Resta in contatto

Amarcord

Il rosso e il verde della Ternana, una scelta unica e sofferta

La storia dei colori sociali cittadini: confronti e affinità con le altre rarissime realtà simili

La scelta non fu mica immediata: trovare i colori della maglia “sociale” della squadra di calcio cittadina a Terni fu comunque una cosa complicata. Intanto le società che avevano iniziato questa nuova disciplina erano addirittura due,  l’Unione Calcistica Ternana, seguita poi dal Terni Football Club nel 1920. Quest’ultima dovette “studiare” per evitare di scegliere altre divise sociali, soprattutto quella dell’Uct che era bianconera. Nacque solo allora l’idea di una maglia completamente coperta da strisce, larghe, rosso e verdi. A ben vedere anche oggi nel mondo calcistico italiano non v’è nessuna società, tra quelle di una certa importanza, che abbia fatto questa scelta. A livello internazionale la sola Bulgaria assomiglia alla maglia delle mitiche Fere, ma i balcanici giocano spesso con una maglia bianca e le righe rossoverdi trasversali molto piccole: d’altra parte è la loro bandiera, un tricolore come quella italiana.

Alla fine però le maglie rossoverdi sono davvero poche. Sì, certo, anche la Pontevecchio, che è la squadra di una frazione, la più popolosa di Perugia,  ha questa divisa ed è davvero singolare vedere il composè cromatico e poi sentir parlare perugino.  Il Grassina Calcio, in Toscana, mantiene la stessa maglia come la campana Real Grumese, che tiene alto l’onore di Grumo Nevano, ma si tratta chiaramente di un calcio minore. Chissà perché? Alla fine altri abbinamenti sono tranquillamente sfruttati da molte società, come il rossoblù che è vestito da decine di formazioni. A proposito, è la maglia più usata. Seguita poi dal bianconero, soprattutto in Sudamerica. Va pure sottolineato che ormai i colori sociali tendono ad essere solo un piccolo segno su una maglia che può spaziare su tutti i colori della tavolozza e su qualsiasi foggia, perché ormai imperversa il merchandising e la cosa importante è cambiare una maglia all’anno, in modo che i tifosi passino all’acquisto.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Top 11 della Ternana: Borgobello, vicecapocannoniere della storia rossoverde

Ultimo commento: "non sò chi ha scritto l'articolo ma veniva dal Brescello e non dal Chievo ;)"

“Lele” Ratti, il recordman di presenze in rossoverde

Ultimo commento: "28 reti no di sicuro ,non segnò mai."

Top 11 rossoverde: Grava, partito dalle Fere e arrivato alla fascia che fu di Maradona

Ultimo commento: "Un calciatore che ha' fatto della determinazione ed abnegazione il suo percorso formativo e calcistico , dando spesso tutto di se sudando la maglia..."

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Me lo ricordo. Un grande!"

Claudio Tobia, il ‘Cinghiale’ con la pelle rossoverde

Ultimo commento: "Claudio Tobia a Catanzaro lo ricordiamo con affetto per essere stato il Mister della promozione in B 1986 / 1987"
Advertisement

Altro da Amarcord