro sportivo per motivi estetici ed ambientali, ma non il pallone che sovrasta il campo da padel nella stessa zona fa pensare a tante cose. Ma il progetto va avanti. Il 2023 dirà se tuttavia si sposterà a Narni, dove i contatti sono già avviatissimi.

U come Under. Gli Under 23, questi sconosciuti in casa rossoverde. Lucarelli non ha mai fatto salti di gioia per i giovanissimi: il campionato scorso anche un elemento di talento come Koutsoupias non fu impiegato che a sprazzi, stesso dicasi per Capone e Mazzocchi. Quest’anno le cose non vanno meglio, anzi, la Ternana ha persino un record negativo.

V come Var: Anche quest’anno, l’occhio elettronico si conferma croce e delizia per la Ternana.

Z come: Zero a zero: Nell’era Lucarelli era un risultato rarissimo, uscito solo una volta nel passato campionato (quarta di ritorno a Pisa, era il 12 febbraio). Prima dell’esonero però ha rotto anche questo tabù infilandone tre di fila contro Bari, Spal e Brescia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

L’esito del sondaggio: la Ternana dovrebbe richiamare Lucarelli

Ultimo commento: "Società completamente disorganizzata, regna ancora ad oggi 25 gennaio una grande confusione.......per me si rischia tanto.....ci vorrebbe un DG con..."

Vota il miglior calciatore rossoverde del 2022 nel nostro SONDAGGIO

Ultimo commento: "Bravissimo e molto tattico. Complimenti al suo mister."

Ternana, continua la crisi. Giusto proseguire con Andreazzoli?

Ultimo commento: "Vi scrivo da Empoli, Andreazzoli è un grandissimo allenatore e promuove un calcio moderno....dategli tempo e magari giocatori adatti al suo gioco e..."

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Andreazzoli forse è il meglio anche se nel calcio tutto è relativo"

Viciani trionfa ancora, sua la ‘Supercoppa delle Fere’!

Ultimo commento: "Mi erano sfuggite le fasi precedenti per la formazione di questa ideale classifica...ma condivido ampiamente l'esito finale ... quella del Maestro..."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da News