Resta in contatto

News

Perugia-Ternana, Lucarelli e il rigore: “L’arbitro mi ha detto…”

Fa discutere la decisione di Guida di non concedere il rigore. La spiegazione dell’arbitro al tecnico rossoverde e l’opinione di Zampagna

Le immagini di Sky hanno lasciato pochi dubbi: Valentin Vanbaleghem, centrocampista francese del Perugia ha stoppato col braccio il tiro del difensore della Ternana Frederik Sorensen. Un fallo di mano evidente e palese. L’arbitro Guida, che ricordiamo è un fischietto internazionale, ha però ritenuto di non dover sanzionare col calcio di rigore questa situazione.

Una decisione netta e priva di incertezze, tanto da non aver nemmeno chiesto il consulto dell’uomo al Var, Ivano Pezzuto. Lucarelli, a fine partita, intervistato da Sky ha spiegato che l’arbitro gli avrebbe detto “C’è il fallo di mano, ma non è rigore”. La motivazione addotta dal direttore di gara è che il braccio di Vanbaleghem non sarebbe stato abbastanza distante dal corpo. Insomma, secondo l’arbitro, il tocco col braccio c’è stato, ma il braccio del francese era vicino e quindi l’azione, compiuta mentre si girava, sarebbe stata inevitabile.

Lucarelli ha spento la polemica ma la sua rabbia per una decisione che farà discutere era evidente, tanto da lasciarsi andare ad una ironia amara.

Di sicuro la decisione è controversa. Riccardo Zampagna, uno che al calcio ad alti livelli ha giocato parecchio, per esempio dice che “Da regolamento non è rigore, purtroppo: inizialmente il braccio è attaccato al corpo, si apre quando viene colpito dalla palla“. Già, ma quanti rigori come questo in serie A vengono fischiati?

 

 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CalcioFere (@calciofere.it)

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News