Resta in contatto

Il punto di Ivano Mari

La Ternana è ai quarti con una prestazione convincente

Nell’impegno sin qui più difficile dei play off è emersa l’anima di una squadra che ha saputo interpretare nel modo giusto la partita contro il Monopoli, rivelazione del campionato. Squadra, singoli e Gallo hanno superato brillantemente la pericolosa tappa pugliese.

E anche questa è andata!
Quella che era considerata una partita ad alto “ rischio eliminazione “ per i rossoverdi è stata, invece, quella che ha restituito alla compagine di Gallo compattezza di squadra e capacità di soffrire mettendo cuore ed attenzione nella gestione del match.
Sul piano squisitamente tecnico non è stato un incontro trascendentale, ma come accade in queste circostanze si deve badare al sodo, al massimo risultato magari anche lasciando da parte lo spettacolo.
Nei play off ci si gioca una stagione intera visto che ci sarà gloria solo per una squadra per cui la concretezza, il cinismo devono prevalere su tutto.
E con la vittoria di Monopoli e con la qualificazione ai quarti la Ternana dovrebbe aver acquisito quella serenità e quella consapevolezza nei propri mezzi che aiutano a far bene.

E nella vittoria di Monopoli oltre ai meriti della squadra ci sono anche quelli del tecnico, Gallo, che nel giro di 40 ore è passato dall’essere scuro in volto, visibilmente arrabbiato, al sorriso per il meritato passaggio del turno.
Ha fatto tutto bene, il tecnico di Bollate, anche la decisione di presentare il “ripescato” Palumbo insieme a Salzano a centrocampo è stata azzeccata; e che dire delle sostituzioni che al Veneziani sono state ampiamente opportune influendo sul rendimento complessivo della squadra proprio nel momento critico del match quando la compagine rossoverde si era appiattita all’indietro, costretta anche dall’atteggiamento del Monopoli che, è bene ricordarlo, ha chiuso con 6 punti di vantaggio sulle fere al momento dello stop della regular season. Insomma, non una squadra qualunque, ma una di quelle che seppur allestita senza far follie, con oculatezza ha stupìto per tutta la stagione per la sua efficacia sul piano dell’organizzazione e per la brillantezza del suo gioco. E la Ternana di giovedì sera è piaciuta anche ai tifosi, finalmente soddisfatti dall’atteggiamento dei rossoverdi che sin dall’inizio hanno cercato quel vantaggio che poi hanno difeso a denti  stretti fino al termine sfoggiando anche una buona capacità gestionale ed interpretativa del match.

Sul piano dei singoli a noi è piaciuta la prestazione della coppia centrale di difesa a cominciare da Bergamelli, fosforo e tempismo al servizio dei compagni e peccato che la sua stagione sia stata costellata di infortuni perché con lui in mezzo sarebbe stato più difficile per gli avversari far gol, per continuare con Diakitè, la cui efficacia si fa sentire, eccome, in area sui palloni alti, li ha presi tutti lui, e che quando c’è da mandare il pallone in tribuna non fa complimenti. E fa bene perché, anche se a molti può non piacere, il pallone in tribuna fa respirare la squadra e risolve situazioni complesse.
E, poi, c’è Parodi, uno dei giocatori terminato spesso nel mirino della critica.
La sua è stata una buona partita, con qualche errore in appoggio ma non dimentichiamo che dalla sua parte il Monopoli aveva Donnarumma, uno dei migliori esterni della categoria, e Parodi lo ha letteralmente annullato.

Se si vuol muovere un appunto alla squadra è quello che si è sbagliato molto nei passaggi anche quelli più semplici. E che a commetterli siano stati anche giocatori tecnici come Salzano, Palumbo o Paghera ci porta a sottolineare, a parziale giustificazione, le non perfette condizioni del terreno di gioco con l’erba lasciata troppo alta che non ha favorito la precisione negli appoggi e nelle transizioni.
E, poi, c’è da migliorare la concretezza sotto porta. Il pallone capitato sul finale a Partipilo poteva e doveva essere giocato con più freddezza evitando a tutti il pathos finale. Con queste sottolineature, però, non vogliamo assolutamente sminuire l’importanza dell’impresa dei rossoverdi perché, lo ribadiamo, la Ternana ha superato una grande squadra ed è nei quarti. Ed è questo che conta!
Ed allora, che si ricompatti l’ambiente e che ci si giochi tutti insieme, dirigenti, giocatori, staff tecnico, tifosi le possibilità di continuare il cammino nella difficile lotteria dei play off.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Il punto di Ivano Mari