Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Ternana, quella prima serie A centrata con tre portieri

Nei giorni del 50′ anniversario, un dato curioso di quella squadra di Viciani, legato proprio al ruolo più delicato.

Una vittoria proprio di tutti. Anche di tutti i portieri, nel ruolo delicato in cui di solito uno gioca e gli altri fanno la riserva. Nella Ternana che centrò nel 1972 la prima promozione in serie A, invece, di portieri ne giocarono ben tre, più un quarto portato qualche volta in panchina. In questi giorni che si celebrano i 50 esatti da quella storica promozione targata Corrado Viciani, approfondiamo propri questo aspetto, andando a vedere nel dettaglio chi furono quei tre portieri e quante partite giocarono.

L’ALTERNANZA TRA I PALI. Una sorta di staffetta, ma solo per sfortunati motivi fisici. Il 1971-72, nella sua fortuna, fu anche un anno sfortunato per i portieri, proprio per colpa di infortuni e problemi di salute. Questo, però, alla lunga, ha permesso a ognuno di loro di poter oggi dire che in quella prima storica serie A c’era anche l’impronta dei loro guanti (anche se poi, a quei tempi, molti paravano con le mani nude). Il campionato di serie B cominciò e finì con Massimo Migliorini, titolare nella parte iniziale e nella parte finale del torneo. Dopo appena 6 partite, però, dovette fermarsi per colpa di un’epatite che lo colse e lo costrinse a curarsi a lungo. A quel punto,  spazio a Gianfranco Geromel. Fu lui a terminare il girone di andata e a giocare poi 5 gare del ritorno. Ma in Ternana-Genoa, in un’uscita si scontrò con il genoano Maselli e si ruppe un menisco. Uscì e venne sostituto da Graziano De Luca. Quest’ultimo, viste le assenze sia di Migliorini che di Geromel, disputò da titolare le successive 5 partite. Poi, ecco tornare Migliorini, guarito dall’epatite. Dentro di nuovo lui nelle ultime 9 partite e, in Ternana-Novara, la gara che sancì la promozione all’ultima giornata, lasciò il posto durante il secondo tempo a Geromel, quel giorno in panchina, perché anche lui andasse a condividere la gioia in campo. In generale, in quel campionato, Geromel, vanta 18 presenze in campo, Migliorini 16 e De Luca 6. Ma alcune presenze in panchina, in quella stagione, le collezionò anche Roberto Fabri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Baldini ( ha un caratteraccio, ma grande stratega e trascinatore , cose che mancano alla ternana)"

Viciani trionfa ancora, sua la ‘Supercoppa delle Fere’!

Ultimo commento: "Mi erano sfuggite le fasi precedenti per la formazione di questa ideale classifica...ma condivido ampiamente l'esito finale ... quella del Maestro..."

‘Supercoppa delle Fere’: Lucarelli, che colpo! Ora contende il trofeo a Viciani

Ultimo commento: "Non c'è storia....per la qualità dei giocatori per le disponibilità economiche della società di allora Viciani ha fatto quello che fece Nostro..."

Ternana, quale allenatore per la stagione 2022-2023?

Ultimo commento: "Ultime parole famose...."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Amarcord