Calcio Fere
Sito appartenente al Network

Ternana-Viterbese, il doppio ex Acori: “Fere favorite ma…”. E su Fedeli dice…

Il tecnico umbro, oggi in attesa di panchina, ha vissuto la sfida allenando entrambe le formazioni e gioca per noi il match di sabato sera. Ma c’è spazio anche per i ricordi passati

Il tecnico umbro, originario di Tordandrea, ha vissuto la sfida seduto su entrambe le panchine, sempre in serie D. Nella stagione 1993-94 su quella laziale (2-2  a Viterbo, la celebre sfida dei palloni gettati in campo dopo il 2-1 e del pari rossoverde al 90′ di Bottega; 0-1  a Terni), la stagione successiva un solo match, quello del dicembre 1994, funestato dai vandali (1-1). Acori venne infatti poi esonerato la settimana dopo, quando i rossoverdi persero 2-1 a Riccione e nel quarto match in panchina c’era Massimo Silva.

“La Ternana sicuramente è una squadra molto forte, che lotterà sino alla fine per vincere il campionato. Il girone è molto difficile, va detto, ci sono parecchie squadre di livello, ma la Ternana ha i mezzi per stare in alto con le prime. Penso che parta favorita anche per il fatto che gioca in casa, ma la partita è insidiosa: la Viterbese è imprevedibile, ha giocatori forti, ma è discontinua nei risultati. Rossoverdi senz’altro più forti sul piano tecnico, ma attenzione a sottovalutare l’avversario”.

LE SFIDE IN D. Poi il discorso scivola su quelle tre sfide in serie D: “A Viterbo avevo un’ottima squadra, come a Terni. Ma Fedeli, che era il presidente dell’epoca, aveva un po’ fretta di vincere e fui esonerato.  Ricordo che vincemmo cinque partite di fila con un pareggio. Mi ricordo che avevamo Tommaso Maurizi in attacco insieme ad Attilio Bardi, ma non riuscivamo a farlo giocare perchè non aveva il transfer. Così quando si fece male Bardi rimanemmo senza punte e perdemmo due partite per 1-0 pur meritando di più..”. 

Il riferimento esatto qui è alle partite precedenti la gara coi laziali: l’attaccante si fece male al 30′ di Città di Castello-Ternana, poi persa 1-0 come il match seguente a Impruneta. Dopo di allora, la Ternana vinse solo il derby in casa con la Pontevecchio.

ATTESA. Dopo l’esperienza di Rimini dello scorso anno, subentro ed esonero, Acori oggi è in attesa di una panchina: “Ho avuto qualche offerta– dice-  ma voglio aspettare: io non ho un procuratore, l’anno passato ho accettato delle proposte ma le esperienze sono andate bene. Per la smania di allenare ho fatto scelte non giuste, ma pazienza: fa parte della vita. Ma del resto io sono fatto così, sono un innamorato del calcio..”

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'incredibile parabola dell'attaccante romano, quasi due anni a Terni senza mai giocare: adesso ci riprova...
Il giovane attaccante rossoverde, capocannoniere della squadra, ha segnato l'ottava rete in campionato: tutte lontano...
L'allenatore toccherà questa cifra contro il Lecco al Liberati....

Dal Network

Il tecnico: "Abbiamo approcciato bene, poi sul 2-1 per gli umbri abbiamo perso le misure...
Una pessima difesa concede tre gol e diversi contropiedi agli ospiti. Lund e Brunori non...
Il tecnico rosanero scoglierà le riserve solamente all'ultimo momento. Ballottaggi in difesa, a centrocampo e...
Calcio Fere