Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Verso la nuova serie C: spareggi per alcune ex Fere. Due club dal fallimento ai Pro

Si va delineando il quadro delle formazioni che nella prossima stagione giocheranno in terza serie promosse dalla D. Torna una trasferta storica, mentre per due gironi ci vuole ancora una sfida

Non è ancora definito il quadro delle formazioni che dal campionato di serie D giocheranno nella prossima stagione in serie C. Al termine della regular season infatti, sono state promosse soltanto 7 formazioni sulle 9 previste perchè in due gironi si giocherà domenica 12 un tiratissimo spareggio.

In entrambi i casi ci sono di mezzo ex rossoverdi. Nel girone D, la Pergolettese dell’ex difensore della Ternana Matteo Contini ha perso lo scontro diretto a Modena, contro i canarini allenati dall’ex tecnico della Salernitana Alberto Bollini e nell’ultima giornata hanno entrambe vinto, per cui sono arrivate a pari punti. Sede da definire, probabilmente Vicenza (in alternativa La Spezia). Da notare che nel Modena gioca anche l’ex Bologna Massimo Loviso.

Nel girone G l’Avellino, nel quale militano gli ex rossoverdi Luis Alfageme, Francesco Di Paolantonio e Francesco Buono  (nonchè di Ferdinando Sforzini e dello spoletino ex Perugia Rocco Patrignani) e guidato in panchina dall’ex difensore del Foggia Giovanni Bucaro si prepara a sfidare, con ogni probabilità allo stadio Manlio Scopigno di Rieti, nientemeno che il Lanusei. Vera sorpresa, la squadra dell’Ogliastra, senza giocatori di nome ma che ha realizzato un piccolo capolavoro.

LE ALTRE PROMOSSE. Quasi certamente finirà nel girone della Ternana l’Arzignano Valchiampo, che ha vinto a sorpresa il girone C: i vicentini, allenati dall’ex giocatore di Palermo, Siena e Pescara Daniele Di Donato è passato in pochissimi anni dalla Promozione alla serie C, anche in questo caso con una rosa senza nomi di grido ma parecchi giocatori che conoscono bene la categoria.

giovanni cornacchini

Prima volta in serie C per i veneti ma anche per un’altra squadra, la Pianese. Inserita nel girone di serie D con le squadre umbre (girone E) i bianconeri sono espressione del comune montano di Piancastagnaio, in provincia di Siena e ora si preparano ad un clamoroso derby bianconero con la squadra del capoluogo di provincia. Allenata da Marco Masi, ex giocatore di Napoli, Pisa e Torino, già tecnico della Primavera della Sampdoria (vice è l’ex granata Roberto Bacci), è una promozione storica per un club senza primedonne che si è messo alle spalle squadra assai più quotate come Ponsacco, Gavorrano e Montevarchi.

Si profila invece il ritorno delle trasferte a Cesena per la Ternana. I cavallucci, ripartiti in estate dopo il fallimento dalla serie D, acquisendo il titolo sportivo del Romagna Centro, stanno pensando ad Alessandro Calori, ex rossoverde, per la panchina, ma intanto si godono Giuseppe Angelini. In rosa c’è gente con partite in serie A come il portiere Federico Agliardi, il centrocampista ex Sassuolo Davide Biondini e l’ex giocatore del Lecce Giuseppe De Feudis. Fra l’altro i tifosi rossoverdi avevano portato bene alla squadra bianconera: le due tifoserie sono gemellate e in estate, si incontrarono proprio a Terni in occasione del debutto bianconero in D.

Torna in serie C il derby del Lario: inseriti in due gironi diversi, Como e Lecco hanno vinto i rispettivi campionati e quindi sulle sponde del Lago caro a Manzoni tornerà a giocarsi una delle sfide più sentite del calcio del Nord Italia (ci sarà un anticipo nella Poule Scudetto). Il Lecco ha compiuto una vera e propria impresa passando in due anni dal fallimento alla serie C ma anche sull’altra sponda c’è voluto il passaggio ad una società inglese, dopo i tempi grami della gestione-Essien (proprietaria la moglie del calciatore ex Milan): anche qui in due anni dal fallimento alla serie C. Fra l’altro in quella stagione disgraziata il tecnico era Fabio Gallo, che comunque concluse al settimo posto.

La prima ad aver strappato il biglietto per la C era stata come si ricorderà il Bari dell’ex rossoverde Giovanni Cornacchini: una corazzata, quella del presidente De Laurentiis, con in squadra gente del calibro di Franco Brienza, Valerio Di Cesare e Francesco Bolzoni. Infine, citazione per l’altro piccolo centro che debutta in C, il Picerno: il comune in provincia di Potenza ha vinto a sorpresa il girone H. Il proprietario è l’imprenditore italo-americano, originario di Picerno, Donato Curcio, che oltre ad aver costruito lo stadio, se è lo è anche intitolato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Baldini ( ha un caratteraccio, ma grande stratega e trascinatore , cose che mancano alla ternana)"

Viciani trionfa ancora, sua la ‘Supercoppa delle Fere’!

Ultimo commento: "Mi erano sfuggite le fasi precedenti per la formazione di questa ideale classifica...ma condivido ampiamente l'esito finale ... quella del Maestro..."

‘Supercoppa delle Fere’: Lucarelli, che colpo! Ora contende il trofeo a Viciani

Ultimo commento: "Non c'è storia....per la qualità dei giocatori per le disponibilità economiche della società di allora Viciani ha fatto quello che fece Nostro..."

Ternana, quale allenatore per la stagione 2022-2023?

Ultimo commento: "Ultime parole famose...."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Approfondimenti