Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pochesci: “Dopo la Ternana, Carpi l’esperienza più bella”

Il tecnico paragona la militanza rossoverde con la sua attuale squadra, poi rincalza alla sua maniera “Il futuro? Basta plueriennali!”.

Torna a parlare, mister Sandro Pochesci. Il tecnico romano del Carpi, ex della Ternana, lo fa con un’intervista rilasciata al sito TuttoC, in cui parla pure delle Fere, oltre a dire ancora una volta la sua su come lui vede il calcio e su come vorrebbe cambiarlo. Pochesci dice, infatti, che l’esperienza avuta quest’anno nel Carpi è stata la migliore dopo quella avuta alla Ternana nella prima parte della stagione 2017-2018, per il gioco espresso in campo.

PALESTRA, NON CIMITERO DI ELEFANTI. A Pochesci, viene chiesto da TuttoC di tracciare un bilancio sul campionato portato avanti alla guida del Carpi e sulla “ferita” dell’esonero avuto in  stagione, prima di essere richiamato. “Dopo le 23 stupende partite che ho avuto a Terni – dice – questa era la stagione più bella, vedevo una squadra che giocava come piace a me il calcio. Ricordiamo che giocavo con otto under in campo, anche nelle ultime partite. Ho fatto debuttare nove ragazzi che non hanno mai giocato in C. La Lega Pro deve essere una palestra per i nostri giovani e non un cimitero per gli elefanti. Siamo stati l’esempio di come si può fare calcio attingendo dal settore giovanile ed è per questo che ci sono rimasto malissimo“.

OBIETTIVI, NON CONTRATTI. Sul futuro, Pochesci torna a parlare alla sua maniera, dicendo la sua su come vorrebbe il calcio e comunicando una sua decisione legata ai rapporti di lavoro con la società, regolati da un altro anno di contratto ma che il tecnico ad oggi non dà affatto per scontati. “Sono una persona libera, ho un altro anno di contratto. Da parte mia devo ancora decidere. Ho detto di essere un separato in casa e ci siamo riavvicinati per la squadra. C’è da parlare, i matrimoni si fanno in due. Questo sarà l’ultimo anno che farò un contratto pluriennale. Vorrei cambiare le regole perché servono contratti a prestazione o ad obiettivo. Il calcio deve essere fatto da obiettivi e chi sbaglia deve pagare, anche all’interno della società. Quest’anno ci sono stati anche casi di allenatori esonerati con il covid. La nostra categoria dovrebbe essere più tutelata. Anche noi abbiamo una dignità e certe volte non ci trattano come dovrebbero. Io comunque ringrazierò sempre il presidente del Carpi che mi ha scelto, ma per noi l’esonero è come un lutto. Bisogna capire che è difficile stare in panchina ed è un lavoro che invecchia“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Sarebbe meglio richiamare Cristiano Lucarelli"

Ternana, continua la crisi. Giusto proseguire con Andreazzoli?

Ultimo commento: "Hahahaha ma che cavolo dici .....mi tenevo Lucarelli 1000 volte grande allenatore del catenaccio"

L’esito del sondaggio: la Ternana dovrebbe richiamare Lucarelli

Ultimo commento: "Se dobbiamo paragonare Lucarelli al catenacciaro Andreazzoli tutta la vita Lucarelli...."

Mercato nullo: a che campionato può aspirare la Ternana? Dite la vostra (SONDAGGIO)

Ultimo commento: "Ma quale serie A dovesse accadere chi ti dà i soldi per iscrizione e tutto il resto, la serie A costa,se riesci ad arrivarci devi sperare in un suo..."

Vota il miglior calciatore rossoverde del 2022 nel nostro SONDAGGIO

Ultimo commento: "Bravissimo e molto tattico. Complimenti al suo mister."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da News