Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Esclusive

Ternana Women, Melillo: “Orgoglioso di questo gruppo, ora riprendiamo la scia”

Nostra intervista all’allenatore della formazione femminile: “Avrei firmato per trovarmi a Natale ad un punto dal primo posto…”

La Ternana Women ha ripreso ad allenarsi dopo le feste natalizie in vista della ripresa del campionato di serie B, fissato per il 15 gennaio al Gubbiotti di Narni Scalo contro il Cittadella. Anno nuovo, poche rivoluzioni. Da un lato perchè la squadra va molto bene essendo terza ad un punto dalla vetta, dall’altro per l’assurdità di una normativa federale che di fatto impedisce qualunque trasferimento che non veda protagonista almeno un club di serie A.

Questo perchè il differente status delle giocatrici (che dalla B a scendere sono ancora dilettanti), prevede condizioni diverse di mercato. Dunque nessun trasferimento possibile fra club di serie B o fra squadre cadette e di serie inferiori, perchè il mercato si è chiuso prima di Natale. Dunque dopo l’arrivo in prestito di Alessia Corazzi, eventuali operazioni sono tutte da scrivere. Le tre in uscita sono state tutte effettuate prima di Natale: Eirini Nefrou è tornata in Grecia per motivi familiari (al suo posto ha già debuttato Martina Santoro), mentre due delle tre calciatrici rimaste dallo scorso gruppo hanno lasciato il rossoverde: Rangana Timo si è svincolata e Rebecca Quirini è scesa in serie C all’Orvieto FC.

A Calciofere, il tecnico Fabio Melillo spiega: “Corazzi è arrivata a colmare il buco che avevamo a centrocampo quando in estate non siamo riusciti a tesserare l’israeliana Awad. Conosco bene Corazzi per averla affrontata con la Roma ed è un elemento molto forte. Adesso restiamo vigili: abbiamo un paio di profili italiani e altrettanti stranieri che stiamo visionando, ma vista la situazione bisognerà capire se è meglio nel caso prenderli ora oppure a giugno”.

Il bilancio attuale

A tre giornate dalla fine del girone di andata (dopo il Cittadella, trasferta a Brescia per concludere in casa col San Marino), il bilancio non può che essere positivo: “Avrei messo la firma per trovarmi terzo ad un punto dalla vetta – dice Melillo – soprattutto se consideriamo che questa è una squadra costruita ex novo, dal nulla, certamente cercando di seguire le indicazioni societarie ma comunque cambiando tanto. L’obiettivo era quello di creare un gruppo che potesse far parlare di sè ed innamorare i tifosi della Ternana: tutti ci fanno i complimenti, quindi vuol dire che abbiamo lavorato bene”.

Anche se, spiega Melillo: “cerco sempre di tenere il profilo basso, perchè non dobbiamo mai pensare di aver fatto il massimo”. Il campo però dice che per quello che si è visto sin qui, solo il Napoli è apparso davvero superiore alle rossoverdi: “Diciamo che ci manca qualche punto ma va bene così, perchè il calcio non è matematica“, sottolinea Melillo  “E in fondo non abbiamo mai sofferto. Napoli e Lazio hanno qualcosa in più delle altre, ma per il resto ce la giochiamo con tutti”.

Un’opinione condivisa anche dalla società: “Il presidente Bandecchi mi ha chiamato per testimoniare il suo entusiasmo, ci ha detto che è orgoglioso di come le ragazze stanno rappresentando la Ternana”.

La ripresa

Intanto, però, c’è da chiudere al meglio l’andata: “La sosta è arrivata al momento giusto – dice Melillo – la squadra aveva tirato al massimo ed era stanca soprattutto di testa. Ora speriamo di ritrovare lo stesso feeling di prima. L’obiettivo resta che la Ternana venga riconosciuta come realtà importante del settore femminile. Se poi a Marzo saremo ancora lassù… l’appetito viene mangiando”.

La terna in rosa

Ultimo pensiero per l’esordio della prima terna arbitrale tutta al femminile del calcio italiano, del quale è stata protagonista la Ternana a Frosinone: “Non avevo dubbi che avrebbero fatto bene – conclude MelilloConosco Ferrieri Caputi, mi ha arbitrato varie volte ed ha sempre ben diretto. Le donne nello sport sono ambiziose, vogliono maturare e curano i particolari: è per questo che mi sono innamorato dello sport al femminile. I successi che sono arrivati anche negli altri sport dimostrano quanto sia grande il desiderio di affermarsi. Non mi stupisce dunque che anche dal settore arbitrale arrivi qualità”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Ternana, continua la crisi. Giusto proseguire con Andreazzoli?

Ultimo commento: "Hahahaha ma che cavolo dici .....mi tenevo Lucarelli 1000 volte grande allenatore del catenaccio"

L’esito del sondaggio: la Ternana dovrebbe richiamare Lucarelli

Ultimo commento: "Se dobbiamo paragonare Lucarelli al catenacciaro Andreazzoli tutta la vita Lucarelli...."

Mercato nullo: a che campionato può aspirare la Ternana? Dite la vostra (SONDAGGIO)

Ultimo commento: "Ma quale serie A dovesse accadere chi ti dà i soldi per iscrizione e tutto il resto, la serie A costa,se riesci ad arrivarci devi sperare in un suo..."

Vota il miglior calciatore rossoverde del 2022 nel nostro SONDAGGIO

Ultimo commento: "Bravissimo e molto tattico. Complimenti al suo mister."

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Andreazzoli forse è il meglio anche se nel calcio tutto è relativo"
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Esclusive