Resta in contatto

News

Fere, caccia alla prima vittoria: si gioca in una struttura che ospita tre sport diversi

Fischio d’inizio alle 14.30 al Gavagnin-Nocini, dove il calcio è soltanto una delle discipline. E nemmeno la maggiore

Fra le tante stranezze della Virtus Verona che oggi alle 14.30 ospiterà la Ternana c’è anche il fatto di giocare – per la prima volta – in una struttura pensata in origine per un altro sport e poi diventato impianto polifunzionale.

Il Centro Sportivo Mario Gavagnin-Sinibaldo Nocini è infatti da sempre la casa del Verona Rugby, formazione che da quest’anno milita per la prima volta nella storia nel campionato di Eccellenza, la serie A della palla ovale. Sullo stesso campo gioca anche la Scaligera Rugby, società di Valeggio sul Mincio che milita nel campionato di serie C.  Nonostante abbia soli 600 posti a sedere, è il massimo impianto di una struttura che oggi annovera altri due impianti.

C’è infatti il ‘diamante’ che ospita le gare della Dynos Verona e della BT Verona, società di baseball e softball, con una una capienza di 1000 spettatori che ha ospitato gare di nazionali come Cuba, Cina Taipei, USA e Messico ed infine c’è il campo di calcio, ricavato nella stessa struttura, che ospita non solo la Virtus Verona di serie C ma anche la omonima formazione che milita in Promozione, che afferisce alla stessa società. Un campo che oggi,. dopo gli interventi realizzati dal precedente sindaco Tosi ospita 1200 spettatori.

Uno degli impianti più piccoli del campionato di serie C ed è certamente curioso che il calcio sia ‘ospite’ del rubgy: l’unico altro precedente che si ricordi è quello dello stadio Tommaso Fattori, casa de L’Aquila Rugby che ospitava – in quel caso però sullo stesso identico campo – anche la squadra di calcio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News