Calcio Fere
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

L’alfabeto rossoverde: il 2020 della Ternana in 21 lettere

Come tradizione, vi raccontiamo l’anno rossoverde in 21 lettere. Ventuno storie, altrettanti fotogrammi di quello che sarà ricordato come l’anno solare più strano della storia del calcio italiano.

A come ARBITRI: Nel bene o nel male, gli arbitri sono stati protagonisti dei momenti topici dell’anno solare. Gli errori del signor Matteo Marchetti di Ostia Lido hanno segnato in modo decisivo la sfida playoff con il Bari. Tutt’altra musica in questa stagione dove i rossoverdi hanno trovato direttori all’altezza, forse anche beneficiando di un paio di decisioni.

B come BANDECCHI: Nel nostro sondaggio lo avete eletto ‘Rossoverde dell’anno’ ed in effetti il patron delle Fere è stato sempre in prima linea in questa stagione, investendo sulla squadra ma anche nella sicurezza e per la città. Il rapporto con le istituzioni è andato migliorando ed i tanti progetti messi in campo per la città lo hanno trasformato in un interlocutore privilegiato.

C come CENTOUNDICI: Come i giorni ‘di non calcio’, intercorsi fra l’8 marzo, in cui è andata in scena l’ultima partita prima del lockdown, Avellino-Ternana ed il 27 giugno, data di Ternana-Juventus Under 23 finale di Coppa Italia, che ha riaperto anche la serie C.

D come DIRITTI TELEVISIVI: La stagione disgraziata di Eleven Sports, con i ripetuti black out sul segnale, ha riaperto una partita che sembrava impossibile, quella dei diritti per le partite: Cusano Italia Tv, in quanto emittente nazionale, ha potuto acquisire tutte le dirette della Ternana, ma quella è stata la breccia per tante emittenti locali, che ciascuna nella propria realtà si sono fatte avanti per il pacchetto di 6 dirette e tutte le differite e per Sky, che ha bussato alle porte della Lega Pro.

Cesar Falletti

E come ESPERIENZA: Sono gli anziani a guidare la Ternana: lo hanno fatto nella passata stagione, lo stanno facendo in questa: Defendi, Falletti, Vantaggiato, Mammarella: la truppa degli Over 30 (e oltre) sta trainando i rossoverdi in testa al campionato.

F come FALLETTI: Il ritorno del ‘Folletto’ è stato il grande colpo del mercato rossoverde, una trattativa cominciata sottotraccia a Gennaio e conclusa a settembre. Falletti si è subito dimostrato un grande trascinatore e con 9 reti è  già il capocannoniere della squadra.

G come GALLO: Al tecnico di Bollate va reso il giusto merito di aver condotto la Ternana ad una finale di Coppa Italia che non disputava da quarant’anni e di essere uscito ai playoff senza perdere dopo una partita nella quale ha perso tutti e quattro i cambi nel primo tempo. E chissà come sarebbe andata se la direzione arbitrale non fosse stata a senso unico.

H come HELP: Terni col cuore in soccorso della città. Pacchi alimentari durante il duro lockdown di Marzo, con la squadra coinvolta in prima persona, donazioni all’ospedale ed una serie di iniziative che l’hanno vista al fianco della città e delle persone in difficoltà. La solidarietà che vince sempre.

I come INFORTUNI:  La stagione scorsa si era chiusa con una lunga scia di giocatori fuori uso, alcuni dei quali non hanno pienamente recuperato nemmeno per i playoff ed altri che in quella partita di Bari hanno pagato un conto molto salato (vedi Celli e Ferrante). Quella attuale è arrivata alla pausa con una difesa ridotta all’osso dagli infortuni che sarà il vero grande rebus del mercato di riparazione.

L come LUCARELLI: La scommessa della società di puntare su un tecnico relativamente giovane e con fame di vittorie sta pagando. Non c’è dubbio che nel primato della Ternana c’è molto anche della capacità del tecnico di tenere sempre tutti sotto pressione e di infondere la giusta mentalità. Ma anche L come LEONE: Il direttore sportivo è riuscito ad apportare i giusti correttivi alla squadra, rinforzandola dove serviva.

