Calcio Fere
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Dal campo e ritorno, l’incredibile storia di Tiziano Mucciante

Tiziano Mucciante

Di nuovo calciatore per un’estate, adesso torna nello staff tecnico di Gigi De Canio. La sua maglia 17 resterà un pezzo raro.

Era arrivato un anno fa dal “blocco Fondi”, ma praticamente era andato via subito e passato al Siracusa. Nella stagione ha deciso di smettere, la Ternana lo ha richiamato a febbraio nello staff tecnico e in estate lo ha reintegrato in rosa nel ruolo di difensore. Adesso, però, torna nello staff e, probabilmente, il suo posto resterà quello. L’ultimo anno, per Tiziano Mucciante, è stato un’odissea, con gli scarpini prima appesi al chiodo, poi ripresi e rispolverati e, infine, di nuovo riposti.

ULTIMI COLPI DA CALCIATORE. Un anno fa, Sandro Pochesci lo volle con sè nella Ternana Unicusano insieme ad altri giocatori che aveva allenato a Fondi, nella stessa gestione societaria emigrata poi in Umbria. Giusto il tempo per venire a Terni e legarsi alla Ternana, prima di risolvere il contratto e accasarsi altrove. E’ seguito un periodo in cui ha giocato nel Siracusa, in serie C. Poi, però, ha preso una decisione: era ora di smettere e di appendere gli scarpini al chiodo, per intraprendere la carriera tecnica.

IL RITORNO NELLO STAFF TECNICO. A febbriao, però, ecco il ritorno a Terni. La società lo ha richiamato, stavolta per integrarlo nello staff tecnico. Era il periodo di interregno tra Pochesci e Gigi De Canio, quando la squadra era stata affidata momentaneamente al tecnico della Primavera Ferruccio Mariani. L’arrivo del nuovo (e attuale) allenatore, ha visto Mucciante essere parte integrante dello staff, riconfermato anche in estate.

DI NUOVO IN CAMPO. Durante la preparazione estiva, di comune accordo con mister De Canio, Tiziano Mucciante ha accettato di rimettersi a disposizione della squadra anche in maniera attiva, da calciatore. E così, si è ritrovato in gruppo con gli altri ad allenarsi e a sudare. Reintegrato in rosa e tesserato come difensore, nelle poche gare estive giocate anche per motivi di forza maggiore, Mucciante si è rivisto in campo. Nella prima gara di Coppa Italia, contro il Pontedera al Liberati, la prima convocazione. La sua esperienza, tra l’altro, è stata decisiva nella seconda gara contro il Carpi, in una difesa nella quale ha fatto coppia al centro con Daniele Gasparetto e che è uscita dal campo vittoriosa e anche imbattuta. Sono seguite, per lui, altre presenze in campo, anche nei test di agosto.

RITORNO… AL FUTURO. Pochi giorni fa, però, si è rivisto in campo, A Campitello, dall’altra parte della barricata. Tornato nello staff di mister Luigi de Canio dove, probabilmente, rimarrà per il resto della stagione. La sua parte l’ha fatta, si è messo a disposizione della causa rossoverde e delle esigenze tecniche del suo mister e, ora, è pronto a tornare a coadiuvarlo nella gestione tecnica.

UNA MAGLIA DA COLLEZIONE. Il calcio, quello giocato, potrebbe essere davvero tornato un ricordo, per Tiziano Mucciante. La nuova avventura è alle porte e il suo compito principale sarà quello di collaboratore tecnico, come nella seconda parte della scorsa stagione. Resta quella sua maglia numero 17 che gli era stata assegnata. Chissà, probabilmente diventerà un pezzo per collezionisti. Volendo, potrebbe un giorno metterla all’asta, magari in qulache iniziativa per beneficenza. Il suggerimento, intanto, glielo diamo.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Coppa Italia col Carpi  dove risultò fra i migliori. E’ rimasto nei ranghi, per un periodo, poi è tornato solo collaboratore tecnico.  Ma in campo lo si è visto spesso, nelle partitelle col gruppo, a volte duettando anche con il […]

Articoli correlati

Il giovane attaccante rossoverde, capocannoniere della squadra, ha segnato l'ottava rete in campionato: tutte lontano...
L'allenatore toccherà questa cifra contro il Lecco al Liberati....
Dopo il lungo stop per infortunio e la squalifica, il centravanti pisano è tornato un...

Dal Network

Fuori Charpentier, c'è Sohm dopo la botta alla caviglia che lo ha costretto a saltare...
L'allenatore del Parma esalta il buon momento delle Fere: "Hanno tanti giovani forti e voglia...
Il tecnico: "Abbiamo approcciato bene, poi sul 2-1 per gli umbri abbiamo perso le misure...
Calcio Fere