Resta in contatto

Approfondimenti

Frosinone-Ternana 1-1, Pettinari si sblocca e salva le Fere

Allo Stirpe un gol per tempo davanti a più di settemila ternani, rossoverdi con l’uomo in più, prima rete stagionale per l’attaccante

Ancora un risultato utile, per la Ternana. L’1-1 sul campo di Frosinone fa classifica e fa morale. Ottenuto in uno stadio Stirpe nel quale hanno echeggiato le voci di ben 767 tifosi ternani al seguito. Ci sono, tuttavia, delle recriminazioni. Intanto, Ternana che ha pagato un approccio sbagliato ritrovandosi sotto di un gol. Inoltre, la superiorità numerica arrivata per l’espulsione del difensore dei ciociari Gatti, avvenuta nel primo tempo, ha evidenziato una Ternana meno incisiva di quanto ci si potesse attendere, anche se poi, alla fine, è stata proprio la squadra rossoverde a sfiorare la vittoria. Ternana nella quale hanno pesato assenze importanti di uomini come Proietti e Falletti  che svolgono sempre compiti importanti e spesso determinanti per il rendimento della squadra di Cristiano Lucarelli. Il tecnico non  ha rinunciato al suo 4-2-3-1 di base, inserendo Kontek in mediana insieme a Paghera e proponendo Koutsoupias trequartista. La partita ha visto pure il ritorno di Furlan nell’undici di base. Poi, però, il tecnico ha cambato modulo, passando a un 4-4-2.

LA TESTA DI CHARPENTIER. Frosinone partito meglio e già vicino alla segnatura dopo pochi minuti con una punizione dal limite scheggiata dal palo. Partenza pessima, per i rososverdi. I ciociari ne hanno approfittato quasi subito e sono riusciti a sbloccare il risultato con un colpo di testa di Charpentier. Rete arrivata dopo che in due precedenti frangenti la squadra rossoverde era stata salvata dalle parate di Iannarilli. Brutto approccio, per la Ternana. Cambio di modulo per mister Lucarelli, dopo aver richiamato in panchina Paghera per sostituirlo con Pettinari. Fere col 4-4-2. Frosinone avanti nel punteggio, ma rimasto in dieci quando Gatti si è fatto ammonire per la seconda volta per un fallo plateale su Donnarumma lanciato verso la porta, finendo espulso. Rossoverdi vicini al pareggio per due volte nel finale di frazione, prima con un tiro da fuori area di Koutsoupias deviato in angolo da Ravaglia e poi, sul successivo corner, con un tiro ravvicinato a botta sicura di Donnarumma ribattuto fortunosamente quasi sulla riga da un difensore della squadra di casa. Senza fortuna, poi, una conclusione da lontano di Kontek, scagliata abbondantemente alta. Ternana molto pericolosa nei minuti conclusivi, agevolata sia dalla superiorità numerica che da una ritrovata armonia di gioco e fraseggio, mancata per quasi tutto il primo tempo. Poca incisività, però, nel giocare un paio di palloni dentro all’area avversaria. Cosa che ha permesso ai ciociari di andare al riposo sull’1-0.

SI SBLOCCA PETTINARI. Altro piglio, per la Ternana, nel secondo tempo. Il piglio che ha portato a trovare il pareggio, grazie al primo gol di Pettinari in questa sua seconda parentesi rossoverde, con l’ex Lecce bravo a ribadire in rete un palla respinta da Ravaglia su un precedente tiro di Koutsoupias. Raggiunto il pareggio, gli ospiti hanno provato a far cominciare un’altra partita, visto che in superiorità numerica si poteva pure sperare meglio di sfruttare gli spazi avversari. Nella seconda frazione, è stata proprio la Ternana ad aver avuto le occasioni migliori. Ce ne sono state due o tre importanti in tutta la prima mezz’ora di ripresa, ma senza che la squadra di Lucarelli riuscisse a trovare la giocata vincente per ribaltare il punteggio a proprio favore. Frosinone attento a non soffrire troppo, ma Grosso si è via via affidato a uomini freschi in tutti in reparti, grazie ai cambi effettuati. A 10 dalla fine, ecco di nuovo venire fuori le Fere, con un colpo di testa di pochissimo al lato del nuovo entrato Mazzocchi. Con l’approssimarsi del finale di gara, ecco di nuovo la Ternana uscire fuori meglio degli avversari, questi ultimi apparsi stanchi. I tentativi della squadra rossoverde, però, hanno mancato di incisività. Dunque, è mancata l’opportunità vera e propria per fare il colpaccio. Il pareggio è rimasto tale. Per la Ternana, si è trattato del quinto risultato utile consecutivo.

Il tabellino.

FROSINONE (4-3-3): Ravaglia; Zampano, Gatti, Szyminski, Cotali; Boloca, Ricci (22’st Maiello), Garritano; Canotto (22’st Cicerelli), Charpentier (22’st Ciano), Zerbin (29’pt Casasola).

Panchina: De Lucia, Minelli, Gori, Lulic, Haoudi, Tribuzzi, Novakovich, Satariano. Allenatore: F.Grosso.

TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli; S. Diakité (30’st Ghiringhelli), Sørensen, Capuano, Martella; Kontek (16’st Salzano), Paghera (19’pt Pettinari); Partipilo, Koutsoupias,Furlan (16’st Capone); Donnarumma (23’st Mazzocchi).

Panchina: Vitali, Krapikas, Boben, Celli, Mazza, Peralta. All.: Lucarelli.

Arbitro: Cosso (Reggio Calabria).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Top 11 della Ternana: Borgobello, vicecapocannoniere della storia rossoverde

Ultimo commento: "non sò chi ha scritto l'articolo ma veniva dal Brescello e non dal Chievo ;)"

“Lele” Ratti, il recordman di presenze in rossoverde

Ultimo commento: "28 reti no di sicuro ,non segnò mai."

Top 11 rossoverde: Grava, partito dalle Fere e arrivato alla fascia che fu di Maradona

Ultimo commento: "Un calciatore che ha' fatto della determinazione ed abnegazione il suo percorso formativo e calcistico , dando spesso tutto di se sudando la maglia..."

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Me lo ricordo. Un grande!"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Claudio Tobia a Catanzaro lo ricordiamo con affetto per essere stato il Mister della promozione in B 1986 / 1987"
Advertisement

Altro da Approfondimenti