Calcio Fere
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Ternana, sfida al nuovo Vicenza rifondato

logo l.r. vicenza virtus

I rossoverdi sabato affronteranno una società nuova, sorta dalle ceneri di quella storica

Ternana-Vicenza evoca molto ricordi, positivi o negativi, legati alla storia del calcio italiano. Quello che arriverà sabato al Liberati, però, non sarà il tradizionale club berico, quello con oltre 100 anni di attività, bensì una neonata compagine. In estate infatti il Vicenza Calcio S.p.A 1902 è scomparso, ma grazie alla trovata di un imprenditore veneto la tradizione calcistica cittadina è risorta e tornata a far appassionare i tifosi.

LENTO DECLINO. Gli ultimi anni dei biancorossi sono stati davvero tribolati. Dopo alcuni problemi societari, con diversi avvicendamenti al vertice a partire dai primi anni 2010, il club vicentino retrocede per la prima volta dopo 20 anni in Serie C. Prima la squalifica del Lecce nel 2012, poi il fallimento del Siena nel 2014 lo riporterà a disputare il campionato cadetto, salvo poi tornare nella terza serie definitivamente due stagioni più tardi.

ANNO FALLIMENTARE. Per il Vicenza il 2018 è stato l’anno della fine. Rilevata nel 2017 da una cordata di imprenditori locali, il 18 gennaio la società viene dichiarata fallita dal Tribunale della città veneta ed è costretta a concludere la stagione in esercizio provvisorio sotto la guida di un curatore fallimentare. I biancorossi riescono addirittura a salvarsi, evitando la Serie D dopo i playout, ma la Figc revoca il titolo sportivo e le attività sociali cessano definitivamente.

NUOVA VESTE. In estate, però, arriva la svolta. Il 31 maggio Renzo Rosso, fondatore e azionista dell’azienda di abbigliamento Diesel e proprietario del Bassano Virtus, rileva i cespiti all’asta di liquidazione e rifonda la società. Tutto ciò avviene trasferendo la sede da Bassano del Grappa (dove rinasce in modo indipendente dal suo gruppo la squadra, che disputa le categorie dilettantisiche regionali) al capoluogo provinciale, con la nuova denominazione L.R. Vicenza Virtus. Un segno di continuità con il passato, oltre il mantenimento dei colori sociali, è il ritorno dello storico marchio Lanerossi nel nuovo nome. In questo modo è stata salvata la ricca tradizione calcistica della città, visto che il “nuovo” Vicenza” si pone di fatto come erede di quello fondato 116 anni fa.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

I due ex rossoverdi, il primo oggi assessore il secondo opinionista hanno preso parte all'evento...
Lo 0-0 di Brescia è uno dei ben sei risultati a reti bianche della 34' giornata....
L'ottimo ingresso in campo di Dionisi a Brescia fa aumentare le sue quotazioni in vista...

Altre notizie

Calcio Fere