Resta in contatto
Sito appartenente al Network

RossoVerde - Il Personaggio

La Ternana e gli invisibili: quei rossoverdi che aspettano… con pazienza

Storie di calciatori che si allenano ma sin qui sono rimasti ai margini del progetto. Il mercato potrebbe essere per loro una soluzione

Niente mercato in entrata per la Ternana, ma qualcosa dovrà pure esser fatto in uscita. Se non altro perchè la rosa della Ternana comprende elementi che in questi primi mesi di campionato non hanno mai visto il campo. Impiegati pochissimo, qualcuno addirittura nulla, continuano ad allenarsi con serietà ma lontano dal campo da gioco rischiano di perdere continuità.

Leonardo Mazza

Certo si tratta di elementi non centrali nel progetto rossoverde, ma nell’alta rotazione attuata da Lucarelli non sono quasi mai comparsi nemmeno in panchina. Viene da chiedersi se non sia meglio, per qualcuno, andare a giocare altrove piuttosto che rischiare di perdere un anno. Il caso limite è Leonardo Mazza. Arrivato dal Bologna nell’ambito dell’affare Koutsoupias, il mediano ex Mantova ha fatto il suo esordio nel finale della gara di coppa Italia contro il Venezia.

Una manciata di panchine, senza mai entrare in campo, nemmeno quando c’era penuria di centrocampisti. A 21 anni e dopo una stagione in C al Mantova, rischia di restare a guardare tutto l’anno, visto che fra l’altro non occupa una casella over.

Poi c’è Mame Ass Ndir (nella foto di copertina con Casadei). Il difensore senegalese, classe 2001, che ha debuttato lo scorso anno in campionato con la maglia rossoverde, in questa stagione non è stato mai impiegato. Fuori lista, anche per via di un iniziale infortunio, anche per lui il mercato potrebbe essere una prospettiva per salvare la stagione.

Matteo Ortolani

Lo stesso dicasi per Matteo Ortolani. L’attaccante, arrivato a suo tempo con il gruppo del Fondi e poi cresciuto nelle Fere, è forse il più difficile da piazzare perchè quella alla Ternana è la sua prima esperienza con una prima squadra in Italia: passato per le giovanili del Cuneo, ha militato nella seconda divisione greca all’Acharnaikos e poi in quella albanese nella Dinamo Tirana.

Il ragazzo, classe 2000 non è stato mai convocato in prima squadra quindi è probabile che per lui possa arrivare una nuova destinazione, come quella che con ogni probabilità attende Pietro Rovaglia tornato in rossoverde, dopo la parentesi alla Fermana (5 presenze). Per quest’ultimo ci sarebbero le sirene del Renate.

Sicuramente anomala anche la presenza di quattro portieri. In questo caso il regolamento consente di intercambiarli nella lista in qualunque momento, ma certamente gli spazi sono ridottissimi sia per Tommaso Vitali, l’ultimo ternano rimasto (per lui 7 minuti in Coppa a Venezia) che per Angelo Casadei (mai impiegato). Il primo è un 1999 quindi ancora per quest’anno non occupa una casella over.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Toto-allenatore: chi vorreste sulla panchina delle Fere per il dopo-Lucarelli? Votate il sondaggio

Ultimo commento: "Baldini ( ha un caratteraccio, ma grande stratega e trascinatore , cose che mancano alla ternana)"

Viciani trionfa ancora, sua la ‘Supercoppa delle Fere’!

Ultimo commento: "Mi erano sfuggite le fasi precedenti per la formazione di questa ideale classifica...ma condivido ampiamente l'esito finale ... quella del Maestro..."

‘Supercoppa delle Fere’: Lucarelli, che colpo! Ora contende il trofeo a Viciani

Ultimo commento: "Non c'è storia....per la qualità dei giocatori per le disponibilità economiche della società di allora Viciani ha fatto quello che fece Nostro..."

Ternana, quale allenatore per la stagione 2022-2023?

Ultimo commento: "Ultime parole famose...."
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da RossoVerde - Il Personaggio