Calcio Fere
Sito appartenente al Network

L’ex Fera Giulio Forte: “Il Tar non cambierà nulla, valori da recuperare”

Centrocampista degli anni d’oro rossoverdi, oggi ha una scuola calcio e dice la sua sul caso ripescaggi: “La Ternana fa comunque bene a combattere la sua battaglia”

Dopo aver giocato in una delle Ternana più forti di sempre, quella che conquistò la serie C1 nella stagione 1988-89 e nei due anni seguenti, Giulio Forte ha intrapreso la carriera di allenatore nella sua Puglia, guidando squadre sino all’Eccellenza. Da otto anni è tornato a Terni ed oltre ad essere stato protagonista di un cortometraggio a  lui dedicato (“The player“, di Daniele Poli, dal quale è tratta la foto) ha da poco aperto una scuola calcio presso il centro sportivo Angel Soccer in via del Raggio Vecchio

La mia filosofia – dice l’ex rossoverde Forte, che ha ideato la scuola insieme a Roberto Coataè che i ragazzi oltre ad imparare i rudimenti del calcio, prima di tutto si divertano con il pallone. Vogliamo farli crescere come futuri uomini oltrechè farne dei possibili calciatori“. La scuola è rivolta a bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni.

CAMBIARE TUTTO. Con lui, che ha giocato da professionista anche in serie B, l’occasione è buona per parlare della situazione grottesca che sta vivendo la Ternana (e non solo lei) in questo periodo: “Credo sia arrivato il momento di cambiare tutto e di recuperare i veri valori del calcio che col tempo sono andati persi – dice –  Oggi un giorno si decide una cosa e l’altro una cosa opposta: grande confusione, poca certezza, nessun rispetto“.

NIENTE CAMBIA. Ma sull’esito della vicenda ripescaggi, Forte ha una idea chiara: “Credo che non cambierà nulla, che il format resterà a 19 squadre. Lo dicevo anche da prima. La Ternana fa bene a combattere la sua battaglia sino in fondo, ma ormai è anche passato tanto tempo”. Serie B o serie C, la passione di Forte per il rossoverde non cambia: “L’anno scorso sono venuto poco allo stadio perchè chi c’era all’inizio rappresentava tutto l’opposto del calcio come lo vedo io, adesso è certamente diverso. De Canio è un ottimo tecnico, il campo dirà se si è lavorato bene. Spero di essere allo stadio spesso per sostenere le Fere“.

 

 

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 anni fa

Grande!

Articoli correlati

Dopo la vittoria di Reggio Emilia, Breda cambia poco o nulla....
Il tecnico chiama 24 calciatori, recupera Pyyhtiä e Distefano....
Il diesse parla al quotidiano Repubblica: "Raimondo? Più forte di Petagna"....
Calcio Fere