Resta in contatto

Approfondimenti

Da piccolo sognava Tacconi. Chi è Tomei, il portiere che ha fermato la Ternana

Papà calciatore, zio nello stesso ruolo. Cresciuto con Agazzi all’ombra di Generoso Rossi. Lo scorso anno è stato il miglior portiere del girone C. A Pesaro è già eroe contro le Fere.

I tifosi delle Fere – e pure gli attaccanti – lo ricorderanno a lungo. E’ stato l’uomo che a Pesaro, con almeno tre miracoli, ha negato alla Ternana il gol, costringendola a un esordio all’asciutto. Matteo Tomei, portiere della Vis Pesaro, è stato il migliore in campo. E’ alla prima stagione con i biancorossi, ma in passato ha già lasciato il segno con le sue parate, sempre in C. Lo scorso anno, secondo Tuttoc, è stato il miglior portiere del girone C della terza serie italiana. Ecco alcune notizie in più, sull’esperto estremo difensore.

UNA FAMIGLIA DI CALCIATORI. Matteo Tomei ha 34 anni. E’ nato a Motta di Livenza, nel trevigiano. Viene, però, da una famiglia laziale, di Sora. Sia il papà Aldo che lo zio Ciro, quest’ultimo portiere come Matteo, sono stati due calciatori della squadra sorana. Proprio suo zio, ha avuto un ruolo importante nelle scelte del piccolo Matteo. Anche perché fu proprio lo zio, quando lui era bambino, a regalargli una maglia da portiere di quelle indossate nella Juventus da Stefano Tacconi. I primi passi, li ha mossi nel Padova e nell’Udinese.

IN D, PURE COME GOLEADOR. In carriera, Tomei vanta anche una discreta esperienza in serie D, la categoria nella quale ha cominciato a livello di prima squadra e nella quale era pure tornato dopo una militanza in serie B e in Scozia. Tra l’altro, proprio nei dilettanti, Tomei si è tolto pure la soddisfazione di segnare un gol, trovato di testa da calcio d’angolo. Prima esperienza in D nel 2003, nella Sambonifacese, prima di approdare alla Itala San Marco Gradisca. Poi, un ritorno nelle categorie dilettantistiche, dal 2010 al 2013, disputando una stagione nella Union Tor Di Quinto e due nella Sandonà Jesolo.

LA SERIE B ACCAREZZATA E LA SCOZIA. A 21 anni, eccolo in serie B. Gli si aprirono le porte della Triestina, dove militò nel 2005-2006 e in parte della stagione 2006-2007. In alabardato, Tomei trovò come compagno di squadra e di ruolo un coetaneo, un “certo” Michael Agazzi. Entrambi hanno avuto la possibilità di allenarsi insieme a un portiere allora molto esperto, come Generoso Rossi che era titolare di quella Triestina. Ma non ebbe mai il modo di scendere in campo a difesa della squadra giuliana. L’esperienza a Trieste terminò nel 2007, quando andò in Scozia a giocare nel Ross County, squadra che milita in Seconda divisione.

PARENTESI A VICENZA. Tornato in Italia, Matteo Tomei ha militato per una stagione in Seconda divisione di Lega Pro, nell’Isola Liri. Seguirono, poi, i tre anni nei dilettanti prima del ritorno tra i prfessionisti nel 2013, quando venne preso dalla Virtus Vicenza. Due anni in C, poi l’esperienza della società veneta, a livello di prima squadra, terminò, facendolo ritrovare svincolato.

L’ALTRA SFIDA CON LE FERE. Tomei si ritrovò per un periodo senza squadra, prima di essere chiamato dal Pordenone. E nella prima stagione in neroverde, con Bruno Tedino in panchina, dette già del filo da torcere proprio alla Ternana, al secondo turno di Coppa Italia della stagione 2016-2017, resistendo sullo 0-0 fino ai tempi supplementari al Liberati e capitolando solo nell’extratime con le reti di Simone Palombi e Antonino La Gumina.

MIGLIOR NUMERO 1 A SIRACUSA. Le stagioni a Pordenone sono state due, con ottimo rendimento, risultando spesso decisivo con le sue parate e contribuendo ai numeri di una difesa sempre molto poco perforata, Lo scorso anno ha giocato a Siracusa, sempre in C, risultando il migliore portiere del girone. In squadra, con lui, anche Tiziano Mucciante, attualmente membro della staff tecnico di Luigi De Canio nella Ternana. Quest’anno è approdato alla Vis Pesaro di Leonardo Colucci. E contro questa Ternana che faceva paura, lui si è messo lì e ha chiuso la saracinesca.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Approfondimenti