Resta in contatto

Approfondimenti

Pordenone-Ternana 1-3, Falletti e Donnarumma riportano il sorriso lontano da Terni

Inizio dirompente delle Fere a Lignano e decisivo per tornare a vincere fuori. Apre l’ex Brescia, poi doppietta dell’uruguaiano

Prima vittoria stagionale fuori casa, per la Ternana. La squadra di Cristiano Lucarelli torna ad assaporare la gioia del successo pure lontano dal Liberati, grazie a due degli uomini più attesi, vale a dire Donnarumma e Falletti. Entrambi sono decisivi praticamente subito, aprendo con un uno-due le danze dopo pochi minuti e costruendo lì la vittoria ai danni del Pordenone, arrivata per 3-1. Terza segnatura, nella ripresa, ancora dall’uruguaiano. Inutile il gol da calcio di punizione di Falasco, negli ultimi dieci minuti di gioco. Per i rossoverdi, tre punti importanti per risalire la china in classifica, mentre il Pordenone inguaia ancora di più la sua situazione. La squadra di Massimo Rastelli attendeva proprio questa sfida per rialzare la testa, ma ha trovato un Ternana intenzionata a prendersi il successo al Teghil di Lignano Sabbiadoro e ad iniettare una bella fiala di fiducia a tutto l’ambiente.

AVVIO DIROMPENTE. Cambio di modulo per entrambe le squadre. Ternana con il 4-2-3-1, Pordenone dentro con il 3-4-1-2. Una partenza a razzo della Ternana, che ha confezionato la prima occasione con tiro di Falletti al lato e poi ha trovato due gol in tre minuti. E’ andata in vantaggio al 10′, con una bella azione che ha portato Donnarumma ad avventarsi sulla palla a centro area e a infilarla in rete. Raddoppio al 13′, con assist di Partipilo a Falletti e diagonale vincente dell’uruguaiano. Reazione del Pordenone affidata a un tiro rasoterra dalla distanza di Pinato, uscito di poco al lato. Per la squadra di casa, primi minuti da incubo, affrontati con la paura e costati il doppio svantaggio. La paura, però, è stata scrollata via proprio dopo il raddoppio subito. E da lì, la squadra neroverde è venuta fuori meglio, cercando anche di portare pericoli alla retroguardia delle Fere. Pordenone a prendere l’iniziativa per il resto della prima frazione, anche se Rastelli ha perso Sabbione per un problema fisico, sostituito da Falasco. Primo tiro in porta dei friulani quando la conclusione di Cambiaghi ha impegnato Iannarilli. La formazione di Lucarelli si è trovata, dunque, a dover tenere alta l’attenzione, per impedire agli avversari di trovare la rete di una riapertura delle sorti della partita. Ternana di nuovo pericolosa con il palo colpito da Partipilo su tiro dalla distanza, poi con una conclusione di poco fuori di Palumbo. Fere al riposo sul doppio vantaggio.

LA CHIUDE FALLETTI. Avvio forte ancora da parte della Ternana pure nel secondo tempo, con una conclusione di Partipilo ravvicinata ma centrale dopo pochissimi minuti. Anche il Pordenone, però, ha fatto tremare Iannarilli, con un tiro ravvicinato respinto da Sørensen e poi con la traversa colpita da Camporese. Molto mobile, nei Ramarri, il nuovo entrato Tsadjout. Suo un tiro dalla distanza di poco fuori, suo anche un diagonale pericoloso sul quale Pinato non è arrivato d’un soffio, sfiorando così l’1-2. A chiudere il conto, è arrivato poi Falletti, al termine di un’azione in contropiede portata avanti scambiando con Capone (appena subentrato a Donnarumma) e andando e infilare di prepotenza dopo aver dribblato il portiere Perisan. Triplo vantaggio e partita, praticamente, in tasca. Pordenone ancora vivo, però, con la rete di Falasco trovata da un calcio di punizione dal limite. Finale di gara con la squadra neroverde di nuovo ad una disperata ricerca di un altro gol, per tornare ancora a sperare di riaprire il match almeno per arpionare un pareggio e, di conseguenza, un punto per la classifica sempre più drammatica. I minuti alla fine, però, non erano più tantissimi. Ternana senza problemi, nell’amministrare il successo, il terzo di questo campionato, primo in trasferta. Tre punti d’oro, per una Ternana che ora affronta questo campionato con un calendario meno duro rispetto alla parte iniziale.

Il tabellino.

PORDENONE (3-4-1-2): Perisan; Sabbione (31’pt Falasco), Camporese, Barison (36’st Stefani); El Kaouakibi, Pasa (23’st Mensah), Zammarini (23’st Petriccione), Kupisz; Pinato; Cambiaghi, Pellegrini (1’st Tsadjout).

In panchina: Bindi, Valietti, Chrzanovski, Perri, Magnino, Butic, Sylla.Allenatore: M.Rastelli.

TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli; Defendi, Sørensen, Capuano, Martella (33’st Celli); Proietti (8’st Agazzi), Palumbo; Partipilo (23’st Paghera), Falletti (33’st Pettinari), Furlan; Donnarumma (23’st Capone).

In panchina: Krapikas, Ghiringhelli, Kontek, Boben, Mazza, Mazzocchi, Peralta. Allenatore: C.Lucarelli.

Arbitro: Minelli (Varese).

Foto da profilo Twitter Pordenone calcio

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

“Lele” Ratti, il recordman di presenze in rossoverde

Ultimo commento: "28 reti no di sicuro ,non segnò mai."

Top 11 rossoverde: Grava, partito dalle Fere e arrivato alla fascia che fu di Maradona

Ultimo commento: "Un calciatore che ha' fatto della determinazione ed abnegazione il suo percorso formativo e calcistico , dando spesso tutto di se sudando la maglia..."

Top 11 della Ternana: Borgobello, vicecapocannoniere della storia rossoverde

Ultimo commento: "A Siena fu bellissima. Grava espulso e Mareggini che faceva le uscite di testa.... Grande Borgo, uno che in campo non mollava mai"

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Me lo ricordo. Un grande!"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Claudio Tobia a Catanzaro lo ricordiamo con affetto per essere stato il Mister della promozione in B 1986 / 1987"
Advertisement

Altro da Approfondimenti