Calcio Fere
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Lo Monaco torna a pungere Bandecchi. “Sul ripescaggio sa troppe cose”

Bandecchi e Lomonaco
Bandecchi e Lomonaco

Ancora polemica a distanza tra Catania e Ternana. L’ad rossazurro sulla sentenza attesa per il 7 e i ripescaggi: “Non vorrei che tutto sia già scritto. Attenzione a pupari e compromessi politici”.

C’è nervosismo. Decisamente. Anche perché, col passare dei giorni, sembra che tante certezze, in mano meno di un mese fa a chi preso decisioni, emesso sentenze e cambiato format di un campionato, comincino a vacillare. Il 7 settembre ci sarà la sentenza del Coni sulla serie B a 19 o 22 squadre e sui ripescaggi, ma a Catania mettono le mani avanti. L’amministratore delegato della società siciliana, Pietro Lo Monaco, ha tenuto ieri una conferenza stampa nella quale ha parlato anche della questione. Ed è tornato a lanciare frecciate al patron della Ternana Stefano Bandecchi il quale, secondo lui, parlerebe con la sicurezza di chi sa più del dovuto.

LEGALITA’ E SOSPETTI. Lo Monaco sostiene, infatti, che il numero uno di Unicusano darebbe per sicure cose che dovrebbero invece essere l’esatto contrario. Come se sapesse cose che altri non sanno. Lo Monaco chiede il ripristino della legalità e, secondo lui, legalità significa erie B a 22 squadre e ripescaggio per Novara, Catania e Siena, come stabilito dalle sentenze di Tnf e Caf.

“NIENTE PANNUCCI CALDI”. Il sito tuttocatania.com riporta le dichiarazioni di Lo Monaco, che in un passaggio dice: “Se poi non vogliamo andare nel merito e facciamo i pannucci caldi, compromessi politici perchè dopo chissà quali promesse sono state fatte, allora si dà pure spazio alle posizioni di squadre come la Ternana. La legge parla chiaro. Il Novara ha visto due gradi giudizio favorevoli, giustamente perchè lo dice la legge e non può cambiarla nessuno. Non vorrei che l’esito fosse già scritto, inventandosi qualunque cosa per rendere nullo il reclamo del Novara. Ho sentito sbandierare che il 7 si ripristinerà la legalità”. Aggiungendo poi: “Non può prevalere un altro aspetto. Significherebbe che i pupari hanno ancora una volta colpito e lasciato il segno. Non voglio pensare a qualcosa del genere. Però siamo in Italia, quello che abbiamo visto nell’ultimo mese ha dell’incredibile”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Una porta per due contro la Cremonese: l'allenatore non ha ancora deciso chi mandare in...
Mantova, Cesena e Juve Stabia in festa in anticipo, nei cadetti ancora tutto aperto....
Proseguono gli allenamenti della squadra in vista di Cremona....

Dal Network

Lo Starting XI dei grigiorossi in vista della gara di domani contro gli umbri Domani...

Ecco i grigiorossi chiamati da Stroppa per la gara contro la Ternana Alle 14 di...

Le parole del tecnico grigiorosso alla vigilia del match contro i ternani La Cremonese domani...

Altre notizie

Calcio Fere