Resta in contatto

Approfondimenti

Ternana, sarà festa in zona rossa: Comune e tifosi sono già al lavoro

Il sindaco Latini al Corriere dell’Umbria: “Bandiera sul pennone della Fontana, anche se chiusa per lavori”. Il CCTC: “Inviteremo a festeggiare dai balconi, rispettiamo le regole”

A questo punto manca solo il conforto della matematica che a meno di clamorose sorprese, arriverà nella giornata di sabato, nel big match con l’Avellino che la Ternana – in virtù del risultato dell’andata, 1-2 dei rossoverdi al Partenio Lombardi- può persino permettersi di perdere 1-0, dato che avrebbe il vantaggio del maggior numero di gol segnati in trasferta.

La serie B bussa alle porte e comunque vada sarà una festa in tono minore perchè in quel giorno Terni, come tutta l’Italia sarà in zona rossa per le normative stringenti per la prevenzione del contagio da Coronavirus.  Una situazione molto delicata anche perchè i dati dicono che l’Umbria ha ottime possibilità di passare al bianco dopo Pasqua e quindi va tenuta d’occhio con attenzione ogni possibile forma di assembramento. Tantopiù, questo è emerso nelle ultime ore, che la Questura avrebbe chiuso un occhio relativamente a quanto successo domenica sera e difficilmente concederà il bis.

LA SITUAZIONE. Il sindaco Leonardo Latini, dalle colonne del Corriere dell’Umbria, spiega: “Il bagno nella fontana di piazza Tacito non si potrà certo fare, anche perché sono in corso i lavori – ma per la bandiera sul pennone… siamo già organizzati. A parte gli scherzi, l’unica nota stonata di questa esaltante stagione della Ternana sarà l’impossibilità di festeggiare come tutti avremmo voluto. In settimana mi confronterò con la questura per studiare un piano che consenta di fare festa nel rispetto delle norme e delle restrizioni. Non possiamo certo tornare… in zona rossa per celebrare la serie B!. Ma qualcosa faremo anche come Comune, vedremo come”.

Il quadro è dunque chiaro e al di là di quello che potrà succedere davanti all’Hotel Garden- che comunque sarà monitorato- resta da capire come verranno gestiti i probabilissimi ‘caroselli’ in auto, anche questi vietati dal Dpcm.

NIENTE ANTICIPO. Il fronte del tifo ha sperato che in qualche modo questa situazione potesse essere aggirata anticipando a venerdì o posticipando a martedì la sfida così da poterla giocare quantomeno in zona arancione, con maggiore mobilità, ma l’entusiasmo è stato spento subito: non ci sono slot possibili in questo senso e anzi, pare ormai probabile, la fine del campionato slitterà addirittura non di una bensì di due settimane, vista l’enorme mole di recuperi ancora in ballo. Dunque partita confermata per le 15 del sabato di Pasqua.

TIFOSI. Luciano Nevi, presidente del Centro di Coordinamento Ternana Clubs, interpellato da Calciofere, sottolinea: “Noi come centro di coordinamento non organizzeremo niente, ci atterremo alle regole, anche se ovviamente ci dispiace tantissimo. Personalmente inviterò nuovamente a festeggiare dai balconi, a far sentire la nostra gioia alla squadra per il traguardo raggiunto restando in casa. Non posso ovviamente impedire fisicamente alle persone di uscire di casa, chi lo farà non sarà su indicazione del Cctc”. 

E qualcuno, sempre dalle colonne del Corriere dell’Umbria, dice di aver già preparato ‘i soldi per la multa’. Non sarà dunque una festa semplice, non sarà facile contenere la gioia fra quattro mura. Ma i ternani hanno la testa sulle spalle: lo hanno già dimostrato qualche settimana fa quando ordinatamente hanno saputo salutare la squadra prima della partita col Bari. Sapranno trovare il modo per conciliare al meglio la gioia immensa e le regole da rispettare.

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Io non abito in centro😔😔😔😔

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

assemBBBBBBBBBBBBBamenti animaleschi 😂😂😂😂😂❤️💚💣
Emiliano Menichetti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Magari li fanno passare in via Filippo Turati, così al loro passaggio, porterò in loro onore la bandiera rossoverde

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Certo noi mica siamo come a Milano che hanno festeggiato in 3000 prima del derby e nessuno ha detto niente

Alessandro maraldi
Alessandro maraldi
15 giorni fa

Vamos fere 🐉🔥♥️💚

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Un idea potrebbe essere che tutti sui balconi ed organizzare un tour sul pullman con i giocatori, nelle vie principali della città. Così da permettere alle persone di rimanere in casa e comunque applaudire i propri beniamini👍💪❤️💚

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Penso proprio che sabato dovrò anna a fa spesa all eurospin

francesco carlini
francesco carlini
15 giorni fa

io ci vengo da Roma, è da settembre che non vengo a terni, sabato per fermarmi devono spararmi, sotto casa mia ieri ci saranno state 20000 persone al parco, metterò la mascherina e rispetterò la distanza ma sabato sarò a salutare i nostri campioni….. UNICO GRANDE AMORE

Maurizio Lazzari
Maurizio Lazzari
15 giorni fa

Sono d’accordo con le affermazioni di Luciano Nevi, ci sarà tempo e modo per festeggiare come ci pare e piace

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Io non abito in centro come faccio a festeggiare dal balcone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Non dico di assembrarsi in piazza, però chi dice “festeggiate dai balconi” o abita su un palazzo a via dello stadio o da piccolo riceveva i pigiami come regalo di Natale. Cerchiamo di essere realisti: vengano permessi i caroselli e si stia attenti a far sì che vengano mantenute le distanze, ma senza estremizzare. Anche perché mezza Italia è in zona rossa (fino a poco fa anche mezza regione) e ci sono sempre stati assembramenti clamorosi solo per uscire a fare una passeggiata in centro piuttosto che vicino casa. Si faccia attenzione, ma non tagliamoci il pisello da soli per… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

In zona bianca dopo Pasqua ? E come mai ? Con tutto quell’ assembramento della Tirreno Adriatica non ci doveva essere una carneficina di contagi ?! Dove sono ?
Facciamo finita che il gioco è bello quando è corto …
È un anno che seguiamo le Fere da casa , basta , basta , ve lo chiediamo in ginocchio , ma che abbiamo fatto di male ?!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Ma andate a cagare

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Rispettiamo le regole… lo dico a malincuore… ma preferisco essere civile!! ❤️💚

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Sabrina Gentili Francesca Conti Christian Toni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Apposto se parla lui stamo tranquilli ,….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

tutti in chiesa, tanto sono aperte!

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti