Resta in contatto

News

Il Tar dà ragione alla Ternana, il Collegio di Garanzia dovrà ripronunciarsi

“Ok, lo scherzo è giusto”. Parafrasando la frase del patron Bandecchi alla fine della presentazione, l’esito clamoroso del ricorso rimette di nuovo tutto in gioco. Udienze il 9 ottobre, gara col Rimini a rischio

Lo ‘scherzo’ che il patron della Ternana Stefano Bandecchi aveva annunciato alla fine della presentazione ufficiale della squadra è andato a segno. Gli avvocati della Ternana Fabio Giotti, Massimo Proietti e Mario Spasiano annunciano infatti che il Tar del Lazio, l’organo al quale erano ricorsi, ha dato loro ragione.

La 1 Sezione Ter, ha accolto la misura cautelare avanzata dal Collegio difensivo, rimandando tutte le carte di nuovo al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni che ora dovrà pronunciarsi prima di tutto sulla ‘eccezione’, ovvero nel merito della serie B a 22 squadre. In sostanza, è stato confermato ciò che Proietti aveva anticipato ai cronisti, ovvero è stato leso il diritto di difesa della Ternana.

IL TESTO COMPLETO. Il Coni dovrà quindi ripronunciarsi da capo valutando  la posizione della Ternana ai fini dell’ eventuale  ripescaggio della Ternana Calcio, ripartendo ovviamente dal primo punto cioè dal format della serie B. Nel dettaglio, ecco il contenuto della sentenza:

Soc. Ternana Calcio S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Mario Rosario Spasiano, Massimo Proietti e Fabio Giotti, contro

Collegio Garanzia Sport – Coni non costituito in giudizio; Lega Nazionale Professionisti Serie B, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Avilio Presutti e Marco Laudani, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso lo studio Avilio Presutti in Roma, piazza San Salvatore in Lauro 10;

per l’accertamento e la declaratoria di nullità o l’annullamento, in una alla remissione al Collegio di Garanzia dello Sport, previa adozione di idonee misure cautelari ex art. 56 c.p.a., della decisione del Collegio di Garanzia dello Sport prot. n. 676/2018 dell’11 settembre 2018 (Doc. 2) con la quale l’adito Collegio, riuniti i ricorsi RG nn. 73/2018, 74/2018, 75/2018 e 76/2018 (il primo e il terzo promossi dalla Società Ternana, attuale ricorrente) in mancanza di qualsiasi eccezione di alcuna delle parti in causa, a seguito della camera di consiglio, senza alcuna comunicazione e tantomeno contraddittorio sul punto, ha dichiarato inammissibili i ricorsi stessi ritenendo che avrebbero dovuto essere proposti innanzi agli Organi di Giustizia Federale ex art. 30 CGS CONI e 43 bis CGS FIGC e non direttamente al Collegio di Garanzia ex art. 54, comma 1, CGS CONI;

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Vista l’istanza di misure cautelari monocratiche proposta dalla società ricorrente, ai sensi dell’art. 56 cod. proc. amm.;

Ritenuto che – in considerazione del danno rappresentato (connesso all’avvio del Campionato di Lega Pro, a cui è attualmente iscritta la società ricorrente, per il 19 settembre 2018) – sussistano i presupposti per l’accoglimento della predetta istanza, ai fini del riesame in tempo utile, da parte del Collegio di Garanzia dello Sport, dei motivi di ricorso, ai fini del possibile ripescaggio della predetta società Ternana Calcio;

P.Q.M.

Accoglie l’istanza di misure cautelari monocratiche, nei termini precisati in motivazione e fissa per la trattazione collegiale la camera di consiglio del 9 ottobre 2018. Il presente decreto sarà eseguito dall’Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria del Tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti. 

VERSO LA SOSPENSIONE. Dunque, appuntamento al 9 ottobre. Ora ovviamente resta da capire se la Ternana scenderà in campo mercoledì contro il Rimini oppure se la Lega Pro deciderà di sospendere la sfida dei rossoverdi – e non solo quella, pare anche quella della Pro Vercelli – in attesa del giudizio.

 

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da News