Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Palumbo: “Dico grazie alla Ternana, squadra e città sempre nel mio cuore”

Il centrocampista rossoverde è stato intervistato da gianlucadimarzio.com ed ha raccontato vita e carriera

Antonio Palumbo, centrocampista della Ternana è stato protagonista di una intervista al sito Gianlucadimarzio.com dove ha raccontato vita e carriera.

L’inizio è da brividi:  “Sai io vengo da Scampia, le cose non sono sempre state facili. Ho visto tanta gente sbagliare strade e perdersi. Devo dire grazie alla Ternana”.

Perchè il club lo accolse da ragazzino quando era sfumato il sogno di giocare nel Napoli: Giocare per la squadra della propria città è il sogno di ogni bambino, ma io ero un ragazzino, non la presi come una tragedia. Non fosse stato per i miei genitori probabilmente avrei smesso. Dopo ogni partita piangevo perché volevo tornare a casa. Sono stati loro a darmi la spinta per restare e farmi valere. Gli dirò sempre grazie”

I momenti clou della vita

I momenti chiave per me sono due – dice Palumbo – Il primo è stato quando è nato mio figlio Filippo. Io avevo vent’anni e ho mi sono detto ‘ora diventi uomo per davvero, non sei più solo. “Il secondo invece è l’esordio in Serie A con la Samp di Ranieri. Ma attenzione. La scena chiave per me non è essere entrato contro la Fiorentina, ma è stato scendere in campo tre giorni dopo con la Ternana contro la Casertana. Un bel salto all’indietro. Però mi ha dato quella spinta in più, credimi. Ho ancora in brividi. È stata un’esperienza speciale, vanno tutti a tremila. E poi che te lo dico a fare stai in spogliatoio con Quagliarella, Gabbiadini e tanti altri campioni. Gente che ha vinto campionati e giocato con i migliori. La cosa più importante che ho imparato da loro è stata l’umiltà”. 

Il rapporto con Terni

“Terni sarà sempre il mio posto del cuore. Ho sempre trovato la forza di rialzarmi, lontano dalle pressioni e dai riflettori. E quest’anno siamo pronti a stupire, anche se ovviamente ci aspettano tante battaglie. Ma guai a chiamarci sorpresa. Siamo un gruppo forte e lo dimostreremo”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Andreazzoli forse è il meglio anche se nel calcio tutto è relativo"

Viciani trionfa ancora, sua la ‘Supercoppa delle Fere’!

Ultimo commento: "Mi erano sfuggite le fasi precedenti per la formazione di questa ideale classifica...ma condivido ampiamente l'esito finale ... quella del Maestro..."

‘Supercoppa delle Fere’: Lucarelli, che colpo! Ora contende il trofeo a Viciani

Ultimo commento: "Non c'è storia....per la qualità dei giocatori per le disponibilità economiche della società di allora Viciani ha fatto quello che fece Nostro..."

Ternana, quale allenatore per la stagione 2022-2023?

Ultimo commento: "Ultime parole famose...."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Approfondimenti