Resta in contatto

Approfondimenti

Ternana in ansia per il girone: in tante a rischio iscrizione, ecco la situazione

La sede della FIGC

Ora che c’è la data di gironi e calendari, cresce l’attesa per conoscere in quale raggruppamento finiranno le Fere. Non c’è niente di scontato visto il quadro nerissimo di molti club

Ci sono date da scrivere e da ricordare…nasce il nuovo campionato di Serie C”. Con questo slogan la Lega Pro ha annunciato il via ufficiale della nuova stagione, con la compilazione dei calendari – e quindi dei gironi – per la stagione 2019-20. Il velo cadrà mercoledì 31 luglio. Una data che anticipa nettamente quella della passata stagione e che quindi lascia presagire che saranno presto risolti tutti i problemi relativi alle società.

DUE RINUNCE. Allo stato attuale, siamo a due posti sicuri liberi, quelli di Albissola e Siracusa: i liguri hanno rinunciato all’iscrizione per via del fatto che l’impianto comunale non è a norma e la deroga per la stagione scorsa è ovviamente scaduta. Non avendo trovato un campo nelle vicinanze, la famiglia Colla ha gettato la spugna ed addirittura è probabile che i biancocelesti ripartano dall’Eccellenza. Il Siracusa è l’altra squadra che rinuncia, per motivi economici.

Piero CamilliIMOLESE E LE ALTRE. Entro il 24 di questo mese di giugno se ne saprà di più sulle squadre ancora in bilico. L’Imolese ha confermato che sarà ai nastri di partenza: sarà la società del presidente  Spagnoli, benchè lo stadio Galli sia comunale, a farsi carico dei lavori. Anche il Rimini ha risolto i suoi problemi e sarà al via. La Viterbese è in attesa di capire cosa deciderà di fare Camilli, dimissionario. L’imprenditore potrebbe anche decidere di iscrivere la squadra e poi passare la mano. Il Foggia come è noto, è in vendita ad un euro ed è da vedere anche qui se la famiglia Sannella deciderà o meno di iscrivere intanto la squadra, mentre il Rieti si è iscritto, ma dovrà fornire la documentazione relativa al pagamento degli stipendi entro lunedì prossimo alle 19 e non è così scontato che lo faccia.

Per nulla sicura nemmeno la Lucchese, che del resto già quest’anno ha rischiato addirittura di fare la fine del Matera.Angelo Massone, avvocato che ha curato la presentazione della domanda di concordato preventivo – la procedura ultima per evitare il fallimento –  ha spiegato che solo lunedì si saprà se la società ce l’avrà fatta: il problema più grosso è con l’agenzia delle entrate ma non è il solo. Infine, c’è l’Arzachena Costa Smeralda, il cui presidente Menio Fiorini ha appena rassegnato le proprie dimissioni, lasciando tre mensilità in sospeso. In questo caso i potenziali acquirenti (se mai ce ne fossero) dovrebbero provvedere entro il 24 giugno al versamento della quota associativa (5000 euro), dell’acconto sulla quota di partecipazione al campionato di Serie C (25000 euro su 55000 totali) e al deposito della fidejussione di 350000 euro, facendosi carico delle mensilità in sospeso che dovranno essere pagate entro la stessa data.

LE DATE  E LE RIPESCANDE Tra mercoledì 3 e giovedì 4, la Covisoc si riunirà per analizzare le domande e formulare le contestazioni eventuali. Venerdì 12 il Consiglio Federale deciderà sui club bocciati e su quelli da riammettere o ripescare.  Il 12 luglio la stessa Lega si riunirà in assemblea per decidere definitivamente quali squadre risulteranno iscrittealla prossima serie C. Successivamente, sarà fatta la composizione dei gironi.

Sul fronte ripescaggi, attende con fiducia la Virtus Verona, che se dovesse essere attivato il principio delle società retrocesse virtuose è ovviamente in testa alla lista. Più difficili le situazioni di Fano (il presidente ha lasciato), Bisceglie (penalizzato quest’anno) e Paganese. Per quanto concerne le squadre della graduatoria di serie D, crescono a questo punto le quotazioni dell’Audace Cerignola, prima dopo la rinuncia del Matelica, ma anche di Modena e Pro Sesto, che hanno dalla loro il blasone.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Il “Maestro” Corrado Viciani, il “gioco corto” e la storica serie A della Ternana

Ultimo commento: "Il mio ricordo del Maestro è legato agli anni 80 della serie c prima purtroppo ero piccolo, ho solo i ricordi della festa della promozione in serie A..."

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Riccardo uno di noi!"

Roberto Clagluna, il ‘Clag’ e quella sua stagione da record

Ultimo commento: "sì ma era anche un campionato con 2 punti a vittoria e non a 3 come adesso ... in chiave moderna sarebbe stata promozione con tanti pareggi come..."

Massimo Borgobello, un bomber che ha fatto storia

Ultimo commento: "Mi ricordo una partita in casa contro la Salernitana. Si perdeva 2-0 e si era in 10. Lui fece gol ed andammo 2-1. Mi resterà sempre impressa la sua..."

Ciccio Grabbi, come diventare immortali in un solo anno

Ultimo commento: "Grande Bomber, ricordo perfettamente quella stagione. La sua cessione fu un errore, anche se capisco che serviva fare cassa"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti