Resta in contatto

Le pagelle di Calciofere

Le pagelle di Monza-Ternana, Capone quasi da veterano, che risposta Sørensen!

Le Fere strappano un bel pari al Brianteo, per 1-1, prendendo il primo meritato punto in campionato. Queste le pagelle rossoverdi di calciofere.it

IANNARILLI 7

Incolpevole sul gol incassato nelle fasi iniziali del match, ma decisivo in due o tre occasioni create dal Monza. Anche per i suoi interventi puntuali e tempestivi è arrivato qusto primo punto delle Fere. Sicurezza.

BOBEN 7

Stavolta, finalmente, il Boben che i tifosi ternani si ricordavano dallo scorso anno. Attento, deciso, pronto a chiudere e a volte bravo anche in velocità sull’avversario di turno. La sua fisicità ha fatto il resto e gli avversari sono rimasti al palo. Redivivo.

SØRENSEN 7,5

Che risposta! Schiaffi e critiche non lo hanno scalfito. Anzi, lui ha replicato con una prestazione positiva e andata in crescendo col passare dei minuti. Ripresa da baluardo insormontabile. Mister Lucarelli gli ha chiesto scusa dopo la gara col Pisa, adesso lo facciamo anche noi. Orgoglio pizzicato.

CAPUANO 6

Non è ancora fisicamente al meglio e si vede. Fatica a trovare il ritmo, ma la parte sua la fa bene. Decisivo in più di una chiusura, quando c’è bisogno tira fuori l’esperienza e il valore di uno che ha giocato sempre tra serie A e serie B. Convincente.

DEFENDI 6,5

Qualche sbavatura nel primo tempo, come quando il Monza sfiora il raddoppio a due passi dalla porta, ma nel secondo tempo ha tirato fuori tutto il piglio del capitano e  tutta la voglia. E’ stato un trascinatore e un punto di riferimento in campo. Leader.

AGAZZI 5,5

Non sempre fa sentire il suo apporto alla manovra, sul gol del Monza ritarda il tempo per andare a chiudere lo spazio a Mota Carvalho per impedirgli di tirare. Meglio nel secondo tempo, quando pure tutta la squadra era cresciuta.

PROIETTI 6

Prestazione un po’ dai due volti. A tratti non incisiva, a tratti ordinata e piena di grinta. Anche lui, un po’ come il resto della squadra, è andato meglio nel secondo tempo. Ma tutto sommato, bene. Corrente alternata.

MARTELLA 6,5

Sta gradualmente ritrovando la sua condizione migliore. Sulla fascia sinistra fa spesso sentire la sua autorità e la sua esperienza. La qualità non gli manca. E ora, comincia a fare pure qualche cross interessante. Se entrerà presto nei meccanismi della squadra, sarà un’arma in più. Asso nella manica.

PARTIPILO 6

Si muove e si destreggia tutto sommato bene. Buone giocate e buone serpentine, da parte di un giocatore volenteroso, sbaglia però l’esecuzione su una palla d’oro che ha avuto da Defendi per pareggiare. La prossima volta, magari, più preciso.

FALLETTI 5,5

Prova a portare avanti i palloni che gli capitano, ma trova pochi spazi. E’ anche poco preciso in alcune giocate. A fasi, sembra quasi sparire dal campo, per poi farvi ritorno ma mai con il peso che ci si attende da lui. Rivedibile.

PETTINARI 5,5

Si fa trovare pronto su un bel cross di Defendi che lui gira dentro la porta, ma il suo compagno era fuori gioco e tutto è risultato vano. Per il resto, si vede poco. Probabilmente, anche perché poco servito, nonotante un buon lavoro in aiuto dei suoi compagni. Solitario

PALUMBO 6,5

(dal 10’st per Capuano): E’ entrato bene e ha dato più peso al centrocampo. Ha tentato anche qualche conclusione dalla distanza, come a cercare di “svegliare” i compagni, facendo loro capire che provare a buttare quella palla dentro alla porta monzese, si poteva. Motivatore.

MAZZOCCHI 6

(dal 16’st per Partipilo): C’è da dire che si è mosso bene, appena entrato. Ha cercato anche di attaccare gli spazi e la porta. Peccato, solo, quel colpo di testa ravvicinato che non ha trovato il bersaglio grosso. Volenteroso.

CAPONE 7,5

(dal 17’st per Pettinari): E’ il ragazzo della provvidenza, che ci mette la gamba da uomo. Lucarellli lo manda in campo regalandogli il destino di trovare in pieno recupero l’1-1. Suo, infatti, il gol che, per il morale della squadra, pesa tantissimo e vale quasi come uan vittoria. Gol arrivato a coronare una prova piena di grinta e di voglia. Salvatore della Patria.

KOUTSOUPIAS 6,5

(dal 28’st per Falletti): Bravo davvero, il centrocampista greco. Entra in campo con una partita da recuperare e ci mette pure un bel po’ di piglio, oltre alla qualità che non gli manca. Concorre a rendere la Ternana più pericolosa e più incisiva, suonando la carica come un tamburino. Di lui, sentiremo parlare. Sorpresa.

DONNARUMMA 6

(dal 28’st per Agazzi): Non segna, ma si muove bene. La parte sua, la fa, anche con un lavoro un po’ più oscuro e nella ricerca di spazi da aprire. Controlla di petto la palla che poi Capone infila nella porta in pieno recupero. Utile.

LUCARELLI 7

Trova il coraggio di cambiare modulo, anche se solo per poco meno di un’ora, senza snaturare sè stesso, nè la squadra, nè gettando al vento (come dice lui) 15 mesi di lavoro. Poi, i cambi da lui voluti sono quelli che concretizzano l’inseguimento di un risultato importante e che ha scacciato il rischio di un’ennesima sconfitta che stavolta sarebbe stata davvero cosa eccessiva. Coraggioso.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Top 11 della Ternana: Borgobello, vicecapocannoniere della storia rossoverde

Ultimo commento: "A Siena fu bellissima. Grava espulso e Mareggini che faceva le uscite di testa.... Grande Borgo, uno che in campo non mollava mai"

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Me lo ricordo. Un grande!"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Claudio Tobia a Catanzaro lo ricordiamo con affetto per essere stato il Mister della promozione in B 1986 / 1987"

Top 11 rossoverde: Grava, partito dalle Fere e arrivato alla fascia che fu di Maradona

Ultimo commento: "Errata corrige, il gol del pareggio 1-1"
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calciofere