Resta in contatto

News

L’Avellino non molla la B: domani va al Tar

Attesa la sentenza dei giudici amministrativi sulla richiesta di riammissione degli irpini al campionato. I legali di Taccone puntano sul comunicato Figc del 30 agosto. Giudizio in arrivo anche per Como e Santarcangelo in C

La Serie B resta a 19 squadre ma l’Avellino non si arrende. Il club campano non vuole restare fuori dalla cadetteria, pur avendo già perso tutto l’organico svincolato, dopo l’esclusione dello scorso luglio a causa della presentazione di una fideiussione priva di rating. Dopo il no alla richiesta di sospensiva da parte del Tar del Lazio, i legali del presidente Walter Taccone avevano preparato una lettera di diffida per la Federazione a non assegnare gli eventuali posti da reintegrare in caso di format a 22, un provvedimento cautelare in vista dell’eventuale pronunciamento favorevole da parte dei giudici amministrativi. Il comunicato della Figc del 30 agosto d’altronde ha riaperto i termini per consentire a Palermo e Lecce e 10 club di Serie C di sostituire la fideiussione Finworld, l’Avellino conta di poter entrare a far parte di questo gruppo ed ha mosso i suoi legali in tal senso. Domani il collegio giudicante entrerà nel merito e non si parlerà di risarcimento danni, ma di rispondere alla richiesta di riammissione in Serie B. Soltanto in seconda istanza, in caso di risposta negativa, gli irpini valuteranno eventuali responsabilità penali e richieste di risarcimento. Nello stesso giorno davanti al Tar del Lazio si presenteranno anche Como e Santarcangelo che chiedono di poter partecipare alla C rispettivamente tramite ripescaggio e riammissione.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da News