Resta in contatto

Calcio a 5

Ternana C5 Femminile, la Divisione Calcio a 5 denuncia il Kick Off: “In Spagna senza nostro ok”

Punto a favore della società rossoverde nella vicenda relativa alla Women’s International Futsal Cup. La Lega si schiera a favore del club ternano: “Prevaricato il suo diritto”

Strascico clamoroso per quanto riguarda la Women’s International Futsal Cup, la manifestazione internazionale di calcio a 5 femminile, ad inviti, alla quale avrebbe dovuto prendere parte la Ternana C5, ma alla quale poi, dopo la revoca dell’invito da parte della società organizzatrice Roldan, ha preso parte il Kick Off Milano, secondo dietro le Ferelle nello scorso campionato.

La Divisione Calcio a 5 infatti, ha preannunciato la denuncia di giocatrici, tecnico e società milanese alla Procura Federale per la partecipazione al torneo senza autorizzazione federale. Ecco la nota ufficiale:

PARERE NEGATIVONell’apprendere che la società Kick Off ha partecipato al Torneo Women’s International Futsal Cup organizzato dalla società spagnola del Roldan nella città di Murcia, si ritiene doveroso precisare quanto segue. La società meneghina della neo-presidentessa Iside Malatesta si è recata in Spagna per giocare le gare del torneo non ufficiale a inviti senza la prevista autorizzazione della FIGC, come imposto dalle norme della Lega Nazionale Dilettanti. La Divisione Calcio a cinque in merito a suddetta partecipazione aveva espresso alla FIGC parere negativo in quanto la società Roldan aveva precedentemente indirizzato l’invito alla società Ternana, quale vincitrice del campionato della scorsa stagione essendo, per prassi, detto torneo partecipato dalle vincitrici dei vari campionati di appartenenza. A seguito dell’invito e della espressa adesione della società Ternana, dietro parere favorevole della Divisione, la FIGC aveva infatti rilasciato la necessaria autorizzazione alla società Ternana Futsal Femminile. La società Roldan successivamente ha ritenuto autonomamente di revocare il primo invito alla societá Ternana e inviarne un secondo alla società dell’ex presidente Riccardo Russo.”

 

Evidenziando – prosegue la nota – che la società Kick Off, peraltro, aveva ricevuto più volte l’espresso parere negativo da parte del Consiglio Direttivo della Divisione alla richiesta di autorizzazione a partecipare a detto Torneo, è da stigmatizzare vieppiú la decisione della società stessa di prendervi parte senza autorizzazione della Federazione Italiana Giuoco Calcio, contravvenendo, sul piano giuridico, alle norme federali (anche avuto riguardo alla tutela delle proprie giocatrici); sul piano dell’etica sportiva per aver prevaricato il diritto della società Ternana, e delle sue giocatrici, in quanto vincitrice del titolo e destinataria del primo invito. Da stigmatizzare, inoltre, anche il comportamento della società spagnola che ha ritenuto di invitare prima e far giocare poi una squadra straniera priva dell’autorizzazione della Federazione di appartenenza. Per quanto di competenza la Divisione Calcio a cinque procederà con l’invio alla Procura Federale di una denuncia per la Società, i Tecnici e le giocatrici per la partecipazione non autorizzata al suddetto torneo, inviando inoltre gli atti alla FIGC e al Presidente Federale per le conseguenti iniziative di competenza”

LA SOCIETA’ ROSSOVERDE SODDISFATTA. Il club rossoverde, dal proprio canale facebook ufficiale, commenta: “La Ternana Calcio Femminile esprime soddisfazione per quanto comunicato pubblicamente dalla Divisione C5. Abbiamo sempre riposto massima fiducia nelle istituzioni perché abbiamo toccato con mano in questi mesi la passione e la voglia non solo di portare il Calcio a 5 Femminile italiano ai massimi livelli europei, ma anche e soprattutto trasparenza nelle decisioni. Siamo rammaricati che la Città di Terni, i tifosi, le giocatrici e tutti coloro che si sono conquistati sul campo il diritto e la possibilità di disputare una competizione europea senza poi averlo potuto fare realmente. Ci è dispiaciuto enormemente che un’altra società abbia, abusivamente, occupato il nostro posto senza averne alcun diritto. Un atto del genere, è il peggior atto che si possa compiere perché va a calpestare un diritto che nello sport non si deve mai prevaricare: la vittoria sul campo. Il secondo scudetto della nostra storia vinto proprio contro le milanesi nello scorso giugno è stata una cavalcata difficile, lunga e faticosa che le giocatrici hanno conquistato con il sudore e il lavoro di tutti i giorni e che indelebilmente hanno cucito sulla maglia quel pezzo di stoffa che nel calcio ha un valore assoluto e indiscutibile. Calpestarne la conquista con la forza e la prevaricazione ha fatto che tutti ci domandassimo se il nostro sport fosse ancora credibile, il comunicato di oggi ne è la risposta. Si.”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Il “Maestro” Corrado Viciani, il “gioco corto” e la storica serie A della Ternana

Ultimo commento: "Il mio ricordo del Maestro è legato agli anni 80 della serie c prima purtroppo ero piccolo, ho solo i ricordi della festa della promozione in serie A..."

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Riccardo uno di noi!"

Roberto Clagluna, il ‘Clag’ e quella sua stagione da record

Ultimo commento: "sì ma era anche un campionato con 2 punti a vittoria e non a 3 come adesso ... in chiave moderna sarebbe stata promozione con tanti pareggi come..."

Massimo Borgobello, un bomber che ha fatto storia

Ultimo commento: "Mi ricordo una partita in casa contro la Salernitana. Si perdeva 2-0 e si era in 10. Lui fece gol ed andammo 2-1. Mi resterà sempre impressa la sua..."

Ciccio Grabbi, come diventare immortali in un solo anno

Ultimo commento: "Grande Bomber, ricordo perfettamente quella stagione. La sua cessione fu un errore, anche se capisco che serviva fare cassa"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Calcio a 5