Resta in contatto

News

Ternana, finalmente la prima vittoria

Un gol per tempo e la Virtus Vecomp Verona è battuta, grazie anche al cinismo e alla capacità di colpire al momento giusto.

Vittoria per 2-0 con una rete per tempo. La Ternana coglie il suo primo successo e stavolta tira fuori il temperamento della squadra vera, riuscendo a capitalizzare al massimo le occasioni e ad imporsi con il cinismo, come fanno proprio le squadre vere.

Battuta una Virtus Vecomp Verona che in gran parte del primo tempo e in quasi metà della ripresa ha comunque spaventato più di una volta la truppa di Luigi De Canio. Sono quelle sfide nelle quali, alla fine, al netto delle occasioni e degli episodi, viene fuori chi ha più qualità.

 

INIZIO DIFFICILE, POI LA SVOLTA. Prima frazione con i locali subito intraprendenti. Sul terreno di gioco stretto del Gavagnin-Nicini, i veronesi si trovano bene, mentre la Ternana deve abituarcisi un po’. Un paio di spauracchi creati, poi la geneRosa Virtus deve subire la concretezza rossoverde.

Ternana meglio quando ha cominciato a pressare più alti gli avversari, costringenoli pesso all’errore in disimpegno. Dopo un paio di buone occasioni e l’ennesimo miracolo di un portiere (stavolta Sibi su clpo di testa ravvicinato di Marilungo), il gol arriva grazie a Defendi, bravo a trovarsi in mzzo all’area a raccogliere un bel cross di Lopez e a girare in rete d’esterno. Reazione locale affidata a due conclusioni non pericolose.

LA SOFFERENZA PRIMA DELL’AFFONDO. Al rientro in campo, dopo il riposo, la Virtus Vecomp decide di tentare il tutto per tutto. La Ternana torna ad aspettare troppo gli avversari e per una buona mezz’ora soffre. Nei primi minuti ci vuole uno strepitoso Iannarilli per negare a Momentè il pareggio; poi è il guardalinee a negarlo allo stesso giocatore sbandierandogli una posizione di fuori gioco su in filtrante che aveva portato l’attaccante di Luigi Fresco a dribblare Iannarilli e a depositare in rete.

Soffre, la Ternana, ma intanto si divora un gol fatto, con Salzano ben imbeccato che sotto porta tenta la conclusione di potenza e spara alto. Dop la mezz’ora – e dopo i cambi di Luigi de Canio – arriva il gol della sicurezza da calcio d’angolo, con il nuovo entrato Nicastro appostato bene davanti alla porta ad approfittare di un’incertezza in uscita del portiere e a depositare di testa nella porta oramai sguarnita. Il gol che di fatto chiude la partita. Inutili, nel finale, due tentativi dei locali che non trovano la porta.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Avanti così.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Fede feroci avanti cosi’

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News