Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Stadio-clinica, la Regione non chiude la porta alla Ternana

Nota dell’ente nella quale la giunta considera la possibilità di rianalizzare i bisogni sanitari nei territori regionali

Il progetto stadio-clinica? La Regione non chiude le porte. Anzi, la giunta regionale sembra lasciare ancora uno spiraglio aperto per il progetto del presidente della Ternana Stefano Bandecchi, dopo l’esito della conferenza di servizi con il alla realizzazione della struttura ma con determinati paletti e determinate condizioni. Una risposta che non ha soddisfatto per nulla i presenti a Perugia, e che non ha soddisfatto per niente nemmeno il presidente Bandecchi. La clinica si può fare, ma per accreditamenti e convenzionamenti la struttura deve entrare nel piano sanitario regionale, in fase di redazione e nel quale ad oggi non è contemplata. Ma si può ancora cambiare qualcosa, evidentemente. Tanto che arriva un comunicato nel quale traspare un’apertura della giunta regionale per rivedere anche le esigenze sanitarie sul territorio.

NUOVA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. La Regione dell’Umbria, attraverso l’ufficio stampa, spiega in una nota diffusa: “L’assenso solo parziale è ovviamente in merito alla procedura unificata che era stata richiesta. Rimane impregiudicato, da parte della Regione, la possibilità di assenso a prevedere la sola realizzazione della clinica, ma nell’ambito di una nuova programmazione sanitaria, mentre la previsione delle tre fasi successive saranno oggetto di valutazione da parte degli organi a ciò deputati mano a mano che il richiedente realizzerà quanto richiesto, in un’ottica di equilibrio territoriale che punti sui migliori livelli di complementarità, come da volontà già espressa recentemente e che sarà formalizzata appena possibile in una apposito atto“.

RIVEDERE PRESTO LE CONVENZIONI. Dunque, potrebbe riaprirsi qualcosa, in questa partita. E la Regione potrebbe rimettere le mani propri sui criteri attualmente in atto. “In ottica di programmazione sanitaria – si legge nel comunicato dell’ente – il governo regionale intende effettuare una ricognizione generale dei bisogni di salute e mobilità passiva e, con essa, rivedere le convenzioni in essere al fine di fornire servizi di qualità evitando l’emorragia di utenti verso le strutture extraregionali territorialmente limitrofe. In tal senso come detto, verrà intrapreso un percorso tecnico amministrativo entro tempi ragionevolmente brevi“.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Sarebbe meglio richiamare Cristiano Lucarelli"

Ternana, continua la crisi. Giusto proseguire con Andreazzoli?

Ultimo commento: "Hahahaha ma che cavolo dici .....mi tenevo Lucarelli 1000 volte grande allenatore del catenaccio"

L’esito del sondaggio: la Ternana dovrebbe richiamare Lucarelli

Ultimo commento: "Se dobbiamo paragonare Lucarelli al catenacciaro Andreazzoli tutta la vita Lucarelli...."

Mercato nullo: a che campionato può aspirare la Ternana? Dite la vostra (SONDAGGIO)

Ultimo commento: "Ma quale serie A dovesse accadere chi ti dà i soldi per iscrizione e tutto il resto, la serie A costa,se riesci ad arrivarci devi sperare in un suo..."

Vota il miglior calciatore rossoverde del 2022 nel nostro SONDAGGIO

Ultimo commento: "Bravissimo e molto tattico. Complimenti al suo mister."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da News