Resta in contatto

Approfondimenti

La Ternana e il “mal di Var”

Altro episodio controverso deciso dalla moviola in campo a Cremona, con Lucarelli che attacca la decisione arbitrale

Con il ritorno in Serie B, la Ternana ha dovuto fare conoscenza con un nuovo elemento capace di influenzare l’andamento delle partite: il Var.

SUBITO “NEMICI”. Nonostante il supporto tecnologico video agli arbitri sia nato per aiutare chi deve prendere decisioni difficili e per limitare al minimo gli errori dei direttori di gara, questo strumento dalla sua introduzione non ha smesso di alimentare polemiche. Per la seconda volta in questo campionato, le Fere hanno visto intervenire il Var in loro sfavore. Già nella prima gara al Liberati contro il Brescia, l’arbitro Miele, richiamato dal suo assistente, aveva decretato un calcio di rigore, molto dubbio, in favore delle Rondinelle, proprio dopo aver guardato e riguardato per diversi minuti l’immagine del presunto fallo al monitor.

ANCORA TU. Ci sono state grandi polemiche da parte della Ternana, con la beffa che anche l’Associazione degli arbitri ha di fatto dato ragione ai rossoverdi, sospendendo gli ufficiali di gara protagonisti. In un altro paio di circostanze, contestate dalla squadra di Lucarelli, gli arbitri invece non si sono “scomodati” per rivedere le azioni, ma hanno confermato la decisione presa in tempo reale. L’ultimo episodio è quello di sabato contro la Cremonese: gol del possibile 1-1 annullato a Palumbo per un presunto fallo in precedenza di Proietti su Valzania.

LA FURIA. Lucarelli, nel post partita, ha criticato aspramente la decisione dell’arbitro Cosso, affermando che a suo parere è stato il centrocampista grigiorosso ad andare incontro al suo giocatore, che poi inevitabilmente è finito per franare sull’avversario in modo involontario. Il tecnico livornese ha poi fatto un discorso generale sull’utilizzo della tecnologia nel calcio e sugli arbitraggi: “Chi giudica questi episodi è gente che non ha mai giocato a calcio, quindi non possono capire l’entità e la dinamica di quelli che vengono considerati falli, ma fanno parte del gioco. Purtroppo ancora una volta la Var non viene usata nella maniera giusta nei nostri confronti

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Top 11 della Ternana: Borgobello, vicecapocannoniere della storia rossoverde

Ultimo commento: "non sò chi ha scritto l'articolo ma veniva dal Brescello e non dal Chievo ;)"

“Lele” Ratti, il recordman di presenze in rossoverde

Ultimo commento: "28 reti no di sicuro ,non segnò mai."

Top 11 rossoverde: Grava, partito dalle Fere e arrivato alla fascia che fu di Maradona

Ultimo commento: "Un calciatore che ha' fatto della determinazione ed abnegazione il suo percorso formativo e calcistico , dando spesso tutto di se sudando la maglia..."

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Me lo ricordo. Un grande!"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Claudio Tobia a Catanzaro lo ricordiamo con affetto per essere stato il Mister della promozione in B 1986 / 1987"
Advertisement

Altro da Approfondimenti