Resta in contatto

Approfondimenti

Ternana, oltre l’Avellino: ecco il cammino teorico ai playoff

Cosa succede se si battono gli irpini? Quale avversario nel turno successivo? Il destino dalla fase nazionale? Ecco un po’ di ipotesi

Vincere sempre, per andare sempre avanti. Guai a perdere: si esce dal torneo e addio sogni di serie B. Si comincia in casa, si prosegue sicuramente in casa se si passa il primo turno di fase di girone, si spera di poter addirittura essere testa di serie nel primo turno di fase nazionale. Ora che è chiaro il programma delle partite dei playoff della serie C, vediamo quale sarà, fin quando è possibile ipotizzarlo, il teorico cammino della Ternana nel torneo finale per avere la quarta neopromossa in serie B.

1 – BATTERE L’AVELLINO. Innanzitutto, la squadra rossoverde, quinta in classifica nel girone C, esordisce il primo luglio nel primo turno della fase di girone, affrontando in casa l’Avellino (10′), mentre le altre sfide vedono di fronte Catania (6′)-Virtus Francavilla (9′) e Catanzaro (7′)-Teramo (8′). Alla Ternana, contro gli irpini, basta anche il pareggio nei novanta minuti, per passare il turno, in quanto meglio classificata.

2 – CATANIA, CATANZARO O TERAMO? Se la Ternana andrà avanti, nel secondo turno della fase di girone subentrerà il Potenza, che è quarto classificato. Sarebbe, in ogni caso, l’unica squadra classificata meglio dei rossoverdi. Ne consegue, dunque, che le due squadre non si incontrerebbero tra loro e che entrambe giocherebbero in casa il loro incontro secco, in quanto il regolamento vede ancora sfide incrociate in base alla posizione in classifica e pone in casa la squadra meglio classificata. Contro chi, giocherebbe la Ternana, il 5 luglio? Le possibilità sono due e sono legate all’esito della gara di primo turno tra il Catania e la Virtus Francavilla. Se, infatti, passa il Catania, i rossoverdi avrebbero di fronte, ancora al Liberati, proprio gli etnei. Se invece passa il turno la Virtus Francavilla, quest’ultima (peggiore classificata tra le squadre del secondo turno) affronterebbe il Potenza, mentre i rossoverdi ospiterebbero la vincente di Catanzaro-Teramo. In entrambi i casi, giocando in casa, la Ternana potrebbe permettersi il lusso anche di pareggiare nei novanta minuti.

OCCHIO ALLE COMBINAZIONI. In caso di una seconda vittoria con ulteriore passaggio del turno, per i rossoverdi si spalancherebbero le porte della fase nazionale. E nel primo turno di questa, con partite da giocare il 9 luglio, subentrano le terze classificate e la vincitrice della Coppa Italia. DuNque, dentro Renate, Carpi, Monopoli e Juventus Under 23. E queste quattro saranno teste di serie. Siccome le sfide di questo turno sono 5 (oltre alle quattro nuove inserite ci sono anche le sei squadre qualificate dalla fase di girone), serve una quinta testa di serie. La Ternana, quinta nel suo girone, potrebbe anche riuscire ad esserlo, ma solo a condizione che dai due turni della fase di girone non risultino qualificate squadre meglio classificate dei rossoverdi. Le altre due quinte classificate, se ci saranno o meno sarà ininfluente, poiché i rossoverdi, algoritmo alla mano, sono messi meglio sia del Padova che dell’Alessandria. Non restano che le quarte classificate, le sole che teoricamente potrebbero soffiare alla Ternana la possibilità di essere la quinta testa di serie. Dunque, fermo restando che il Pontedera non ci sarà comunque poiché rinunciatario, dovrebbero essere eliminate sia il Potenza che il Sudtirol. A quel punto, se la Ternana fosse testa di serie, avrebbe un due vantaggi: il primo è quello di giocare ancora una partita in casa con la possibilità anche di pareggiare per andare avanti nel torneo, mentre il secondo è quello di non incontrare nè Renate, nè Carpi, nè Monopoli nè Juve Under 23. Se invece i rossoverdi non dovessero essere tra le teste di serie, ecco che invece incontrerebbero proprio una di queste, in base a cosa stabilirà il sorteggio degli abbinamenti. Ma in questo caso, giocherebbero fuori casa e dovrebbero per forza vincere per andare ancora avanti nel torneo.

3 – IL RESTO… VERRA’ DOPO. Fin qui, ciò che teoricamente può succedere fino al primo turno di fase nazionale. Fare ipotesi pure sui turni successivi, al momento, è ancora prematuro, visto che dovrebbero essere parecchi gli eventi che dovrebbero concatenarsi, per avere i rossoverdi addirittura ancora tra le teste di serie e ancora con la possibilità di giocare la sfida secca in casa pure nel secondo turno di fase nazionale che si gioca il 13 luglio. Ma a quel punto, il torneo entrerà nella fase più calda, in quanto da quelle partite verranno fuori le quattro protagoniste del final four, le cui gare si giocheranno il 17 luglio (semifinali) e il 22 luglio (finale).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti