Calcio Fere
Sito appartenente al Network

Ternana, Gallo ha dovuto fare “tredici” per…

Il ritorno del successo della squadra rossoverde coincide con la prima vittoria con l’attuale allenatore in panchina.

Meglio tardi che mai. Aspetta che ti riaspetta, per mister Fabio Gallo è arivata la prima vittoria da allenatore della Ternana. Eppure, il tecnico lombardo, fresco riconfermato sulla panchina, ha dovuto aspettare ben tredici-partite-tredici. Di pazienza, probabilmente, ne ha avuta tanta. Così come tanta (anzi, troppa) ne hanno avuta i tifosi rossoverdi, che non gioivano più per una vittoria dallo scorso 27 dicembre (Ternana-Teramo 2-1). Il successo sul Ravenna suggella, dopo due mesi e mezzo di lavoro, i progressi lenti ma costanti fatti dalla squadra sotto la guida tecnica di Gallo.

RENDIMENTO IN CRESCENDO. In tredici partite, Fabio Gallo ha ottenuto da tecnico della Ternana 11 punti. In media, siamo al di sotto di un punto a partita. Media, tra l’altro, alzata dall’1-0 ai danni del Ravenna. Il bottino è di 1 vittoria, 4 sconfitte e ben 8 pareggi. Tendenzialmente, un “mister X“, visto che il pari è il risultato più frequente sul ruolino di marcia dell’attuale gestione tecnica. Ma dividendo tutto il periodo della gestione Gallo in tre diversi segmenti, vengono fuori dei dati interessanti e favorevoli all’allenatore di Bollate.

ESORDI DIFFICILI. Inizio decisamente in sordina. L’impresa sembrava ardua pure per lui, come lo era stata per il suo immediato predecessore Alessandro Calori e come lo era diventata negli ultimi tempi per il predecessore di entrambi, Luigi De Canio. Quattro partite, per Gallo, con appena un punto, frutto del pareggio per 1-1 nel recupero Rimini (ottenuto inseguendo) e le sconfitte con la Triestina, nell’altro recupero con la Sambenedettese (gara di andata) e con il Monza. Un solo gol fatto, cinque subiti, con 0,25 di media punti.

PRIMI RISVEGLI. Primi miglioramenti, anche se senza grandi risultati, nelle successive tre giornate, quelle che vanno dal pareggio interno con la Sambenedettese (gara di ritorno) fino alla disfatta al Liberati con l’Imolese, che però è stata l’ultima sconfitta subita dalla Ternana da allora fino ad oggi. Due pareggi (con Sambenedettese e Gubbio) e una sconfitta (con l’Imolese, per l’appunto). Due punti presi, per la media di 0,67 punti a partita. Solo un gol segnato e 4 subiti. Ancora, non poteva essere sufficiente.

SEI PARTITE SENZA PIU’ PERDERE. Ultime sei partite senza mai perdere. La disfatta con l’Imolese ha scosso tutti. E da allora, non solo non si è perso più, ma sono diminuiti pure i gol subiti. Il parziale di questo ultimo periodo preso in considerazione parla di 8 punti in 6 partite, con la media salita a più di un punto a partita. Un bottino frutto di 1 vittoria e 5 pareggi. In attivo anche la differenza reti, con quattro segnate e tre subite. Ciò è confortante, anche se si considera che i tre gol incassati sono stati uno da punizione diretta (Pordenone), uno su rigore (Vicenza) e uno da annullare per doppia irregolarità non rilevata dalla terna arbitrale (Sudtirol).

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le probabili formazioni e le info su dove vedere Ternana-Reggiana, match valevole per l'ottava giornata...
Il debutto della Ternana nel campionato cadetto dopo il trionfo nella serie C dell'anno precedente...
Ancora una volta, la squadra rossoverde non è stata capace di reagire ai colpi incassati:...
Calcio Fere