Resta in contatto

News

Ternana, la Curva Nord: “Lasciamo vuoti i gradoni dello stadio”

Il gruppo di tifosi rossoverdi, tramite un comunicato ufficiale, esprime il disappunto verso la squadra ed esorta a disertare il Liberati: “Non c’è rispetto per la storia e per la città”

Duro, ma efficace e condivisibile il comunicato pubblicato questa mattina da parte della Curva Nord. Il gruppo di sostenitori della Ternana ha espresso tramite alcune righe tutto il disappunto e la rabbia verso una situazione grottesca, caratterizzata dal crollo della squadra rossoverde e culminata con la messa in vendità della societù da parte del presidente Bandecchi.

IL COMUNICATO– Ecco la nota ufficiale, in cui si parla di rispetto per la storia del club e della maglia, oltre che dell’intera città. La Curva Nord sarà vuota dalla partita delle Fere contro il Pordenone, in programma domenica 24 marzo, fino a fine stagione, ma i ragazzi che ne fanno parte continueranno ad andare in trasferta.

UMILIAZIONE– “Dopo la vergognosa stagione dello scorso anno, credevamo in un campionato di riscossa sia per la squadra che per la piazza rossoverde. Per questo motivo non abbiamo voluto lasciarvi mai soli,
continuando a sostenervi, anche quando i risultati non arrivavano, sventolando fieri i nostri amati colori in ogni partita, macinando chilometri e facendo sacrifici, ricevendo in cambio prestazioni e risultati umilianti. La partita di domenica scorsa ha rappresentato senza dubbio una delle pagine più avvilente della storia della Ternana. Siamo esasperati dalle chiacchiere e da un manipolo di mercenari senza dignità, che ogni domenica offendono e disonorano la maglia rossoverde”

MANCANZA DI RISPETTO– “Quello che è venuto a mancare è il rispetto per la storia di una squadra e per un’intera città. Per questi motivi, abbiamo deciso che da domenica 24 marzo lasceremo vuoti i gradoni del Liberati, onorando il nostro vivere ultras andando solo in trasferta. Questo perché siamo abituati a scontrarci con diffide e repressione! Non saranno certo un gruppo di omuncoli o i risultati calcistici a far vacillare il nostro ideale”.

LA PROTESTA– “Invitiamo tutto il popolo rossoverde ad unirsi alla nostra protesta disertando il Liberati fino alla fine del campionato. Tutti coloro che oggi indossano o rappresentano la Ternana devono capire cosa significa sentirsi soli e quanto ciò renda vulnerabili. Sensazioni che noi conosciamo bene, dopo anni di gestioni e stagioni calcistiche desolanti. Le società, i giocatori, le categorie passano ma l’amore per quei colori nessuno ce li potrà mai portare via. Uniamoci per vivere insieme l’ennesimo complicato momento della Ternana perché, come è stampato nel dna di ogni ternano.. semo nati pe tribbolà

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News