Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo del bomber

Bogdan da Zampagna: “Ternana, la forza è nel gruppo. Volevo solo tornare qui”

Il centrale croato inaugura la nuova stagione de L’Angolo del Bomber, a cura dell’ex centravanti rossoverde

Luka Bogdan, centrale della Ternana, inaugura la nuova stagione de L’Angolo del Bomber curata da Riccardo Zampagna.

Si parte parlando del derby vinto: “L’ho vissuto purtroppo in tribuna, da infortunato, ma ho sofferto. Quando sei in panchina è tutto più veloce, ti sfoghi: Quando sei in tribuna, io avevo anche con me amici da Spalato, ti carichi e vivi tutto in maniera più sofferta. La squadra è forte, sono arrivati altri giocatori in un gruppo forte, la gente giusta per la categoria e così ognuno più giocarsi il suo posto. Quando si è trattato di tornare qui non ho guardato le altre scelte: nello spogliatoio c’è qualcosa in più”.

Poi viene ripercorsa la carriera italiana di Bogdan: “Sono arrivato a Vicenza, ho giocato poco e non conoscevo bene nemmeno la lingua. Non giocavo e così sono sceso in C per avere una carica in più, l’ ho trovato Lucarelli e mi sono trovato molto bene. Abbiamo vissuto una grande stagione, sempre ai vertici, con tanta gente allo stadio. Poi sono tornato in B a Livorno, sempre con Lucarelli. Il primo anno mi sono subito infortunato alla caviglia, ma quando ho recuperato dopo un po’ è arrivata anche la convocazione per la Nazionale, purtroppo ho perso gli Europei Under 21 per un infortunio”.

Poi l’avventura a Salerno: “Abbiamo conquistato la promozione in serie A, c’era Castori. Ho segnato 4 gol che sono valsi 4 vittorie…Nicola? Dopo due allenamenti sapeva i nomi di tutti…”

Giovani talento e calcio

Il discorso si sposta poi sulla differenza di cultura calcistica per i giovani fra Italia e Croazia: “In Croazia non ci sono tante squadre di prestigio e chi gioca in serie B già non ce la fa a vivere di calcio, quindi chi ha un po’ di soldi investe nelle accademie di calcio: fra gli altri da quella di mio padre è uscito Livaja. Ci sono tecnici specializzati che fanno solo quello, si dedicano alla formazione dei giovani talenti, come è successo con me, che non avevo assolutamente talento. I ragazzi arrivano a 15 anni alla Dinamo Zagabria e all’Hajduk Spalato che sono già pronti”

L’avventura alle Fere

Quando sono arrivato alla Ternana, ho trovato un calcio diverso rispetto a quello che facevo a Salerno. Non c’è un giocatore che mi ha colpito di più, neanche fra quelli nuovi: è un gruppo molto forte, secondo me. Il gruppo è quello che fa la differenza: la vittoria di Parma, con tutte quelle assenze, ne è un esempio”.

PER RIVEDERE L’INTERVISTA CLICCATE QUI

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da L'angolo del bomber