Calcio Fere
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

La cinquina di capitani delle Fere e quella dedica che fa gruppo

Una fascia che è passata di braccio in braccio nel corso della stagione e che ad Avellino portava una dedica speciale per chi non era fisicamente presente

Ben cinque capitani in stagione: se non è un record – l’ennesimo, per le Fere – poco ci manca.  Una delle curiosità emerse da questo periodo rossoverde è che complici le tante assenze che si sono moltiplicate in casa Ternana, nelle ultime due partite la fascia di capitano ha cambiato padrone tre volte.

Da Carlo Mammarella a Marino Defendi, che si sono alternati all’inizio, a Daniele Vantaggiato che l’ha indossata in corsa nella partita col Bisceglie, all’uscita di Defendi, sino a Federico Furlan che l’ha presa da Vantaggiato nella gara di Avellino all’uscita dell’attaccante, fino a Michele Russo, che l’ha presa da Furlan all’uscita dal campo di quest’ultimo.

Ognuno l’ha onorata al meglio, dando il massimo quando è stato in campo. Non solo: da due settimane la fascia è utilizzata anche per dediche speciali. La scorsa settimana per l’avvocato Massimo Proietti, nella gara di Avellino, per Marino Defendi. Daniele Vantaggiato, nell’intervallo della gara del Partenio-Lombardi, lo ha ricordato a Cusano Italia TV: “Oggi non è in campo con noi e mettere il suo nome sulla fascia di capitano è un po’ come averlo lo stesso insieme a noi”.

Un altro segnale evidente di come il gruppo compatto ed unito sia uno dei punti di forza del gruppo, a tal punto da portare il compagno infortunato in campo…sul braccio.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

I due ex rossoverdi, il primo oggi assessore il secondo opinionista hanno preso parte all'evento...
Lo 0-0 di Brescia è uno dei ben sei risultati a reti bianche della 34' giornata....
L'ottimo ingresso in campo di Dionisi a Brescia fa aumentare le sue quotazioni in vista...

Altre notizie

Calcio Fere