Resta in contatto

News

Ternana-Casertana, Lucarelli: “Tutti ci affrontano al massimo, il virus non mi lascia tranquillo” (VIDEO)

Il tecnico rossoverde ha parlato in conferenza stampa dopo la netta vittoria contro i campani: “Alla lunga le nostre qualità vengono sempre fuori”

E’ un Cristiano Lucarelli visibilmente e ovviamente soddisfatto quello che si è presentato in conferenza stampa dopo la roboante vittoria della sua Ternana per 5-1 contro la Casertana.

Non ero felicissimo all’intervallo, ma gli ultimi avversari che stiamo affrontando ci pressano a tutto campo e lo sapevamo. Avevo detto che dovevamo essere 11 allenatori in campo e quando l’avversario cala dobbiamo approfittarne. Sono contento perché forse per la prima volta siamo stati cinici, due tiri e due gol nel primo tempo. Quando la Casertana è calata sono emerse le nostre qualità e abbiamo fatto la differenza”

“Testa fuori dal carro armato? No, assolutamente, ci sono ancora 42 punti in palio. Poi c’è questo virus, con una nuova variante che fa paura. Se è arrivato a Perugia penso che non tarderà ad arrivare anche a Terni, poi si trasmette molto facilmente con i bambini. Il Covid non deve entrare nel carro armato. Continueremo a fare come abbiamo sempre fatto finora, limitando tutti gli spostamenti e i contatti con persone estranee, è un problema perché la variante brasiliana sembra che non si veda con i tamponi tipici. La minima leggerezza può essere pagata a caro prezzo, avete visto cosa è accaduto al Cesena. Poi si rischia di andare a giocare in 8 o in 9″

Fabio Gallo può essere avvantaggiato perché conosce i ragazzi, poi il cambio da allenatore di solito da fiducia ed entusiasmo, ma noi andremo a Potenza fiduciosi. Sarà una partita molto difficile, ci saranno minino di -6 gradi e massime vicine allo zero sabato, sarà difficile anche dal punto di vista ambientale”

Frascatore e Laverone sono andati bene. Abbiamo fatto delle partite con i difensori centrali a 30 metri dalla porta avversaria a volte, ora invece vogliamo essere un po’ più accorti. Lo abbiamo visto contro i recenti avversari, gli altri vogliono partire forte per segnare e poi chiudersi e ripartire. Noi dobbiamo aver pazienza e poi con le nostre qualità uscire alla distanza. La sostituzione di Palumbo? Io non voglio avere giocatore che rischiano la doppia ammonizione, anche se secondo me non era nemmeno fallo. Sta diventando troppo effemminato il calcio oggi, non c’è più il gioco maschio, si ammonisce e si espelle con troppa facilità”

Partipilo è stato altruista nell’occasione del quinto gol, è un principio, quello di mettere prima il nome della squadra poi quello del giocatore, che cerco di inculcare da quando sono arrivato. Al gol fallito di Paghera, che ancora non aveva segnato, così come quello di Kontek, tutti si sono rammaricati perché si voleva far segnare anche loro. Paghera, così come Russo o Torromino, sono straordinari perché nonostante giochino meno, in allenamento danno sempre il massimo e in questo modo fanno allenare meglio tutti gli altri. Non hanno mai fatto una polemica e sono davvero eccezionali. Partipilo è stato straordinario, ma più che i due gol ho apprezzato il gesto di regalare il gol a Peralta. Se non lo avesse fatto sul 2-1 lo avrei ammazzato, invece sul 4-1 avrebbe potuto fare la prima tripletta da professionista e questo gli rende ancora più onore”

Boben in flessione? Non mi sembra, poi ci sta perchè viene da un infortunio al ginocchio ed è stato fuori un paio di settimane. Gli unici attaccanti che lo hanno messo in difficoltà finora sono stati solo Pandolfi, che ora è andato in Serie B a Brescia per 600mila euro, e Lucca del Palermo, che sicuramente l’anno prossimo giocherà in Serie A, è molto forte. Anche Raicevic oggi ha fatto una bella partita, voi vi aspettate uno che faccia solo a sportellate, invece ha un’ottima tecnica. Ogni tanto mi piacerebbe che fosse un po’ più incazzato”

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News