Calcio Fere
Sito appartenente al Network

Ternana, Breda: “Non siamo appagati, massimo rispetto della Feralpisalò”

Le parole del tecnico rossoverde alla vigilia della sfida del Liberati contro i gardesani: "Capuano c'è, Favilli e Viviani no"

La Ternana si appresta ad affrontare la Feralpisalò e alla vigilia del match mister Roberto Breda parla in conferenza stampa:

“Due partite fa avevamo gli stessi punti della Feralpi, quindi non c’è tutta questa differenza. Ma anche il dover vincere a tutti i costi è una cosa che va considerata. Loro non sono una squadra allo sbando, anzi, hanno dei punti deboli altrimenti non sarebbero in fondo alla classifica. Anche loro devono vincere altrimenti la salvezza si allontanerebbe. Non dobbiamo dimenticarci dove siamo, ma noi dobbiamo cercare di vincere contro qualunque avversario, rispettiamo tutti ma non dobbiamo avere paura. Non sarà una partita facile, vincere significherebbe fare un passo in avanti importante, ma non ci faranno vincere facilmente, dovremo adattarci anche alle loro caratteristiche, come sempre ci saranno diverse partite all’interno dei 90 minuti”

“La Feralpi ha una rosa abbastanza esperta, con giocatori che in B sono stati importati, penso a La Mantia in area che è un giocatore forte o Parigini abbiamo massimo rispetto, non tanto per le presenze ma per le caratteristiche. E’ un momento fondamentale per la stagione, abbiamo più certezze, ma in campo va dimenticato il passato”

“Iannarilli criticato? Per merito suo il primo tempo è finito 0-0, è stato bravo a salvarci. Ma mi piacciono tutti e tre i portieri. Tanto del risultato di Cosenza è merito di Iannarilli, può migliorare anche lui, i tiri non puoi bloccarli tutti, ma anche i difensori devono andare a coprire meglio. Ma non è solo lui, anche mister Lucarelli era criticato, dobbiamo avere una lettura più oggettiva possibile, tutti dobbiamo migliorare”

“Zaffaroni ha fatto un miracolo in Serie A lo scorso anno, capace di dare una forte identità alla squadra. Ha un modulo che ha punti di forza e punti deboli, le difficoltà ci saranno, anche perché noi siamo insieme da poco. Ma questo è un gruppo che ha dimostrato di essere capace di adattarsi e superare le difficoltà”

“Credo molto nella partecipazione collettiva al gol, anche dovuto alle caratteristiche della squadra, ci sono dei giocatori che non sono attaccanti che stanno segnando. Va allenato sia l’equilibrio difensivo che la fase propositiva, lavorando sia di reparto che di squadra. In fase difensiva chiedo un lavoro importante anche agli attaccanti e in fase offensiva devono partecipare anche i difensori. La chiave del calcio è l’equilibrio”

“Favilli e Viviani sono ancora ai box. Capuano sta bene ed è a disposizione”

“Tre partite ancora non fanno statistica, a volte nemmeno a fine anno mi interessano, non perché non le guardo, ma a volta numeri che credi siano importanti alla fine non ti danno dei vantaggi e viceversa. Secondo me un dato importante è il numero dei contrasti vinti, in B è un dato fondamentale, perché ti dà l’indicazione del carattere e della tensione in campo, il calcio è una battaglia tutte le partite”

“A destra siamo abbastanza coperti, a sinistra abbiamo tre giocatori con caratteristiche diverse, per come giochiamo noi gli esterni sono un ruolo importante., anche Diakitè se serve può giocare lì. Giocando con la difesa a tre i quinti sono importanti e ti danno modo di interpretare diversamente la partita”

“Io normalizzatore? L’emotività è una componente che va usata in base ai momenti, a me piace entusiasmo perché da autostima e voglia di lavorare. Ma faccio capire ai ragazzi che l’entusiasmo non è stabile ma va guadagnato ogni partita, non deve essere un obiettivo ma una lettura. La foto dopo la vittoria di Cosenza è bellissima perché tutti sorridono, anche quelli che non hanno giocato, c’eravamo davvero tutti, anche il presidente. L’entusiasmo dobbiamo utilizzarlo e guadagnarcelo a ogni partita”

“Possiamo migliorare ancora molto, a Cosenza abbiamo fatto quattro azioni, dobbiamo cercare di farne anche di più. Con il possesso qualcosa devo portare a casa, o un tiro o un cross, con questo modulo non è facile avere molto possesso, è un modulo più di movimento e meno omogeno in campo rispetto ad esempio al 4-3-3. per gambe e caratteristiche abbiamo dei ragazzi che possono ripartire molto bene. Domani dovremmo usare tutte queste cose, ma poi ne riparleremo in futuro”

“Le prossime partite sono importantissime per i punti, ma anche perché avremo bisogno di tutti i ragazzi, anche quelli che hanno giocato meno, sono convinto che hanno tutte le carte in regola per fare bene. Nel calcio si fa in fretta a cambiare tutto, stati d’animo, umori e convinzioni, devo preparare anche questo”

“Non mi sento mai in inferiorità in mezzo al campo, Falletti ci da sempre una mano a centrocampo. Ci può essere qualche azione in cui lui parte in avanti ed ha bisogno di recuperare, ma lui ha molta resistenza. Ho dei giocatori come Luperini che ci possono cambiare le partite, ma è una cosa che già ho fatto, a La Spezia Falletti si è marcato Esposito che ha qualità. La Feralpi ha ottimi giocatori, ma in B la qualità e il curriculum non bastano, guardiamo chi è retrocesso lo scorso anno o cosa sta facendo il Lecco. In questo campionato serve intensità, corsa e vincere i contrasti”

“Faremo di tutto per dare continuità ai risultati, non si vinceva da 14 mesi in trasferta, ci siamo andati vicinissimi con lo Spezia, è capitato invece a Cosenza. I giovani? Non guardo alla carta d’identità ma guardo cosa fanno in campo e cosa mi serve in quella partita in base alle caratteristica. Poi è normale che ai giovani qualche parola in più va data, ma io ho fatto giocare sia 18enni che 40enni, tutti devono meritarsi quello che hanno. Non è ancora il momento di essere appagati, pensiamo solo a far punti”

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Luca
Luca
2 mesi fa

Bisogna tutti sostenere la squadra troppo importante vincere domani

Roberto
Roberto
2 mesi fa

Concetti chiari e parole condivisibili. Addirittura generose nel far riferimento alle ripetute, infondate critiche rivolte a Iannarilli e, prima di lui, a Lucarelli, che di fatto causano solo danni alla Ternana.

Articoli correlati

Dopo la vittoria di Reggio Emilia, Breda cambia poco o nulla....
Il tecnico chiama 24 calciatori, recupera Pyyhtiä e Distefano....
Il diesse parla al quotidiano Repubblica: "Raimondo? Più forte di Petagna"....
Calcio Fere