Resta in contatto

News

Bandecchi: “Ma quale coppa? La Ternana punti ai playoff!”

Il presidente, su Radio Galileo, parla anche di calcio: “A Cesena non ci sarò, non mi interessa. E se vinciamo, niente feste. Puntiamo, piuttosto, alla B”.

Ci risiamo. Il presidente della Ternana, Stefano Bandecchi, torna a dire che la Coppa Italia non gli interessa. La Ternana è pronta a giocare il 27 giugno a Cesena la finale con la Juventus Under 23, ma al patron non sembra interessare più di tanto. Per lo meno, secondo quanto ha dichiarato su Radio Galileo, interpellato in diretta telefonica da Lorenzo Pulcioni. Puuttosto, Bandecchi punta a vincere i playoff per dare l’assalto alla serie B. Quello, è il suo vero obiettivo. Per questo, teme che un eventuale successo in coppa possa creare troppa euforia e portare un po’ di appagamento nel gruppo.

DERBY DOCET… Mentre nelle settimane scorse aveva dichiarato che avrebbe chiesto di fare i tamponi per poter essere a bordo campo il giorno della finale, stavolta dice su Radio Galileo che alla finale non ci andrà. “A Cesena, non ci sarò. La Coppa Italia, non mi interessa. Ho già detto al tecnico Fabio Gallo che se vinciamo la coppa dovrà proibire ogni tipo di festeggiamento. Perché la vittoria della Coppa Italia non ci porta una mazza. Io voglio tentare di fare bene i playoff. Dunque, non perdiamo concentarzione. E’ una partita secca e può succedere di tutto. Ma se per caso le cose dovessero andare bene, non facciamo lo stesso errore fatto due anni fa dopo la vittoria del derby a Perugia, che sembrava che avessimo vinto la Copa del mondo e invece poi siamo retrocessi“.

LA COPPA-“BAMBOLINA”. Bandecchi, su questo, lancia un appello simile pure alla tifoseria ternana. “Questa cosa – dice il presidente – la chiedo anche alla città. Se si vince la Coppa, non fate festeggiamenti e non portate i calciatori fuori concentrazione. Evitiamo l’idea di sentirci appagati per aver vinto una ‘bambolina’. Le feste, semmai, si faranno dopo che avremo portato a casa il massimo risultato possibile. Se non avremo portato a  casa quel risultato, vorrà dire che non avremo fatto al meglio il nostro mestiere. Se si vince solo la Coppa Italia, si resta in serie C. Se si vincono i playoff, invece, si va in serie B“.

DUE SQUADRE, MA UNA SOLA TITOLARE. Parlando dei playoff e di cosa si attende, il presidente della Ternana appare sicuro e carico più che mai. Vuole dai suoi il massimo impegno e, soprattutto, che si punti concretamente al risultato pieno. Questo, a prescindere da chi si avrà di fronte durante il cammino. “Gli avversari? Non temiamo nessuno, in particolare. Gli avversari sono tutti uguali. Numericamente, io ho due squadre. Poi si difendano gli altri, da noi. Ho un attacco eccellente per ben due squadre, ho un centrocampo eccellente per ben due squadre e ho una difesa eccellente per ben due squadre virgola qualcosa. Di cosa dobbiamo aver paura?” E qui ricomincia, come aveva fatto fino allo scorso inverno, a lanciare qualche ‘messaggino‘ anche a mister Gallo: “Dobbiamo semplicemente scegliere chi sono i titolari e andarcela a giocare. I giornalisti scrivono che, se giochiamo in casa, possiamo passare il turno anche con un pareggio. Ma chi se ne frega! Noi dobbiamo provare a vincere ogni partita. Dobbiamo pensare che i playoff si vincono se non mandiamo in campo la stessa squadra che nel girone di ritorno ha fatto pochi gol. Abbiamo avuto la difficoltà a segnare. Invece, i playoff si vincono solo facendo gol“.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altro da News