Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Bernardini di Forzaparma.it: “Contro la Ternana mi attendo un approccio aggressivo”

La partenza al rallentatore e le ambizioni del club crociato nella sfida contro la Ternana e nel campionato, raccontate dal cronista del sito del nostro gruppo

La Ternana si appresta a sfidare il Parma in campionato mercoledì pomeriggio alle ore 18.30. I gialloblù sono reduci dalla sconfitta con la Cremonese mentre i rossoverdi vengono dal corroborante pareggio di Monza. Che partita attende le due squadre? Le sensazioni sul fronte parmigiano di Marco Bernardini, collega del portale del nostro gruppo forzaparma.it

Partenza diesel

Il Parma, fra le grandi favorite per la vittoria, non è partito esattamente a tutto gas: “Era inevitabile incontrare qualche difficoltà all’inizio della stagione perchè il Parma ha cambiato tanto sia a livello di filosofia che di staff e giocatori – dice Bernardini –  Chiaro che forse ci eravamo un po’ tutti illusi di aver imboccato la strada giusta dopo il poker in casa del Pordenone ma in serie B non ti regala niente nessuno e il ko con la Cremonese ha messo a nudo limiti e lacune ancora presenti in rosa”.

I problemi sono diversi: “Sono emersi soprattutto in fase difensiva perchè spesso gli avversari si presentano al tiro con troppa facilità. È un discorso generale di adattamento alle idee innovative di Maresca che cerca di portare un calcio propositivo e posizionale dovendo però fare i conti con la dura realtà del torneo cadetto pieno di squadre organizzate e preparate sotto l’aspetto fisico e mentale. A far da contraltare all’avvio non molto convincente c’è però  il buon impatto dei “senatori” Buffon, Danilo, Schiattarella e Vazquez, se si esclude l’ingenua espulsione di domenica, un lusso per la categoria, che si sono calati nella partita e sopperiscono alla mancanza del bel gioco attraverso il carisma, la personalità e la fame da trasmettere ai più giovani”

Rilancio cercasi

Come per la Ternana la gara di Monza, anche per il Parma la sfida con la Cremonese può segnare un spartiacque: ” Fortunatamente il Parma ha subito la possibilità di lasciarsi alle spalle la sconfitta casalinga contro i grigiorossi nel doppio impegno ravvicinato tra Terni e Pisa. Nonostante una rosa corta, soprattutto, a centrocampo, il fatto di tornare in campo in settimana penso sia positivo e permette di non ragionare a lungo sugli errori commessi ma di voltare pagina immediatamente. Poi gli elementi più esperti sapranno di sicuro toccare le corde giuste ed evitare che la squadra possa replicare la deludente prestazione di domenica da cancellare al più presto”

Sulla Ternana

La Ternana mi aveva favorevolmente impressionato a Bologna in Coppa Italia e sono rimasto in parte stupito dalla zoppicante partenza in campionato – dice Bernardini –  L’entusiasmo della neopromossa, reduce tra l’altro da un trionfale cammino in serie C, la bravura di Cristiano Lucarelli, che condusse allo scudetto gli Allievi Nazionali crociati nel 2013, e gli innesti di giocatori come Donnarumma, che non mi sarebbe dispiaciuto vedere al Parma, Martella e Pettinari, tanto per citare tre nomi, mi facevano credere alla vigilia che la Ternana sarebbe stata una mina vagante in ottica play-off. Siamo ovviamente ancora agli inizi, mi aspettavo potesse avere un po’ di punti in più ma il pari di Monza dimostra che la squadra c’è e si farà valere. Il Parma non vorrà farsi più sorprendere dal pressing degli avversari quindi mi attendo un approccio veemente e aggressivo da parte degli uomini di Maresca. Ma la Ternana non resterà a guardare perciò non mi stupirei di assistere ad una partita bella e vivace”.

Le ultime

Mancheranno lo squalificato Vazquez e gli infortunati Osorio, Camara e probabilmente Schiattarella che si è fatto male domenica e al momento risulta in dubbio. In forse anche Tutino che in ogni caso difficilmente sarebbe partito dal primo minuto. “Dunque le scelte saranno quasi obbligate in ogni reparto – dice Bernardini – Davanti a Buffon dovrebbero giocare Delprato, Danilo, Valenti, Coulibaly, in mezzo Juric, Sohm e Brunetta mentre davanti potrebbe toccare a Man, Inglese e Correia visto che Mihaila è uscito con i crampi e fatica a reggere le tre gare in una settimana. Può essere comunque un’arma utilissima da sfruttare anche in corso d’opera”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Top 11 della Ternana: Borgobello, vicecapocannoniere della storia rossoverde

Ultimo commento: "A Siena fu bellissima. Grava espulso e Mareggini che faceva le uscite di testa.... Grande Borgo, uno che in campo non mollava mai"

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Me lo ricordo. Un grande!"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Claudio Tobia a Catanzaro lo ricordiamo con affetto per essere stato il Mister della promozione in B 1986 / 1987"

Top 11 rossoverde: Grava, partito dalle Fere e arrivato alla fascia che fu di Maradona

Ultimo commento: "Errata corrige, il gol del pareggio 1-1"
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario