Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Ostromann, il bomber delle Fere di tutti i tempi da rivalutare

Ha segnato più di Borgobello, di Frick e di Cardillo, ha lasciato un segno indelebile nella storia della Ternana e un record ineguagliabile di 125 gol. Ma a Terni nessuno lo ricorda

Chissà perché la memoria di Giuseppe Ostromann è poco vivida a Terni. Chissà… Eppure lui, attaccante istriano di Pola, è stato il più prolifico goleador dei rossoverdi di ogni epoca, più di Borgobello, di Cardillo, di Frick. Otromann è riuscito a bucare la porta degli avversari per 125 volte, un record s’è detto, nemmeno avvicinato da altri attaccanti della Ternana.

E chissà quanti ne avrebbe fatti ancora se non avesse impattato con la guerra mondiale, la seconda, che gli fece perdere due anni di carriera quando ancora vestiva la maglia della Ternana, anzi meglio, della  Polisportiva Mario Umberto Borzacchini come si chiamavano i rossoverdi allora. Aveva anche altri due fratelli maggiori calciatori, e per questo lui Ostromann III, dal 1938 al 1943 era sceso in campo con la Ternana per 118 volte mettendo a referto ben 107 reti, insomma un gol a partita o giù di lì.

Erano tutti campionati di Serie C ma con la Ternana giocò anche nella cadetteria. Quando vinse il campionato di Terza categoria, appena dopo la guerra, i dirigenti ternani si ricordarono di lui e lo richiamarono a Terni. Ma il tempo era passato e la sua straordinaria prolificità era svanita con la fine delle ostilità. Non servì a mantenere la Serie B ma lui aveva dato la sua parola di rimanere ancora un anno e la mantenne. Non fu quello del 1948/49 un campionato indimenticabile per la Ternana e nemmeno per Ostromann.

Se ne andò alla fine della stagione con nel portafoglio il ritaglio del giornale in cui veniva esaltato per la prestazione, e il gol della vittoria, nei confronti del Perugia. E non è stato nemmeno poco. Fece per lungo tempo l’allenatore, sempre nelle serie minori, e non incrociò più la Ternana. Ritornò nel Veneto sul suo mare Adriatico, a Grado, dove morì a 74 anni. Chissà perché nessuno lo ricorda. E dire che un campo, magari uno secondario, di allenamento, il vialetto che porta agli spogliatoi, potrebbe anche portare il suo nome, il nome del più grande goleador della Ternana.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Sarebbe meglio richiamare Cristiano Lucarelli"

Ternana, continua la crisi. Giusto proseguire con Andreazzoli?

Ultimo commento: "Hahahaha ma che cavolo dici .....mi tenevo Lucarelli 1000 volte grande allenatore del catenaccio"

L’esito del sondaggio: la Ternana dovrebbe richiamare Lucarelli

Ultimo commento: "Se dobbiamo paragonare Lucarelli al catenacciaro Andreazzoli tutta la vita Lucarelli...."

Mercato nullo: a che campionato può aspirare la Ternana? Dite la vostra (SONDAGGIO)

Ultimo commento: "Ma quale serie A dovesse accadere chi ti dà i soldi per iscrizione e tutto il resto, la serie A costa,se riesci ad arrivarci devi sperare in un suo..."

Vota il miglior calciatore rossoverde del 2022 nel nostro SONDAGGIO

Ultimo commento: "Bravissimo e molto tattico. Complimenti al suo mister."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Amarcord