Carlo Mammarella

M come MAMMARELLA: Forse questa sarà la sua ultima stagione da giocatore, all’alba dei 39 anni da compiere. Ha detto più volte che il suo desiderio sarebbe quello di chiudere vincendo e conquistando una promozione. Sta dando il suo contributo con giocate di livello, che si uniscono ai gol pesanti dello scorso campionato.

N come: NUOVI INGRESSI: Il ritorno di Valerio Caroli, responsabile dello staff fisioterapico è sicuramente un colpo grosso, ma non vanno dimenticati i freschi innesti nel settore femminile, con una dirigenza che punta decisamente a far crescere in esperienza un gruppo alle prese con un campionato piovuto dal cielo all’improvviso.

Gabriele Onesti

O come ONESTI: L’esterno reatino è rimasto in rossoverde ed ha avuto anche un paio di occasioni per mettersi in mostra, dimostrando di poter dire la sua nonostante la giovanissima età. Probabile che alla ripresa del Primavera 3 vada spesso a dare una mano a Mariani, di sicuro è un elemento interessante da valorizzare.

P come PROTOCOLLI DI SICUREZZA: Se scriviamo che la Ternana è stata un modello su questo fronte non è da intendersi come piaggeria: tamponi più volte a settimana, rigido rispetto della normativa anti-Covid, riduzione al minimo dei rischi per i giocatori con uscite ridotte all’essenziale, norme rigide anche per noi della stampa. Del resto per la squadra che è espressione di una università che fa della ricerca scientifica il proprio cardine, non potrebbe essere diversamente.

Q come QUARANTA:  Come i punti della Ternana nelle prime 17 partite di campionato in questa stagione, 54 totali nell’anno solare contando anche le partite giocate fino al lockdown. Una media di 1,93 punti a partita nell’anno solare e 2,36 in questa stagione.

R come RIVELAZIONI: Matija Boben e Ivan Kontek sono le grandi scommesse vinte di questa stagione, giocatori poco noti al grande pubblico sui quali la società ha deciso di investire. Lo sloveno, al netto di qualche piccolo svarione, si è dimostrato affidabile, segnando anche un gol e il croato, fino all’infortunio ha mostrato autorevolezza sia in difesa che in mezzo al campo.

S come STADIO: Il progetto del nuovo stadio sta per prendere forma: questo l’annuncio del presidente Bandecchi, che intende realizzare anche una clinica, in parte convenzionata con l’azienda ospedaliera di Terni. Sarà uno dei temi caldi, se non il tema principali dei prossimi mesi.

Il Liberati vuoto

T come TRENTASEI: Come il numero dei calciatori scesi in campo per almeno una partita ufficiale nell’anno solare in maglia rossoverde. Ai 28 di questa stagione (cioè tutti i giocatori di movimento eccetto Ndir,  coi portieri di riserva Vitali e Casadei al palo) se ne aggiungono 8 della scorsa stagione: Nesta, Celli, Marilungo, Parodi, Verna, Sini, Marcone e Tozzo.

U come UNITA‘:  La grande differenza rispetto soprattutto alla prima parte della scorsa stagione è stata l’unità di intenti ed uno spogliatoio compatto, senza malumori, dove anche chi ha giocato meno ha saputo attendere il suo momento e mettersi a disposizione del gruppo. Non c’è dubbio che vincere aiuta a stare uniti, ma anche viceversa.

V come VANTAGGIATO: Il 2020 è l’anno della rinascita del Toro di Brindisi, passato da giocatore ai margini ed esubero costoso a protagonista centrale del progetto. Conta molto anche l’amicizia con Lucarelli, certamente. Ma quello di questa stagione è proprio un altro giocatore rispetto a quello visto prima in maglia rossoverde.

Z come ZERO: Come le sconfitte in questo campionato, ma anche come le presenze di Vitali e Casadei. Zero, purtroppo anche come il pubblico allo stadio, eccezion fatta per due partite. La stagione sarà ricordata anche per questo ultimo triste dato.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Squadra al lavoro all'antistadio Taddei, la situazione nel report ufficiale....
L'incredibile stagione del calciatore pisano. che per ben 5 volte si è visto annullare gol...
Rossoverdi a caccia del bis dopo aver sfatato un incantesimo che durava 18 anni: la...

Altre notizie

Calcio Fere