Resta in contatto

Il punto di Ivano Mari

La Ternana attesa alla “prova maturità” contro il Monopoli

L’umanità di Bandecchi, la qualità del lavoro di Gallo e la lungimiranza di Leone alla base del “progetto Ternana”

Si avvicina un’altra sfida di quelle che sembrano essere alla portata della Ternana ma che deve essere vissuta dai rossoverdi con la stessa mentalità esternata finora. Prima di parlarne, però, vorremmo sottolineare due significativi aspetti della gestione Bandecchi iniziando dalla decisione di inserire nello staff tecnico Luigi Viola che, almeno fino a gennaio deve osservare un periodo di stop per continuare, poi, con l’ultimo movimento di mercato operato da Luca Leone. Nel primo caso la società rossoverde è stata straordinaria perchè all’insorgere della problematica non ha fatto quello che avrebbero fatto la maggior parte delle società ovvero impugnare il trasferimento del giocatore e rispedirlo al mittente alla stessa stregua di un pacco postale.

No, Bandecchi non ha voluto questo, ha preteso di andare a fondo per il bene del ragazzo già prostrato nel morale per l’imprevisto ed improvviso stop. Provate ad immaginare un ragazzo di 29 anni, entusiasta del trasferimento alla Ternana, che, di punto in bianco, viene fermato per problematiche relative alla sua salute. No, Bandeccchi non lo ha lasciato solo; lo ha assistito nel miglior modo possibile e, ultima dimostrazione della sua sensibilità e anche di quella di Fabio Gallo, ha deciso di farlo sentire partecipe del progetto Ternana inserendolo nello staff tecnico. Un gesto di grande umanità che avrà rincuorato Luigi Viola anche se in fondo, vedendolo all’opera resta quel velo di tristezza in lui per non essere tra i protagonisti in campo, ma che lo aiuterà a tener viva quella speranza di poter tornare presto a calcare il Liberati  insieme ai compagni di squadra.In un calcio malato e caratterizzato da decisioni contrastanti e sempre più spesso incomprensibili l’umanità esternata in casa rossoverde rappresenta uno dei pochi gesti da prendere ad esempio.

Il secondo aspetto che vorremmo analizzare è quello dell’arrivo del terzo portiere, uno che sulla carta doveva unire affidabilità e disponibilità a far crescere Iannarilli e Tozzo. Leone ci ha lavorato per giorni interi ma senza far trapelare quelle che erano le sue intenzioni, i suoi orizzonti. E alla fine ha tirato fuori il nome; non un nome qualunque ma quello di un giocatore, Richard Marcone, di 26 anni, un giocatore non a fine carriera, quindi, ma uno che ha un buon curriculum con esperienze anche di serie B.
Anche in questo caso l’investimento è stato di quelli importanti e teso al futuro.

Insomma, Leone non ha puntato su un giocatore tanto per riempire la casella del terzo portiere ma ha portato a Terni un giocatore che se la giocherà con Tozzo e Iannarilli per difendere la porta rossoverde aumentando la concorrenza e, di conseguenza, la qualità del lavoro in settimana. E soprattutto, indirettamente, fanno capire quali siano le intenzioni della società, a ragione tenute segrete, sul ruolo che deve avere la Ternana nella corrente stagione agonistica. Non perdiamo, però, di vista l’ appuntamento di domenica pomeriggio, quello che avrà come teatro il Liberati il cui manto erboso in settimana ha dato confortanti segnali di ripresa. L’occasione è ghiotta per centrare la quarta vittoria consecutiva in campionato; ci sono i presupposti per farlo, ma non sarà facile perchè il Monopoli è una squadra tosta che Scienza sta plasmando a suo immagine e somiglianza e che si presenterà con il suo 3-5-2 con cui tenterà di imbrigliare la manovra rossoverde. La squadra di Gallo dovrà aver pazienza, dovrà tenere alto il ritmo, l’intensità per rompere quel prevedibile muro dei pugliesi a centrocampo  aumentando il livello di qualità delle sue giocate.

I giocatori tecnici ci sono e l’intenso lavoro svolto in settimana dovrebbe aver migliorato ulteriormente il livello di competitività della squadra con l’unica variabile non prevedibile, però, che è quella di come entrerà in campo la squadra e di quale sarà l’interpretazione della partita dopo il conseguimento di tre vittorie consecutive. Insomma, potrebbe essere anche la partita della maturità ovvero quella in cui dovrà dimostrare che non è consentito distrarsi neanche per un momento per puntare decisamente, pur in presenza di difficoltà, verso l’obiettivo finale ovvero la quarta vittoria. Ed in questo potrà contare sull’apporto del pubblico del Liberati.

 

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Mario polli Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Mario polli
Ospite
Mario polli

Un calcio umano e rispettoso della dignità e sensibilità dei suoi giocatori.
Il ritorno per la Società sarà enorme. Si i giocatori sono uomini non pacchi postali.
Con questo gesto la Ternana ha già vinto lo scudetto dell’umanità.

Advertisement

Il “Maestro” Corrado Viciani, il “gioco corto” e la storica serie A della Ternana

Ultimo commento: "Questo, per chi ha vissuto in prima persona è un tuffo al cuore pieno di bei ricordi(indimenticabili), mia opinione è che se Viciani ha potuto..."

Riccardo Zampagna, il segno sulla sua Ternana

Ultimo commento: "Riccardo uno di noi!"

Roberto Clagluna, il ‘Clag’ e quella sua stagione da record

Ultimo commento: "sì ma era anche un campionato con 2 punti a vittoria e non a 3 come adesso ... in chiave moderna sarebbe stata promozione con tanti pareggi come..."

Massimo Borgobello, un bomber che ha fatto storia

Ultimo commento: "Mi ricordo una partita in casa contro la Salernitana. Si perdeva 2-0 e si era in 10. Lui fece gol ed andammo 2-1. Mi resterà sempre impressa la sua..."

Ciccio Grabbi, come diventare immortali in un solo anno

Ultimo commento: "Grande Bomber, ricordo perfettamente quella stagione. La sua cessione fu un errore, anche se capisco che serviva fare cassa"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Il punto di Ivano Mari