Resta in contatto

Amarcord

Liverani in rampa di lancio: “Tutto partì da quell’anno emozionante alla Ternana”

L’ex tecnico delle Fere, oggi protagonista in serie A col Lecce a tutto campo in una intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport

L’ex tecnico della Ternana Fabio Liverani, artefice della storica salvezza nella stagione 2016-17 in serie B ed oggi grande protagonista nel Lecce in serie A ha parlato alla Gazzetta dello Sport in una intervista ripresa anche dai colleghi del nostro portale gemello calciolecce.it.

TRIENNIO D’ORO. Da tre anni, Liverani è in rampa di lancio. Il ‘Triennio d’oro’ è partito da quel febbraio 2016, quando la Ternana lo ingaggiò fra lo stupore generale, vista la modesta esperienza (arrivava dal Leyton Orient, terza serie inglese): “A Terni trovai un gruppo spaccato – dice – ma puntando sul loro orgoglio li convinsi a centrare l’impresa ed in 13 gare facemmo 26 punti e ci salvammo evitando anche i playout. Una storia davvero emozionante”.

COVID 19. Ovviamente si è parlato anche di questo difficile momento che vede il calcio fermo per l’emergenza sanitaria. Liverani ha le idee chiare: “Dico che prima di ripartire sarà bene che tutte le squadre si sottopongano ai tamponi. Non entro nelle recenti polemiche ma a Lecce, come in altre città, non sono stati fatti i test: le norme lo vietano. Per tutela generale dobbiamo avere la certezza che l’intera A sia libera da virus. Per tutelare la salute, ma anche per non fermarsi più: Non avremo tanto tempo a disposizione”

Allenamenti ‘domestici, ovviamente, anche in casa Lecce: “Non è facile allenare il gruppo a distanza, ma ci siamo attrezzati e con il mio staff seguo tutti da casa. Loro sono bravi. In questi giorni ad esempio hanno completato il lavoro di recupero giocatori importanti per noi come Farias, Babacar e Falco. Il loro apporto può essere decisivo per la volata finale”.

ISPIRAZIONI. Amante del bel gioco, definisce il modulo con cui gioca attualmente un 4-3-fantasia: “ Lavoriamo per delle idee di gioco che esaltino i singoli. In effetti cambia tanto per noi se gioca Saponara, Mancosu o Falco, si cambia lo schieramento a seconda degli interpreti. L’importante è sorprendere gli avversari”.  Ma Liverani a chi si ispira? “A tutti e nessuno – conclude – Guardiola è il più innovativo, non lo scopro io. Io rincorro il bel gioco, cercando il meglio dai miei. Sempre con i piedi per terra”.

Foto Calciolecce.it

Lascia un commento
0 0
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Amarcord

0
()
x