Calcio Fere
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Viterbese-Ternana made in Bulgaria: tre talenti e le loro storie

Dal fratello gemello al figlio di una campionessa degli anni 80, sino al tuttofare che sforna assist: ecco i tre giovani connazionali che saranno in campo domani sera al Rocchi

Viterbese Castrense-Ternana sarà una sfida nella sfida. Non solo due formazioni che hanno giocato confronti in serie inferiori anche molto accesi, ma anche la sfida fra due tecnici chiamati a ricostruire una identità alle rispettive formazioni e anche – curiosamente – un confronto fra talenti tutti provenienti dallo stesso paese, ovvero la Bulgaria.

HRISTOV E IL GEMELLO. Quello della Ternana è ovviamente Petko Hristov. Nazionale Under 21, il difensore di proprietà della Fiorentina ha vissuto un ottimo inizio di stagione in rossoverde, mostrando grande personalità nonostante sia giovanissimo (ha segnato anche 1 gol contro il Rimini nella gara di andata) ma poi ha pagato dazio ad un infortunio che lo ha fermato. Il confronto dello stadio Enrico Rocchi, anche alla luce della possibile partenza di Gasparetto, potrebbe essere per lui l’occasione per guadagnarsi definitivamente la maglia da titolare. Calori vuole visionarlo e certamente domani sarà in campo dall’inizio, si gioca molto anche del suo futuro. Ha un fratello gemello, identico, Andrei, appena acquistato dal Cosenza.

ATANASOV, MI MANDA…MAMMA: Zivko Atanasov, difensore classe 1991 della Viterbese Castrense ha appena segnato il gol vittoria della formazione laziale contro il Bisceglie ed è arrivato quest’anno alla corte del presidente Piero Camilli dopo una stagione e mezza (23 partite e 1 gol) alla Juve Stabia. Difensore centrale, è figlio d’arte. E che figlio: sua mamma è infatti nientemeno che Yordanka Donkova. Un nome che ai più giovani dice poco ma che è una delle più grandi atlete bulgare dei tempi recenti, medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Seul 1988 nei 100 ostacoli, bronzo quattro anni dopo a Barcellona e fino al 2006 primatista del mondo. Già nel giro della Nazionale, il Chievo lo ha messo nel mirino.

TSONEV, JOLLY COL VIZIO DEL GOL. Radoslav Tsonev, 22 anni, è invece arrivato a Viterbo solo l’8 gennaio scorso, dopo una prima parte passata a guardar giocare gli altri al Lecce. I giallorossi gli hanno rinnovato il contratto fino al 2020 perchè i suoi assist ed i suoi gol hanno contribuito alla promozione dei giallorossi di Liverani, ma il tecnico ha ritenuto di doverlo ancora mandare a farsi le ossa in C. Da riserva,  in poco tempo a Lecce era divenuto preziosissimo jolly, da schierare sulla trequarti o nel ruolo di mezzala e ora lui si prepara a dare il suo contributo alla risalita dei gialloblù.

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'intelligenza artificiale, chiamata in causa da Chiamarsi Bomber ha stilato una lista di talenti. Spicca...
Lo 0-0 di Brescia è uno dei ben sei risultati a reti bianche della 34' giornata....
L'ottimo ingresso in campo di Dionisi a Brescia fa aumentare le sue quotazioni in vista...

Altre notizie

Calcio Fere