Resta in contatto

Miti

Top 11 rossoverde: Nardin, dalla ‘benedizione’ di don Zorz alla serie A con le Fere

Il portiere della vostra formazione storica: goriziano, oggi di stanza ad Arezzo, in rossoverde ha vissuto gli anni migliori della sua carriera da calciatore

E’ stato il portiere della seconda  serie A e prima ancora della riconquista della stessa: per questo ha sempre un posto speciale nel cuore dei tifosi rossoverdi. Aldo Nardin, goriziano, 73 anni, è il miglior portiere di sempre della storia della Ternana. Lo avete eletto voi, nel sondaggio di Calciofere, un successo netto su Balli e Di Sarno, dopo aver superato la prima selezione.

Nardin fu una delle tante scommesse di una Ternana che puntava al ritorno in serie A. Veniva da una stagione come riserva di Pietro Carmignani al Napoli, in serie A, con una sola partita giocata e alcune partite l’anno prima sempre nella massima serie col Varese. Riccomini gli affida le chiavi della porta e lui chiude bene il lucchetto. Gioca tutte le partite per intero, senza mai saltare un minuto e alla fine i rossoverdi sono secondi ad un punto dal Varese.

L’anno dopo, in serie A, mantiene il posto da titolare in una squadra che annovera anche Graziano De Luca e Massimo Bianchi. La Ternana retrocede ma lui resta anche l’anno dopo: non gli riesce di riportare i rossoverdi in A ed anzi la Ternana chiude persino ad un passo dalla zona retrocessione. Dopo 101 partite coi rossoverdi, passa al Lecce, quindi alla Lazio, al Foggia e al Civitavecchia, dove chiude la carriera, segnando anche un gol nella partita contro l’Imperia direttamente con un calcio di rinvio, complice il vento. In carriera anche una presenza con la Nazionale U.21 ed una con quella della Under 23.

Si trasferisce a vivere ad Arezzo, lì dove aveva iniziato a giocare, lasciando per la prima volta il suo Friuli Venezia Giulia, col beneplacito del padre, che aveva consultato il parroco don Zorz, il quale lo aveva visto crescere nella  Juventina Sant’Andrea, la squadra del suo paese. Chiusa la carriera agonistica ha poi iniziato la carriera come allenatore delle squadre giovanili dell’Arezzo, quindi del Sansepolcro e del Foiano.

RINGRAZIAMENTI AI TIFOSI. La redazione di Calciofere è riuscita a contattare la famiglia di Nardin, che in questo momento sta attraversando un difficile momento personale. Ci facciamo portavoce dei ringraziamenti che la famiglia fa a nome dell’ex rossoverde ai tifosi della Ternana che dopo tanti anni lo ricordano ancora con grande affetto tanto da dedicargli questo simbolico riconoscimento.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Paolo
Paolo
1 mese fa

Non poteva che essere diversamente. Un grande sia come persona che come calciatore. E come allenatore dei portieri e io ne so qualcosa personalmente. Grazie mister quello che sei riuscito a fare con mio figlio non lo potrò mai dimenticare. 💪👄

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

A nome di mio padre vi voglio ringraziare di cuore di questo riconoscimento

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Uno dei più grandi portieri transitati a Terni!!!

Marco Salvagiani
Marco Salvagiani
2 mesi fa

Era un idolo. Mi ricordo parare il rigore al 90 di Ternana Taranto. Sarebbe bello poter essergli vicino ora. Un mito

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

È stato il primo portiere della Ternana che ricordo bene, anche se ero un bambino. Quando con gli amici giocavamo a pallone nei prati a volte giocavo in porta, immaginavo di essere Nardin e mi buttavo come vedevo fare lui fra i pali de liberati.
Grandissimo Aldo Nardin ❤️💚

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ricordo benissimo grandi mani.
Riusciva a stringere e sollevare la palla da terra con una mano!
Un portiere saracinesca. 🔝

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ero piccolino mè lo ricordo benissimo .grande portiere.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Miti