Resta in contatto

Approfondimenti

Il Monopoli risveglia la Ternana

La magia delle vittorie consecutive interrotta dai pugliesi, corsari al Liberati. Primo stop stagionale, per i rossoverdi.

Dopo l’inizio di campionato scoppiettante, primo stop stagionale per la Ternana, colpita duramente in casa propria con due schiaffoni dal Monopoli, che nel secondo tempo è andato a segno con Fella e con Jefferson e si è portato via i tre punti. Un 2-0 che brucia, dentro ad un Liberati anche stavolta non all’esaurimento nonostante i 12 mila e oltre abbonamenti sottoscritti. Un passo indietro nel gioco e anche nella condizione, per la squadra di Fabio Gallo. Le scelte del tecnico di Bolate di cambiare il centrocampo con Paghera dall’inizio e di confermare Partipilo sulla trequarti, si sono rivelate non felici. Dal canto suo, il tecnico ospite Giuseppe Scienza ha azzeccato tutto. Il resto, lo hanno fatto i suoi in campo, bravi a colpire al momnto giusto.

BRUTTE AVVISAGLIE. La Ternana, nella prima frazione, non è apparsa la stessa delle prime tre giornate. Sarà stato il caldo, ma c’erano alcuni collegamenti che sembravano funzionare di meno. Primi minuti con i rossoverdi intenti almeno a provarci, senza però trovare l’occasione giusta per farsi pericolosi. Non a caso, il primo a concludere nello specchio della porta è stato il Monopoli, con una conclusione di Jefferson che ha impegnato in due tempi Iannarilli. Una Ternana spesso a provare a servire in profondità i propri attaccanti, ma con Ferrante quasi sempre impreciso, Marilungo mai decisivo e un Partipilo sulla trequarti più statico e meno pericoloso rispetto a quanto si era visto a Rende la settimana prima. La Ternana non è andata al di là di un paio di conclusioni non precise, prima cn Ferrante e poi con Partipilo. Ha tirato per la prima volta in porta solamente al 35′, con una conclusione di Marilungo che ha ricordato al portiere del Monopoli Antonino che in campo per parare ci stava pure lui. Monopoli più pericoloso e quasi sempre con lo stesso giocatore, Donnarumma. Tuttavia, la squadra di Scienza non è andata oltre a tiri dalla distanza, poiché entrare in area risultava comunque non facile vista l’attenzione della retroguarda della Ternana.

LA DISFATTA. Nel secondo tempo, i piedi d’argilla del gigante si sono andati sgretolando. Gallo ha provato a cambiare le cose con l’insermento sulla trequarti di Furlan al posto di Partipilo. Il risultato, però, non si è visto. Anzi, prprio nei primi minuti il Monopoli ha saputo colpire. Dopo l’avvisaglia di una splendida parata di Innarilli su colpo di testa di Jefferson, è arrrivata la rete del vantaggio della squadra ospite: rimessa laterale, triagolazione ampia tra Picinni, Jeffersone  e Fella e rete di quest’ultimo di collo pieno sul primo palo. Il primo svantaggio stagionale poteva essere una cartina del tornasole per testare l’attuale solidità anche mentale della Ternana. Si attendeva una reazione immediata, che in realtà non c’è stata. O meglio, c’è stata ma senza precisione. Dopo un paio di occasioni confezionate dal Monopoli per raddoppiare, ecco anche la sfortuna a negare ai rossoverdi di riprendere in mano la partita, con il palo di Mammarella su punizione diretta. A causare il raddoppio dei pugliesi, ci ha pensato Michele Russo, stavolta decisivo in entrambe le reti subite, con un retropassagio di testa troppo morbido per Iannarilli e con Jefferson ad approfittarne rubando palla e mettendo in rete. A completare l’opera, ci si è messo anche un episodio dubbio da calcio d’angolo, con il guardalinee a segnalare un fuori gioco di Furlan proprio nel momenmto in cui il numero 7 rossoverde trovava una rete che avrebbe potuto riaprire le cose. Partita chiusa lì, con il Monopoli vicino pure alla terza segnatura in un paio di occasioni.

 

2 Commenti

2
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Incidenti di percorso… Ci rifaremo!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sempre Rosso Verde ??????

Advertisement

Ezio Brevi, il capitano di tante battaglie

Ultimo commento: "Grande uomo, prima ancora che grande calciatore, mi spiace che la Ternana non lo abbia riconfermato nello staff tecnico"

Paolo Doto, il “Geniaccio” con le Fere nel cuore

Ultimo commento: "Lo ricordo quando vincemmo il campionato ed andammo in serie b un grande Paolo doto. Sempre forza Barletta"

Luis Antonio Jimenez, il mago cileno che ha incantato il Liberati

Ultimo commento: "Un grande talento, uno dei più forti visti a Terni"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Dopo il “maestro” Corrado Viciani, Tobia è e rimane il più grande allenatore passato per Terni, e, il più grande “ultras” di tutta la curva..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti