Resta in contatto

Il punto di Ivano Mari

Che vigilia! I dubbi, la rivalità e le schermaglie tattiche di Ternana-Catania

Al Liberati si rinnova la sfida tra Ternana e Catania che si presenta ricca di incognite. C’è aria di pretattica tra i due allenatori con Raffaele a cui forse piacerebbe offuscare con un’impresa l’ottimo ricordo che i tifosi siciliani hanno di Lucarelli.

Dimenticata la neve di Potenza e constatata l’incapacità della società lucana di liberare il manto in sintetico dalla neve è giunta l’ora di tuffarsi nel vivo di una partita che si preannuncia difficile ed avvincente ovvero Ternana-Catania. Il Liberati è stato sempre un terreno ostico per gli etnei che in 18 matches hanno portato a casa soltanto due volte la vittoria ma attenzione, ed è una raccomandazione rivolta alle fere, perché la squadra di oggi non è più quella dell’andata contro cui la vittoria rossoverde fu assolutamente sacrosanta..

La situazione è cambiata perché in terra siciliana si sta andando incontro alla  risoluzione di diverse problematiche con l’arrivo di Tacopina e perché nel mese di gennaio si sono concluse delle trattative che hanno portato nella rosa rossoazzurra elementi validi come Russotto, Golfo, Di Piazza, un ritorno il suo, Giosa e Sales con gli ultimi due che hanno sistemato il reparto difensivo. Squadra rinforzata, quindi, che nelle ultime 13 partite ha perso soltanto a Caserta (3-2) e analizzando il numero  dei gol realizzati e quelli subìti in trasferta, 12 per la precisione, si evidenzia un lusinghiero equilibrio di squadra.

La partita, poi, propone una sfida tra Lucarelli e Raffaele con il primo che da ex, come del resto all’andata, non ha tenuto la consueta conferenza stampa preferendo evitare domande che potessero metterlo in difficoltà con una piazza, quella siciliana, a cui è rimasto attaccato e in cui ha fatto davvero bene pur in mezzo a mille difficoltà. È proprio quella sua capacità di districarsi tra le problematiche esistenti senza perdere la testa che ha forse convinto Bandecchi a sceglierlo per la sua Ternana. Niente conferenza stampa e nessuna indiscrezione su quella che sarà la formazione che scenderà sul terreno del Liberati: dubbi in difesa, dubbi ancora più pressanti  a centrocampo dove mancherà Palumbo, e certezze in avanti con Vantaggiato, e dietro a lui Partipilo, Falletti e Furlan.

Solo un po’ più chiara la situazione in casa del Catania dove Raffaele sembra avere deciso lo schieramento del 3-4-3 anche se la tentazione di giocare con il 3-5-1-1 non è trascurabile. Insomma, apprestiamoci ad assistere ad una partita estremamente tattica con botta e risposta dei due tecnici a partita in corso. Non resta, quindi, che aspettare le 15 per sciogliere tutti quei dubbi che al momento esistono sulle due squadre, sulle loro formazioni e sugli atteggiamenti che assumeranno in campo. Sul fronte rossoverde, intanto, le novità non mancano a cominciare dalla consegna del progetto di fattibilità del nuovo stadio all’amministrazione comunale.

Il progetto, quindi, muove ufficialmente i suoi primi passi amministrativi per un iter che si preannuncia non facile soprattutto sul fronte regionale visto che il piano di Bandecchi prevede anche la costruzione di una clinica che per metà dei posti letto dovrebbe essere convenzionata con il servizio sanitario nazionale. E su questo versante dopo le prime critiche si è registrata una importante apertura dell’assessore regionale Melasecche che lascia ben sperare per un esito favorevole per la realizzazione dell’intero progetto che riqualificherebbe, insieme al costruendo Palazzetto dello sport, una parte importante della città. Non resta che incrociare le dita e per il “progetto Bandecchi” e per la Ternana che deve continuare a lottare con la massima attenzione ma anche con quella voglia di divertirsi e di far divertire i propri tifosi, ma non solo quelli, che è emersa prepotentemente nelle 22 partite sin qui giocate. Ed è questo, per chi non lo avesse ancora capito, uno dei segreti della splendida cavalcata rossoverde!

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sempre preciso e puntuale Ivano Mari. Rinnovo i miei costanti complimenti per il tuo modo di fare giornalismo.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Il punto di Ivano Mari