Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Tifosi

Ternana, il CCTC torna a parlare di Stadio e Centro Sportivo: “Basta soprusi, ci si assuma responsabilità”

I club rossoverdi, tramite note ufficiali, trattano gli argomenti più caldi della città. Dal silenzio della Regione al ricorso al Tar per Villa Palma

Dopo aver gioito per il derby vinto e con l’avvicinarsi del momento fatidico in cui si conoscerà il futuro sui due importantissimi progetti infrastrutturali della società, il Centro Coordinamento Ternana Clubs è tornato a parlare con due note ufficiali.
Questione Stadio-Clinica: Il Perugia perde il derby e “qualcuno” lassù vorrebbe “rifarsi” in altri ambiti contro Terni. Ma così come accaduto domenica scorsa al Libero Liberati non gli sarà permesso o, comunque, non gli sarà permesso “invano” recita il primo comunicato, dove si sottolinea come tardi ancora ad arrivare la pronuncia della Regione in merito al progetto sanitario al quale è legata l’opera. ‘Basta con le furbizie, la Città di Terni e il suo territorio sono stanchi dei soprusi subiti da sempre e altresì invitano il Sindaco, ogni assessore e consigliere comunale a scendere con decisione in campo e capitanare questa sacrosanta battaglia di equità sociale, da perseguirsi unitamente a quella per il nuovo ospedale di Terni, anche quello obsoleto al pari dello stadio (…. ) Se le rappresentanze politiche di questo territorio non se ne fossero accorte, domenica scorsa un popolo di circa 13.000 spettatori (ed elettori….) festante, civile, gioioso e desideroso di riscatto, ha gremito gli spalti del glorioso ma ormai obsoleto stadio Libero Liberati. Prima che alla Ternana Calcio e a Bandecchi è a questi ternani, a questi umbri, che la politica ha il dovere dare risposte che invece non arrivano, anzi lasciando trapelare esiti nefasti“. La nota si conclude con l’invito ai vertici regionali a fare chiarezza quanto prima sull’argomento, anche considerando le imminenti elezioni.
Altro capitolo, quello del Centro Sportivo di Villa Palma, di cui in giornata ha parlato anche Bandecchi. A creare polemica, stavolta c’è un ricorso al Tar che potrebbe rallentare le operazioni:  ‘Terni è una strana Città in cui i problemi e gli ostacoli al proprio sviluppo non vengono solo dalla matrigna Perugia, spesso purtroppo vengono allevati in seno e pavidamente assumono le sembianze di pseudo comitati (…..) Ottimo quindi, invece a Terni no… ecco che dopo il comitato “spontaneo” di via Leopardi contro il nuovo stadio spunta il comitato “unifamiliare” di villa Palma che per interessi risibili del tutto privati e personali si mette di traverso minacciando improbabili ricorsi al TAR che oltre a frenare potrebbero forse inficiare un grosso investimento privato, ma dalle indubbie ricadute di pubblico interesse. Questa famiglia/pseudocomitato nel perseguire i propri interessi esclusivamente personali ha pure tentato di coinvolgere (senza successo) i vicini entusiasti invece del progetto, ciò nonostante non desiste dai propri pervicaci intenti anche se tutto ciò rischia di andare a danno della collettività. Lasciamo ad ognuno il giudizio sulla vicenda, per quanto ci riguarda confidiamo in un civico ravvedimento, ma in caso contrario (documenti alla mano trattandosi di atti pubblici) siamo pronti, come nostro stile, a fare nomi e cognomi in modo che ci sia una assunzione di responsabilità di fronte alla pubblica opinione.”
2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoverdi

IN ROSSOVERDE L'ANNATA MIGLIORE DI "CICCIO"

Corrado Grabbi

IL NOSTALGICO CENTRAVANTI DIVENTATO IDOLO DI TERNI

Massimo Borgobello

L'ATTACCANTE DI BORGO RIVO, IL "BOMBER CON LA SCIARPA AL COLLO"

Riccardo Zampagna

Altro da Tifosi