Resta in contatto

Rubriche

C’era una volta il calcio – La Ternana e una partita d’addio… ma non per sempre

Nelle domeniche senza campionato, riviviamo la stessa data del passato in cui si giocava. Siamo nel 1964 e i rossoverdi chiudevano un torneo trionfale.

Il calcio è fermo per l’emergenza coronavirus, ma in queste domeniche in cui si sta a casa e si sentono la nostalgia e la mancanza delle domeniche pallonare a tifare Ternana, divertiamoci almeno a ricordare e a rievocare. Da qui, questa rubrica che vi proponiamo ogni domenica (il giorno del calcio per antonomasia) per ricordare una partita giocata nello stesso giorno e mese ma in un altro anno del passato. Stavolta ci occupiamo della stagione 1963-64: il 24 maggio di 56 anni fa, i rossoverdi giocavano la loro ultima partita nella serie interregionale, prima del ciclo professionistico che li avrebe portati fino alla serie A.

L’INIZIO DI UN LUNGO CICLO. Si gioca a risultato stagionale già acquisito. Una settimana prima, sul campo di viale Brin, la vittoria sulla Jesina aveva sancito la promozione aritmetica in serie C. Per la Ternana, dunque, è finito il calvario nella serie D e nei campi delle categorie interregionali. Di fronte, c’è la serie C, terza serie nazionale e prima di un calcio di più alto livello. Il 24 maggio 1964, la squadra allenata da Riccardo Carapellese (nella foto in evidenza) calca per l’ultima volta un campo di serie D. E’ quello di Città Di Castello. Finisce con una sconfitta, ma poco importa. Il Città Di Castello batte la Ternana per 2-1. Rossoverdi in vantaggio per primi con Tonini, ma vengono poi rimontati dal pareggio di Fontanesi e superati dalla rete di Palazzolo. I tifernati, con quel successo, si assicurano la salvezza, mentre la Ternana dà l’addio alle categorie dilettantistiche. Da lì in avanti, un ciclo che dalla serie C porterà la squadra a salire fino alla serie A.

NON FU UN ADDIO. Dalla stagione 1964-65, prima in serie C per effetto di quella promozione, per la Ternana si chiusero di fatto le porte delle serie interregionali. Seguirono quattro tornei di serie C e la promozione in B nel 1968-69, preludio alla prima serie A della stagione 1971-72. La Ternana sembrava aver ormai trovato la sua dimensione nel calcio professionistico, anche se tra alti e bassi, visto che gli anni Settanta passarono tutti tra serie A e serie B. Più grigi gli anni Ottanta, sempre tra serie C1 e C2. Ma lo spettro dei dilettanti, che pure sembrava per sempre dileguato, si ripresentò davanti ai rossoverdi esattamente 29 anni dopo quel 1964: la Ternana visse la goia della promozione nel 1992 di nuovo in serie B ma l’anno successivo la società fallì. Seguì la cancellazione dalla geografia del calcio. La ripartenza con una nuova società, avvene proprio nel Campionato nazionale dilettanti, dove i rossoverdi stazionarono per due stagioni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rubriche