Resta in contatto

Rubriche

Ternana, un avversario alla volta: Cavese

Prosegue il viaggio della redazione di Calciofere al’interno delle altre squadre del girone. I campani e la loro rivoluzione.

Continuano le schede informaative della redazione di Calciofere dedicate alle avversarie della Ternana in campionato. E’ la volta della Cavese, formazione che negli ultimi decenni è sempre stata ostica, per i rossoverdi. Una sfida che torna dopo anni di assenza e che rappresenterà una vera e propria incognita. Gioca a favore della Ternana il fatto di incontrare questa squadra per ultima. Contro le Aquile, infatti, i rossoverdi giocheranno la gara di andata al Liberati il 15 dicembre 2019 e quella di ritorno il 26 aprile 2020 a Cava dei Tirreni.

RIEN NE VA PLUS. Mescolare le carte, incorociare le dita e provare a vedere cosa succede. Un vero e proprio azzardo, quello giocato dalla Cavese per la nuova stagione. Squadra praticamente rivoluzionata, con acquisti anche importanti. Segno evidente che la formazione Campana intende fare sul serio, con un organico in grado di garantire per lo meno un campionato dignitoso. Nel maggio 2019 ha festeggiato i 100 anni di vita e adesso punta a cominciare un campionato in cui poter dire la sua, migliorando intanto l’undicesimo posto della passata stagione. Allenatore nuovo, tanti giocatori nuovi, ambizioni nuove.

L’ALLENATORE. La Cavese, per la stagione 2019-2020, è stata affidata alle mani di Francesco Moriero. Il cinquantenne tecnico nativo di Lecce è chiamato a gestire un gruppo tutto nuovo. Un’avventura che parte praticamente da zero. Dopo una brillante carriera da calciatore, Moriero ha cominciato ad allenare in Costa d’Avorio nel 2006-2007. La sua prima panchina italiana è stata quella della Virtus Lanciano, nel 2007-2008. Poi, nell’ordine, quelle di Crotone, Frosinone, Grosseto, Lugano, Lecce, Catanzaro, Catania, Martina e Sambenedettese. In carriera, da tecnico, ha festeggiato la promozioni dalla serie C1 alla B con il Crotone nella stagione 2008-2009. Il suo modulo tattico calcistico preferito è il 4-3-3, per un calcio prevalentemente offensivo. Proprio questo sistema di gioco, sembra intenzionato a proporlo pure a Cava ei Tirreni. Un po’ più di fatica, per lui, nel trovare l’amalgama di una squadra rinnovata. Ci vorrà tempo.

GLI ACQUISTI. Fino ad ora, sono stati ben 20 i calciatori acquistati dalla Cavese nella sessione estiva di mercato. Una squadra praticamente rifondata. Interventi strutturali in tutti i reparti. In porta, sono arrivati Fabio Rinaldi dalla Sambenedettese, Matteo Kucic dal Pisa e Alessandro D’Andrea dal Napoli. Per la difesa, su tutti gli arrivi di Lino Marzorati dalla Juve Stabia, Luigi D’Ignazio dal Napoli, Riccardo Spaltro dalla Spal ed Emanuele Matino dal Parma. Presi anche Guido Galfano, Manuel Marzupio e Vincenzo Polito. Per il centrocampo, gli arrivi sono stati quelli di Luca Lulli dal Fano, Gianmaria Guadagno dall’Atalanta e Antonio Matera dal Potenza. Ben sette gli attaccanti nuovi. C’è Nunzio Di Roberto, espertissimo, proveniente alla Juve Stabia. C’è Andrea Russotto che era svincolato. Sono arrivati poi Badr Eddin El Quazni dalla Juve Stabia e Massimo Goh N’Cede dalla Virtu Verona. Completano il quadro dei volti nuovi del reparto offensivo Marco Stranges, Luka Vekic e Simone Addessi. La Cavese aveva acquistato anche il giovane difensore Morgan Besana dall’Avezzano, ma con lui si è arrivati poi alla risoluzione del contratto.

IL PRECAMPIONATO. Ritiro estivo a Sturno, in provincia di Avellino, per la Cavese. Al lavoro lì dall’11 al 26 luglio. Primo test, finito in parità 1-1, è stato una paritella in famiglia, a ranghi contrapposti. Prima sfida con un’altra squadra, il 13-0 ai danni del Cava United. Quindi, un 11-1 contro la formazione Berretti. Ultimo test in ritiro, il 2-0 ai danni dell’Equipe Campania. In Coppa Italia Tim Cup, la Cavese ha incontrato la Triestina al Nereo Rocco, perdendo 3-1.

LA ROSA. Questo l’attuale organico della Cavese, in attesa di altri movimenti di mercato.

PORTIERI: Luca Bisogno, Alessandro D’Andrea, Matteo Kucich, Fabio Rinaldi, Davide Trapani.

DIFENSORI: Marco Barba, Luigi D’Ignazio, Glaudio Galfano, Federico Gatti, Lino Marzorati, Manuel Marzupio, Emmanuele Matino, Raul Petrosino, Vincenzo Polito, Riccardo Spaltro.

CENTROCAMPISTI: Marco Castagna, Benito Cataldi, Francesco Favasuli, Gianmaria Guadagno, Luca Lulli, Antonio Matera, Christian Nunziante, Alessandro Scialpi.

ATTACCANTI: Simone Addessi, Claudio De Rosa, Nunzio Di Roberto, Badr Eddin El Quazni, Mylan Ferreira Carrasco, Massimo Goh N’Cede, Kayro Flores Heatley, Ferdinando Maniscalchi, Lorenzo Nicodemo, Andrea Russotto, Miguel Angel Sainz-Maza, Marco Stranges, Luka Vekic.

LO STADIO. La Cavese gioca le sue gare casalinghe nello stadio Simonetta Lamberti, intitolato dal 1983 alla memoria di una bambina che a soli 11 anni e mezzo rimase uccisa nel 1982 in un agguato camorristico per attentare alla vita di suo padre, il giudice Alfonso Lamberti. In erba, la superficie del terreno di gioco. 5.200 i posti.

OGGI GIOCHEREBBE COSI’

 

 

 

 

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Gg Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Gg
Ospite
Gg

Spero vivamente che le due partite siano aperte a tutti senza limitazioni. L’ultima volta non fu così purtroppo… Anche se tra le tifoserie non c’è alcun contrasto!!! Anzi c’è quasi una amicizia

Advertisement

Il “Maestro” Corrado Viciani, il “gioco corto” e la storica serie A della Ternana

Ultimo commento: "Questo, per chi ha vissuto in prima persona è un tuffo al cuore pieno di bei ricordi(indimenticabili), mia opinione è che se Viciani ha potuto..."

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Riccardo uno di noi!"

Roberto Clagluna, il ‘Clag’ e quella sua stagione da record

Ultimo commento: "sì ma era anche un campionato con 2 punti a vittoria e non a 3 come adesso ... in chiave moderna sarebbe stata promozione con tanti pareggi come..."

Massimo Borgobello, un bomber che ha fatto storia

Ultimo commento: "Mi ricordo una partita in casa contro la Salernitana. Si perdeva 2-0 e si era in 10. Lui fece gol ed andammo 2-1. Mi resterà sempre impressa la sua..."

Ciccio Grabbi, come diventare immortali in un solo anno

Ultimo commento: "Grande Bomber, ricordo perfettamente quella stagione. La sua cessione fu un errore, anche se capisco che serviva fare cassa"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rubriche